La verità sulla Tassa sui rifiuti

(Roma)ore 20:06:00 del 01/03/2017 - Categoria: , Denunce, Economia

La verità sulla Tassa sui rifiuti

Va molto meglio, invece, per i Comuni meno cari d’Italia, Ascoli Piceno in testa, con 160 euro in media a famiglia, a Isernia e Belluno, con 161 euro, a Novara e a Vibo Valentia, con 167 euro.

COME OTTENERE ESENZIONE TASSA SUI RIFIUTI URBANI - La Tari, cioè la Tassa sui rifiuti, è una delle tre componenti della Iuc (Imposta Unica Comunale), che sostituisce le vecchie Tares, Tarsu e Tia: il tributo serve a coprire i costi del servizio di igiene urbana. Purtroppo, oltre a risultare piuttosto salato nella generalità dei casi, non è uguale per tutti i Comuni, ed accade non di rado che, per determinate categorie, le tariffe pagate risultino sproporzionate rispetto al servizio fruito.

Tari: dove si paga di meno, e dove di più

COME OTTENERE ESENZIONE TASSA SUI RIFIUTI URBANI - Poiché è il singolo Comune a deliberare in merito alle tariffe del servizio, possono sussistere differenze molto consistenti, non solo in base ai componenti del nucleo familiare o della tipologia di utenza, domestica e non domestica, ma anche da città a città. Così, Cagliari detiene il triste primato della Tari più cara d’Italia, con ben 450 euro in media a famiglia, seguita da Napoli, con 436 euro in media, Reggio Calabria, con 431 euro, Venezia, 334 euro, Milano, 331 euro, Genova, 330 euro, Roma, 318 euro e Bari, 308 euro. Va molto meglio, invece, per i Comuni meno cari d’Italia, Ascoli Piceno in testa, con 160 euro in media a famiglia, a Isernia e Belluno, con 161 euro, a Novara e a Vibo Valentia, con 167 euro.

COME OTTENERE ESENZIONE TASSA SUI RIFIUTI URBANI - Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come è possibile ottenere questo tipo di esenzione.

La tassa sui rifiuti urbani è calcolata dal Comune in modo indipendente dallo Stato.

Per poter ottenere lo sgravio di questa tassa bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:

avere la residenza nel Comune da almeno 1 anno,

avere un reddito familiare con un importo inferiore o pari a 6.000,00 euro annui, per attestare il proprio reddito si deve presentare il certificato ISEE, richiesto precedentemente a un centro di assistenza fiscale o  CAF

non essere proprietario di altri immobili (tuttavia è possibile essere titolare dell’abitazione principale, la prima casa)

non avere fruito durante l’anno di alcun beneficio da parte dell’Amministrazione Comunale o da altri Enti per un importo pari o inferiore a 1.900,00 euro.

L’Ufficio amministrativo inoltra e stila una graduatoria, privilegiando i redditi più bassi e le famiglie numerose.

Il tempo dell’accertamento è variabile, ma la comunicazione del diritto  viene resa nota presso l’indrizzo di residenza del beneficiario.

Ogni Amministrazione Comunale decide autonomamente lo sgravio fiscale da applicare e , in base al reddito. può corrispondere fino ad un limite massimo del 50%.

I comuni

Alcuni Comuni, a causa della grave contingenza economica, applicano ulteriori benefici per chi rientra in determinate categorie.

Questi benefici possono riguardare per esempio:

chi ha una casa integrazione di almeno 12 settimane, anche non continuative,

 chi risulta in stato di disoccupazione da almeno tre mesi purché dichiari immediatamente la sua disponibilità presso i Centri per l’impiego.

chi è stato sospeso dal lavoro per almeno 90 giorni lavorativi (Legge 2/2009)

chi è iscritto nelle liste di mobilità da almeno 3 mesi. 

Modulo per richiedere l’esenzione

Ciascun Comune mette a disposizione moduli specifici con cui presentare domanda per ottenere esenzioni o sconti sulla TARI, che possono essere consultati direttamente sul sito web dell’Ente.

La richiesta, congiuntamente alla copia del documento d’identità, può essere trasmessa tramite posta elettronica certificata, raccomandata, o ancora consegnata direttamente a mano all’Ufficio protocollo del proprio Comune.

Esiste comunque la possibilità per i contribuenti di usufruire di un modello di domanda standardizzato, riportato di seguito:

MODULO STANDARDIZZATO DI DOMANDA PER ESENZIONE/RIDUZIONE TARI

Il_sottoscritto……………………………Nato a …………………….(……..) il……/……/……… C.F……………………………

Residente a………………………… Via………………… n°…………

Indirizzo e-mail/PEC…………………….

In qualità di proprietario dell’immobile ad uso abitativo/commerciale sito in: Via……………………………………………… n°……………….…pal/sc/ed…………….…….int…………… Foglio…………………………….….Particella……………… subalterno……………… Mq……….…

consapevole che, quanto dichiarato in data odierna, è soggetto a verifica da parte dell’Ente Gestore del Tributo e che, le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi, sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia, come stabilito dall’art. 76 del D.P.R. 28.12.2000 n. 445, determinando, conseguentemente, la decadenza del beneficio eventualmente ottenuto dichiara

– che l’immobile è privo di suppellettili, mobili e di allacciamento a tutti i servizi di rete;

– che l’immobile è a disposizione, non occupato di fatto, non ceduto a terzi in comodato o in locazione;

– altro…………;

Per i casi sopraindicati il sottoscritto dichiara di non voler cedere i locali in locazione o in comodato, e che è a conoscenza che l’applicazione della riduzione/esenzione avrà validità dalla effettiva data di variazione degli elementi stessi, a condizione che la dichiarazione sia prodotta entro i termini di cui all’Articolo 28, comma 1 e 2 del vigente Regolamento Tari, ovvero entro il 30 giugno dell’anno successivo all’evento.

Pertanto chiede

L’applicazione delle esenzioni (Art.__, comma __, lettera__) – riduzioni (Art.__, comma __, lettera__), così come stabilito dal Regolamento Comunale Tari vigente (Delibera Consiglio Comunale n° ___ del ________). Data…………………………………………………

Firma………………………..…………….……..…

Documento…………………………………..……

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
(Roma)
-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
(Roma)
-

Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un 51enne di Isola Capo Rizzuto, e Kiriac Dragos Petru, un romeno di 35 anni, residente a Rocca di Neto, sono rimasti uccisi dal crollo di un vecchio muro di contenimento in un ca
Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un...

Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
(Roma)
-

Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e su questo non c’è alcun dubbio. Ma la sua destituzione nasconde interessi che vanno molto oltre a ciò che vuole farci credere l’informazione occidentale.
Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e...

Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
(Roma)
-

La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera nello stesso circondario, quello di Cosenza.
La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera...

Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
(Roma)
-

Alcuni giorni fa USA, Francia e l’Inghilterra hanno lanciato un attacco missilistico contro alcuni obiettivi in Siria sganciando ben 105 missili tra cui missili Tomahawk lanciati dal mare e bombe Jassm lanciate dai caccia bombardieri.
L’ OPAC (Organizzazione per la proibizione delle Armi Chimiche) aveva...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati