La vergogna di Equitalia

ENNA ore 15:22:00 del 18/02/2015 - Categoria: Economia, Finanza, Sociale

La vergogna di Equitalia

La vergogna di Equitalia. Ecco spiegati i motivi dei pacchi bomba inviati a questo ente.

Navigando in rete abbiamo assistito a delle discussioni riguardanti i pacchi bomba inviati ad Equitalia. Ci siamo trovati di fronte a due posizioni opposte: alcuni sostengono che non ha senso prendersela con una struttura che è solo incaricata di riscuotere i crediti dello stato, altri affermano invece che Equitalia usa metodi di fronte ai quali i camorristi sembrano persone perbene e che questo la rende quindi responsabile in prima persona.

Non è possibile, affermano queste persone, difendersi sempre affermando che la colpa è di qualcun altro e che si è dei semplici esecutori; non è possibile soprattutto quando si lucra sulle disgrazie altrui e per farlo non si rispettano nemmeno le leggi sui limiti delle azioni che si possono intraprendere contro i debitori.

Quando i militari nazisti cercarono di difendersi dalle accuse loro mosse alla fine della guerra, sostenendo che avevano massacrato civili innocenti solo perché avevano ricevuto ordini, la loro linea non fu accettata. Fatte le debite proporzioni, i dipendenti di Equitalia sono nella stessa situazione e usano la stessa tattica "scaricabarile". Insomma: la polizia ti massacra i Manifestanti perché così è stato loro ordinato, Equitalia ti massacra i debitori perché cosi' è stato loro ordinato, i dipendenti pubblici ti applicano regolamenti burocratici assurdi perché così è stato loro ordinato, ecc. Non sarebbe meglio se ognuno si assumesse le proprie responsabilità, magari rifiutando di far parte di un sistema iniquo? Altrimenti non la smetteremo mai!

O forse non siamo ancora riusciti a capire che qui si tratta solo di malcontento popolare. Gente che non sa come sopravvivere. Forse la fame è sufficientemente grande da trasformarsi in odio. Tutti voi, su cosa vi basate quando dite che a Equitalia sono solo persone che fanno il loro lavoro, senza interessi economici? Che siano black bloc, che siano anarchici... ancora si parla di terroristi, banditi. Non si parla invece di una fetta di pueblo che veramente patisce la fame, veramente non sa a cosa aggrapparsi per vivere. Quando gli indignados falliscono subentrano gli incazzados. Sono persone accecate dalla rabbia. E se l'origine della rabbia è anche Equitalia, non si possono giustificare, ma si possono spiegare azioni simili. E finchè ci sarà una classe dirigente che SFRUTTA la plebaglia più misera non potrà che diventare sempre più arrabbiata e violenta.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi


-


Mentre i Cinquestelle storcono il naso la Lega rilancia: la flat tax si farà e...

Salario minimo a 9 euro: chi ci guadagna di piu'
Salario minimo a 9 euro: chi ci guadagna di piu'

-

Il settore dell'artigianato è quello che beneficerebbe maggiormente dell'introduzione del salario minimo fissato a 9 euro lordi all'ora.
Continua a tenere banco la proposta del Movimento 5 Stelle sul salario minimo a...

Cina, ecco l'arma da FINE DEL MONDO
Cina, ecco l'arma da FINE DEL MONDO

-

L’esercito cinese sta sviluppando dei super cannoni di nuova generazione al “plasma magnetizzato“.
L’esercito cinese sta sviluppando dei super cannoni di nuova generazione al...

L'occulto problema dei DISTURBI ALIMENTARI degli italiani
L'occulto problema dei DISTURBI ALIMENTARI degli italiani

-

Centri insufficienti, mancanza di informazione, burocrazia esasperata: nonostante i dati allarmanti, chi soffre di questi problemi spesso non sa a chi chiedere aiuto per trovare una via d’uscita
Nessuno sa veramente cosa sia un disturbo alimentare finché non lo vive,...

Regime forfettario: cosa cambia?
Regime forfettario: cosa cambia?

-

Da quest’anno la tassazione agevolata del regime forfettario riguarda una platea di imprenditori e liberi professionisti più estesa: chi può beneficiarne e cosa comportano queste agevolazioni per la previdenza integrativa?
l regime forfettario cos’è? Si tratta di un sistema agevolato di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati