La verità sulle Bonus assunzioni 2017 SUD ITALIA

(Bologna)ore 20:02:00 del 15/01/2017 - Categoria: , Lavoro

La verità sulle Bonus assunzioni 2017 SUD ITALIA

Si tratta della possibilità per le imprese delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, e delle regioni Abruzzo, Molise e Sardegna, di beneficiare di un incentivo all’assunzione di 8.060 euro, una sorta di esonero contributivo, per le a

Bonus assunzioni 2017 SUD ITALIA - Il Ministero del lavoro e l’Anpal hanno decretato i nuovi Incentivi assunzione SUD 2017. Si tratta della possibilità per le imprese delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, e delle regioni Abruzzo, Molise e Sardegna, di beneficiare di un incentivo all’assunzione di 8.060 euro, una sorta di esonero contributivo, per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato, ma anche apprendistato professionalizzante e part-time, effettuate dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017 in favore di giovani lavoratori under 24 anni e anche lavoratori con almeno 25 anni privi di un impiego retribuito da almeno sei mesi.

Bonus assunzioni 2017 SUD ITALIA -L’incentivo previsto dall’Anpal (Agenzia Nazionale per le politiche attive) e dal Ministero del Lavoro, annunciato dal Governo Renzi e dal Ministro Poletti, è previsto in un Decreto che sarà reso operativo e definitivo entro fine dicembre. Le risorse disponibili sono pari a 530 milioni, di cui soli 30 milioni per le regioni Abbruzzo, Molise e Sardegna, considerate “Regioni italiane in transizione”, mentre le altre regioni del SUD sono considerate “Regioni meno sviluppate”.

Bonus assunzioni 2017 SUD ITALIA -L’incentivo assunzione SUD 2017 pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi INAIL, nel limite massimo di 8.060 euro annui, da usufruirsi tramite conguaglio mensile entro il 28 febbraio 2019, sarà gestito dall’Inps alla quale bisognerà fare un’apposita domanda. L’incentivo è ovviamente riconosciuto fino ad esaurimento dei fondi.

A chi spetta l’incentivo occupazione SUD 2017
Come si legge nel Decreto, l’incentivo assunzione nel SUD, pari a 8.060 euro annui per lavoratore assunto, “è riconosciuto ai datori di lavoro che assumano persone disoccupate, ai sensi dell’art. 19 del D. Lgs. n. 150/2015, in possesso delle seguenti caratteristiche:
Giovani di età compresa tra 15 anni e 24 anni;
Lavoratori con almeno 25 anni, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, ai sensi del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 20 marzo 2013”.

Bonus assunzioni 2017: le agevolazioni per i datori di lavoro

Bonus assunzioni confermati anche nel 2017. I datori di lavoro potranno beneficiare di importanti agevolazioni per l’assunzione di nuovo personaleanche per il prossimo anno. L’ultima novità è l’introduzione del Bonus assunzioni Sud, introdotto con la Legge di Bilancio 2017, con il quale è previsto lo sgravio contributivo per i datori di lavoro che assumeranno giovani tra i 15 e i 24 anni e over 25 disoccupati da almeno 6 mesi.

Come abbiamo già affermato in precedenza, non si tratta della sola agevolazione per le assunzioni prevista nel 2017. Sono molti i bonus assunzioni confermati rivolti ai datori di lavoro del settore privato ma, per la fruizione dei benefici è richiesto il rispetto di determinati requisiti.

Sulla base di quanto previsto dall’articolo 31 del Decreto Legislativo 150/2013gli incentivi per l’assunzione non spettano in caso di:

assunzione per attuazione di obbligo preesistente stabilito da norme di legge o contrattazione collettiva;

se l’assunzione viola il principio di precedenza alla riassunzione di un lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da lavoro a termine;

assunzioni da parte di datori di lavoro che hanno in atto sospensioni dal lavoro per crisi o riorganizzazione aziendale;

assunzioni di lavoratori licenziati dallo stesso datore di lavoro nei 6 mesi precedenti.

Si ricorda che per richiedere i bonus assunzioni 2017 è necessario inoltrare la documentazione richiesta dall’Inps esclusivamente in modalità telematica e nei tempi stabiliti, pena la decadenza dalla possibilità di fruire delle agevolazioni previste.

Tipologia di assunzione

La tipologia contrattuale incentivata è unicamente quella del contratto subordinato a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione. La disponibilità agevolativa potrà riguardare anche il contratto di apprendistato professionalizzante, che sappiamo essere un contratto a tempo indeterminato. L'incentivo è riconosciuto, altresì, in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a tempo determinato.

Rientra nell'ambito di applicazione dell’incentivo anche il socio lavoratore di cooperativa, se assunto con contratto di lavoro subordinato.

Per quanto riguarda la durata oraria, del rapporto di lavoro agevolato, è prevista la possibilità anche del tempo parziale. In questo ultimo caso, l’incentivo dovrà essere proporzionalmente ridotto rispetto al tempo pieno.

Le esclusioni, espressamente indicate dal Ministero del Lavoro, sono in merito al contratto di lavoro domestico ed al lavoro accessorio. Se per quanto riguarda il lavoro domestico, ci potevano essere dei dubbi e quindi è stata una indicazione chiarificatrice, per quanto riguarda il lavoro accessorio, poteva anche essere evitata la precisazione, per due motivi: non si tratta di un rapporto stabile di lavoro, in quanto di scarso valore (il lavoratore “accessorio” non può prestare attività lavorativa con lo stesso committente per più di 2.000 euro l’anno) e poi perché, a tutti gli effetti di legge, non si tratta di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Inoltre, il fatto di aver espressamente escluso il lavoro accessorio, potrebbe far pensare che, se non vietato dal Ministero, si potrebbe applicare l’agevolazione contributiva anche al rapporto a tempo indeterminato intermittente. Ritengo che non sia fattibile, che sia prevista, o meno, l’indennità di disponibilità; ciò, sempre per una mancanza di continuità della prestazione e stabilizzazione, anche retributiva, del rapporto di lavoro.

Lavoratori

I destinatari del bonus contributivo sono persone disoccupate e cioè prive di impiego che dichiarano - ai sensi dell'articolo 19, del Decreto Legislativo n. 150/2015 - in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro, concordate con il Centro per l'impiego.

Inoltre, per usufruire del bonus, i lavoratori devono trovarsi in una delle seguenti condizioni soggettive od oggettive:

· giovani di età compresa tra i 15 anni e 24 anni;

ovvero

· lavoratori con oltre 24 anni di età, "privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi". Cioè coloro che negli ultimi sei mesi non hanno prestato attività lavorativa riconducibile ad un rapporto di lavoro subordinato della durata di almeno 6 mesi ovvero coloro che negli ultimi 6 mesi hanno svolto attività lavorativa in forma autonoma o parasubordinata dalla quale derivi un reddito inferiore al reddito annuale minimo personale escluso da imposizione (Decreto del Ministro dei Lavoro e delle Politiche Sociali del 20 marzo 2013)

Non sono soggetti destinatari dell’agevolazione coloro i quali dovevano essere obbligatoriamente assunti dall’azienda per motivi di legge (es. azienda obbligata da un verbale ispettivo perché il lavoratore prestava attività lavorativa “in nero”) o di contratto collettivo (es. diritto di precedenza). Inoltre, per usufruire dell’incentivo, l’azienda non deve aver avuto un rapporto di lavoro a tempo indeterminato negli ultimi sei mesi con lo stesso lavoratore.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
I trucchi del Governo e dell'Istat dietro i dati sul lavoro!
I trucchi del Governo e dell'Istat dietro i dati sul lavoro!
(Bologna)
-

Nonostante gli sforzi di fantasia scientifica di Eurostat – organismo europeo che ha deciso criteri di catalogazione dell’occupazione alquanto demenziali – e a dispetto degli sforzi estetici del presidente dell’Istat (Giorgio Alleva, renziano di ferro), l
Nonostante gli sforzi di fantasia scientifica di Eurostat – organismo europeo...

Hai intenzione di aprire una Partita Iva? QUESTA E' UNA LETTERA PER TE..
Hai intenzione di aprire una Partita Iva? QUESTA E' UNA LETTERA PER TE..
(Bologna)
-

Una interessantissima lettera che “mette in guardia” i giovani decisi a aprire la Partita Iva e a lanciarsi in attività imprenditoriali autonome in Italia.
Una interessantissima lettera che “mette in guardia” i giovani decisi a aprire...

Sei uno schiavo da lavoro se.....
Sei uno schiavo da lavoro se.....
(Bologna)
-

Come esiste una dipendenza dalla droghe, dal sesso, dai dolci, dall'alcool e da tante altre cose, ne esiste una anche dal lavoro e questa dipendenza coinvolge milioni di persone che spesso però non ne conoscono la natura.
Come esiste una dipendenza dalla droghe, dal sesso, dai dolci, dall'alcool e da...

Con tutte le tecnologia dovremmo lavorare solo 4 ore al giorno: CHI HA INFRANTO IL NOSTRO SOGNO?
Con tutte le tecnologia dovremmo lavorare solo 4 ore al giorno: CHI HA INFRANTO IL NOSTRO SOGNO?
(Bologna)
-

Nel 1930, John Maynard Keynes aveva previsto che entro la fine del secolo la tecnologia avrebbe fatto progressi sufficienti da permettere a paesi come la Gran Bretagna o gli Stati Uniti di ridurre la settimana lavorativa a 15 ore.
Nel 1930, John Maynard Keynes aveva previsto che entro la fine del secolo la...

Puoi vivere con meno di quanto pensi: NON BUTTARE ORE DELLA TUA VITA
Puoi vivere con meno di quanto pensi: NON BUTTARE ORE DELLA TUA VITA
(Bologna)
-

Rifiutare il dominio del consumismo nella vita di ogni giorno, scegliere di non essere schiavi del lavoro, riscoprire l’agricoltura contadina coltivando un orto, creare relazioni solidali per lasciare spazio ad autoproduzioni e scambi
Rifiutare il dominio del consumismo nella vita di ogni giorno, scegliere di non...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati