La verità sui Pomodori

(Palermo)ore 16:33:00 del 25/02/2017 - Categoria: , Ambiente, Denunce, Salute

La verità sui Pomodori

Tra queste 398 c’era di tutto: pomodori moderni, altri antichi, altri ancora selvatici: fondamentali, questi ultimi, per ricostruire la composizione chimica del pomodoro prima che intervenisse l’uomo a modificarne le caratteristiche.

PERCHÉ I POMODORI NON HANNO PIÙ SAPORE

UNA RICERCA INTERNAZIONALE HA SCOPERTO QUALI SONO SOSTANZE RENDONO IL POMODORO PROFUMATO E SAPORITO. ED È EMERSO CHE LE NUOVE VARIETÀ, SELEZIONATE PER AUMENTARE PRODUZIONE E RESISTENZA AI PARASSITI, NE CONTENGONO SEMPRE DI MENO

I pomodori non sanno più di nulla. Belli, ma insapori. E non è un luogo comune da nostalgici dei vecchi tempi: ora lo conferma anche la scienza. Nello sforzo di farli diventare più grandi e produttivi, ma anche più resistenti sia ai parassiti che ai lunghi viaggi tra campo e supermercato, abbiamo finito col selezionare varietà che soddisfano gli agricoltori e i venditori, ma non i consumatori.

Come? Mettendo ai margini molte di quelle sostanze che stimolano il nostro gusto e il nostro olfatto. E una ricerca internazionale ha scoperto quali sono. Lo studio è stato pubblicato su Science  ed è stato finanziato con fondi europei e cinesi. La Cina è infatti il primo produttore al mondo di questo frutto che in Italia cuciniamo e amiamo da quasi mezzo millennio .

Analizzando il genoma di 398 varietà gli studiosi hanno identificato le sostanze che rendono un pomodoro

saporito e profumato. Tra queste 398 c’era di tutto: pomodori moderni, altri antichi, altri ancora selvatici: fondamentali, questi ultimi, per ricostruire la composizione chimica del pomodoro prima che intervenisse l’uomo a modificarne le caratteristiche.

Dopo un’ulteriore selezione, i ricercatori hanno fatto assaggiare 101 varietà a un panel consumatori perché ne giudicassero la bontà e l’intensità del sapore.

I risultati (qui ordinati secondo una classifica di gradimento) hanno consentito al team di identificare quali e quante (28) sono le sostanze correlate alla bontà in generale e all’intensità del sapore. Questo, però, non bastava a rispondere alla domanda più importante: perché i pomodori di oggi non sanno di niente?

Così i ricercatori hanno confrontato 48 cultivar moderne con 236 varietà più antiche di Solanum lucopersicum. Scoprendo che 13 sostanze “portatrici di sapore” sono presenti in quantità molto ridotte nei pomodori più moderni. “Lo scarso sapore delle varietà di oggi si può attribuire soprattutto al fatto che diverse sostanze volatili, che influenzano in positivo il giudizio dei consumatori, sono molto diluite nei pomodori più moderni” scrivono i ricercatori.

“Ovviamente tutto ciò non è avvenuto in modo intenzionale – ci spiega via email Harry Klee, uno degli autori del paper – ma è dovuto al fatto che chi oggi seleziona i semi non ha gli strumenti per farlo in base al sapore. Noi vogliamo fornirgli proprio questi strumenti”.

Ma cosa si intende per “sostanze volatili”? Lo scrivono i ricercatori: “Nel pomodoro, zuccheri e acidi attivano i recettori del gusto mentre i componenti volatili attivano quelli dell’olfatto”. Questi ultimi, però, sono fondamentali per avere un pomodoro profumato e saporito: in particolare si è notato che eliminando alcuni derivati dei carotenoidi dal frutto, il gradimento dei consumatori crolla.

C’è anche un altro motivo se i pomodori sono così insapori: la refrigerazione, che “altera il contenuto volatile del frutto senza alternane zuccheri e acidi”. Chi conserva i pomodori in questo modo altera il loro sapore, e non dipende solo da noi che li teniamo in frigo fino a quando non li cuciniamo, ma anche da chi li trasporta fino al punto vendita. Più aumenta la distanza tra luogo di raccolta e luogo di vendita, più c’è bisogno di abbassare la temperatura perché il prodotto si mantenga.

Ora che i ricercatori hanno scoperto quali sostanze danno sapore al pomodoro, quali varietà ne contengono di più e quali di meno, l’obiettivo è arrestare il declino, tornando a produrre pomodori buoni senza perdere in resistenza e bellezza estetica. L’ottimismo non manca, e pare ben motivato: “Le sostanze volatili che danno sapore si attivano a basse concentrazioni. Aumentarne la quantità senza incidere sulle rese dei raccolti dovrebbe essere possibile” sostiene lo studio sino-europeo.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
(Palermo)
-

Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai supermercati di alcuni lotti di acqua minerale in bottiglia perchè contaminata da Pseudomonas aeruginosa.
Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai...

'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
(Palermo)
-

L'analisi del segretario della Nidil Cgil, Antonio Capezzuto: il sindacato non può far nulla, i lavoratori non denunciano i soprusi: troppa paura di perdere anche quel poco che hanno.
Lavoro nero? Peggio: lavoro sotto ricatto. Un esempio? Eccolo, è quello di una...

Una pausa nella dieta puo' aiutare a perdere peso
Una pausa nella dieta puo' aiutare a perdere peso
(Palermo)
-

Prendersi una pausa dalla dieta può aiutare a perdere peso. Più che i regimi dietetici continuativi funzionano quelli in qualche modo intermittenti, dove per qualche periodo si interrompe la rigidità imposta dalla cura dimagrante, pur senza strafare
Prendersi una pausa dalla dieta può aiutare a perdere peso. Più che i regimi...

Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
(Palermo)
-

La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i bambini poi gli adulti, prima i capaci e i meritevoli poi gli altri, prima chi tutela l'ordine e la sicurezza poi chi li mette a rischio, prima gli onesti poi i delinquenti, pr
La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i...

ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
(Palermo)
-

La designazione dei parlamentari da parte dei leader attraverso il meccanismo delle liste bloccate equivale ad una vera e propria privatizzazione della politica nazionale.
Ci iscriviamo convintamente al partito degli scettici: il Rosatellum bis, la...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati