La verità sulla morte di Chavez

FIRENZE ore 15:08:00 del 24/03/2016 - Categoria: Denunce, Editoria, Esteri, Politica - Hugo Chavez

La verità sulla morte di Chavez

In un articolo del primo marzo scorso sul suo blog su ActualidadRT, l’avvocato e giornalista d’inchiesta Eva Golinger ha legato il capo della guardia presidenziale bolivariana, Leamsy Villafaña Salazar, e altre persone alla morte di Hugo Chavez

Secondo Nikandrov, il piano messo a punto dai servizi segreti degli Stati Uniti è evidente: distrarre l’opinione pubblica mondiale dal fatto che Salazar sia il candidato più probabile nell’uccisione di Chavez. Nel frattempo, le agenzie ufficiali (e non ufficiali) in Venezuela stanno raccogliendo prove delle attività criminali Salazar, i suoi Incontri clandestini con i rappresentanti della CIA e della DEA, e la possibilità che abbia dato informazioni agli Usa sugli itinerari del Presidente e sul DNA e altre informazioni biologiche di Chavez.

In questa fase Salazar ha sposato la sua seconda moglie, Anabel Leal Linares, laureata presso l’accademia militare nel paese. Anabel ha lavorato per un po ‘con i conti finanziari delle Forze Armate del Venezuela, il che suggerisce che ha avuto accesso a informazioni segrete su acquisti di armi all’estero. Dopo il matrimonio hanno chiesto il permesso di recarsi nella Repubblica Dominicana per la loro luna di miele. Tuttavia, dalla capitale Dominicana, Santo Domingo, la coppia è andata improvvisamente in Spagna dove un aereo speciale appartenente alla Drug Enforcement Administration (DEA, per il suo acronimo in inglese) ha portato Salazar e la sua famiglia negli Stati Uniti.

Dopo la morte di Chavez, Salazar ha lavorato per la sicurezza al presidente dell’Assemblea nazionale, Diosdado Cabello. Nel dibattito sulle cause della morte dell’ex presidente e le voci sul caso hanno spinto Cabello a chiedere il trasferimento.

Tuttavia, la ricerca da parte del Sebin solleva più di un dubbio sulla ‘impeccabilità’ di Salazar. Anche la madre ha ammesso che il datore di lavoro principale di Salazar non fosse Chavez, ma un’altra persona che ha rigorosamente insistito perché continuasse a fare quel lavoro.

Gli Usa cercano in tutti i modi di ostacolare questo lavoro. A Madrid, per esempio, la stazione CIA ha prodotto una crisi che circonda il personale venezuelano Difesa Attaché Ufficio, accusandoli di spiare membri dell’opposizione. Ma, naturalmente, la vera questione è un’altra: la minaccia di rivelazioni sensazionali circa l’omicidio di Chávez. In questo momento è difficile dire chi esattamente rivelerà tutta la verità. Forse un idealista come Snowden. Intanto, conclude Nikandrov, i leader del Venezuela hanno deciso di offrire una ricompensa finanziaria per informazioni specifiche sui singoli individui che abbiano coordinato e effettuato l’assassinio di Hugo Chávez.

Narrando la storia di Salazar, i media internazionali, nel frattempo, scrivono che mentre Chavez era vivo, era un fedele “impegnato bolivariano”, ma dopo la sua morte “aveva deciso di rompere con il “regime”, iniziando a collaborare con la DEA per 13 mesi, non solo per organizzare la sua fuga, ma anche per ottenere certe promesse per quanto riguarda la propria sicurezza e quella della moglie e dei figli.

Sappiamo molto poco, prosegue Nikandrov, sulla figura di Salazar, e i dati disponibili per lo più provengono da fonti statunitensi. L’ex militare venezuelano è nato nel 1974 a Caracas, dopo il liceo è entrato all’Accademia Navale, dove si diploma nel 1998. Nel 1999, Salazar è divenuto una guardia d’onore presidenziale e, infine, assistente personale di Chavez. Dopo il tentativo di golpe del 2002, Salazar è stato inaspettatamente inviato in una base navale nella provincia di Punto Fijo (Falcon di Stato), ma nel 2006 Chavez ha ordinato il suo ritorno alle sue precedenti funzioni.

Del resto, sottolinea correttamente Golinger, tutto ciò che Washington stava cercando di raggiungere durante il governo di Hugo Chavez l’ha raggiunto in sua assenza.

Nel frattempo, i mass media del regime mediatico occidentale fanno del loro meglio per ignorare gli interrogativi che inevitabilmente sorgono sulla partecipazione di Salazar nei preparativi per l’assassinio di Chavez, dicendo che non vi può essere alcun dubbio che si trattasse di un fedele servitore della Repubblica Bolivariana.

Nel suo ultimo articolo per Strategic Culture, Nil Nikandrov ha approfondito il tema del legame tra l’intelligence degli Stati Uniti e l’ex guardia presidenziale Salazar nella morte di Chavez.

Sempre più indizi conducono all’ex guardia presidenziale bolivariana Salazar, ora testimone protetto della DEA negli Usa

In un articolo del primo marzo scorso sul suo blog su ActualidadRT, l’avvocato e giornalista d’inchiesta Eva Golinger ha legato il capo della guardia presidenziale bolivariana, Leamsy Villafaña Salazar, e altre persone alla morte di Hugo Chavez. “Sapendo solo che chi per anni è stato uno dei suoi più stretti collaboratori, che era solo con lui e che gli ha portato il suo cibo, il caffè, le sue acque, è ora un testimone protetto negli Stati Uniti”. E ancora: “Le azioni nascoste di Leamsy Salazar e la sua stretta collaborazione con le agenzie di intelligence a Washington saranno presto annunciati”.

Va notato che nessuna fonte cita il coinvolgimento della CIA nel caso, solo la DEA. La ragione, secondo Nikandrov, è molto chiara: la CIA è una agenzia di spionaggio, e gli indicatori di possibili legami di lunga data segrete potrebbero mettere in pericolo la vita di Salazar, sapendo che l’intelligence Service Bolivariano (Sebin) sta indagando sulla sua responsabilità sull’assassinio di Chavez.

La coppia ora vive negli Stati Uniti sotto la protezione federale, e dà testimonianza in una vasta gamma di argomenti, soprattutto nella presunta “partecipazione” delle varie figure del governo bolivariano nel traffico di droga. Nikandrov scrive che molto tempo prima che Salazar iniziasse a pianificare la sua fuga dal Venezuela, le agenzie di intelligence degli Stati Uniti avevano cominciato a far scrivere false informazioni nei media sull’esistenza di un cosiddetto Cartello dei Soli, presumibilmente diretto da Diosdado Cabello e un gruppo di generali venezuelani.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Vivere per lavorare: pensione a 70 anni sempre piu' vicina
Vivere per lavorare: pensione a 70 anni sempre piu' vicina

-

Perchè non allunghiamo la vita lavorativa fino a 90 anni, così risolviamo il problema? Ridicoli.
Perchè non allunghiamo la vita lavorativa fino a 90 anni, così risolviamo il...



-


Questo è un motivo "più che ottimo" per votare, alle prossime elezioni...

L'unico vaccino che sarebbe utile? QUELLO CONTRO L'OBESITA'!
L'unico vaccino che sarebbe utile? QUELLO CONTRO L'OBESITA'!

-

“E dove stanno gli altri decreti Ministra Minestra? Se vogliamo fare i pagliacci diciamocelo, se invochiamo la scienza e la Pubblica Salute è un’altra cosa.
“E dove stanno gli altri decreti Ministra Minestra? Se vogliamo fare i pagliacci...

Gli eroi luddisti: coloro che si ribellarono alla SCHIAVITU' SUL LAVORO
Gli eroi luddisti: coloro che si ribellarono alla SCHIAVITU' SUL LAVORO

-

Il luddismo è stato un movimento di sabotatori che agì principalmente in Gran Bretagna, soprattutto nei primi decenni del XIX secolo, opponendosi in questo modo alla violenza dell'industrializzazione forzata
Il luddismo è stato un movimento di sabotatori che agì principalmente in Gran...

Voi continuate a chattare alla guida: SOSPENSIONE PATENTE ALLA PRIMA INFRAZIONE, 1280 EURO DI MULTA
Voi continuate a chattare alla guida: SOSPENSIONE PATENTE ALLA PRIMA INFRAZIONE, 1280 EURO DI MULTA

-

CHATTA SU STA MULTA - SOSPENSIONE DELLA PATENTE GIÀ ALLA PRIMA INFRAZIONE E RADDOPPIO DELLE SANZIONI PER CHI SARA’ SORPRESO ALLA GUIDA CON IL CELLULARE: L'INIZIALE 'AMMORBIDIMENTO' E' STATO SUBITO IRRIGIDITO - PER I RECIDIVI STOP FINO A 6 MESI, SANZIONI A
CHATTA SU STA MULTA - SOSPENSIONE DELLA PATENTE GIÀ ALLA PRIMA INFRAZIONE E...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati