La Russia abbatte gli 007!

(Torino)ore 18:41:00 del 01/10/2016 - Categoria: Cronaca, Esteri

La Russia abbatte gli 007!

E’ la “risposta” russa allo sconcertante bombardamento Usa che, nei giorni scorsi, ha ucciso “per errore” un’ottantina di soldati di Damasco, impegnati contro l’Isis.

 

Se fosse confermata, la notizia avrebbe un doppio valore strategico, osserva Bottarelli, perché proverebbe il coinvolgimento diretto di servizi segreti occidentali e israeliani al fianco di ribelli e terroristi in Siria. Ma confermerebbe anche «la volontà della Russia di smettere con la diplomazia e rispondere colpo su colpo, anche contro forze di sicurezza occidentali». Mosca ha inoltre annunciato che la portaerei Admiral Kuznetsov, la più grande della sua flotta, sarà dispiegata davanti alle coste siriane, per rafforzare le capacità militari in appoggio alle truppe governative. Al momento il dispiegamento navale russo nell’Est del Mediterraneo consiste in sei navi da guerra e tre di sostegno logistico, ha detto il ministro della difesa Sergeij Shoigu, e al gruppo ora si unirà la Kuznetsov. «Il fatto che la Russia abbia appena sentito il bisogno di compiere una dimostrazione di forza navale ancora più rilevante implica che ben presto anche gli Stati Uniti risponderanno prontamente alla mossa russa», avverte Il ministro della difesa russo ShoiguBottarelli. «C’è da dubitare che questi sviluppi porteranno a una de-escalation delle ostilità nella regione, tanto più che quella portaerei dispone di un sistema completo di difesa che contempla che l’utilizzo di sottomarini e cacciatorpedinieri».

Una situazione non certo felice per il nostro paese, nei suoi riflessi economici: «L’Italia sta perdendo quote di mercato importanti nell’export verso la Russia», ha detto l’ambasciatore Sergeij Razov, parlando a Bolzano. «Se fino allo scorso anno eravate saldamente il nostro quarto paese fornitore, ora siete il quinto». Scavalcati da chi? Dagli Usa, ovviamente, cioè da coloro che hanno imposto all’Europa di applicare il blocco commerciale alla Russia: «Questo giusto per far capire a chi giovano le sanzioni», ha spiegato l’ambasciatore. Stando a un report della Cgia di Mestre, continua Bottarelli, dal 2014 (anno della loro introduzione) le sanzioni sono costate al made in Italy 3,6 miliardi di euro, quasi tutti ascrivibili al comparto manifatturiero (macchinari, abbigliamento, autoveicoli, metallurgia, mobili, elettronica). Il crollo delle esportazioni ha coinvolto sopratutto le imprese della Lombardia (-1,18 miliardi), dell’Emilia Romagna (-771 milioni) e del Veneto (-688 milioni). Stando agli ultimi dati resi noti a Bolzano, nei primi 6 mesi del 2016 gli scambi hanno registrato un’ulteriore perdita del 48,8%.

Su “Il Sussidiario”, Bottarelli documenta che il convoglio Onu «non è stato bombardato dal cielo, bensì incendiato appena giunto a destinazione». Nell’area, dimostrano i russi, era presente un drone d’attacco “Predator” dell’aviazione Usa. La Missile russo Kalibrsituazione sta precipitando, in Siria, dopo l’attacco americano alle truppe siriane: John Kerry ha chiesto una no-fly zone per interdire al volo l’aviazione siriana (cosa che darebbe un enorme vantaggio all’Isis), mentre i russi avvertono che «da oggi in poi colpiranno qualsiasi velivolo attacchi l’esercito siriano, siano essi americani o israeliani». La rappresaglia di Mosca comunque sarebbe già scattata, a suon di missili: ad essere colpito è stato il centro operativo, gremito di funzionari dei servizi occidentali e israeliani, situato nell’ovest della provincia di Aleppo, sul monte Saman, all’interno di vecchie cave. «Diversi ufficiali di Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita, Qatar e Regno Unito sono stati eliminati assieme a ufficiali israeliani: questi ufficiali, eliminati nel centro operativo di Aleppo, dirigevano gli attacchi dei terroristi su Aleppo e Idlib».

Tre missili “Kalibr” sparati da navi russe hanno colpito un «centro di coordinamento operativo degli ufficiali stranieri» nella regione di Dar al-Iza, a ovest di Aleppo, «eliminando 30 ufficiali israeliani e occidentali». Lo afferma l’agenzia “Sputnik”, citando fonti militari siriane. E’ la “risposta” russa allo sconcertante bombardamento Usa che, nei giorni scorsi, ha ucciso “per errore” un’ottantina di soldati di Damasco, impegnati contro l’Isis. Per cercare di oscurare l’episodio, è esploso puntualmente il massimo clamore mediatico sull’attacco a un convoglio Onu in Siria: «La macchina del fango è entrata in azione a tempo di record», scrive Mauro Bottarelli: «In testa al plotone di chi accusa l’esercito siriano e quello russo ci sono Francia, Usa e l’inutile ormai ex numero uno dell’Onu, Ban Ki-Moon. A vario titolo hanno puntato il dito contro Damasco e Mosca, ma hanno scordato un particolare: le prove. Chi invece ha portato tracciati radar e filmati girati dai droni, chiedendo un’indagine indipendente sull’accaduto è stato il ministro degli esteri russo, Sergeij Lavrov. Risposta alla sua richiesta? Casualmente, non pervenuta».

 

Autore: Alberto

Notizie di oggi

(Torino)
-


E ora Salvini dice che Sala deve restare al suo posto. Evidentemente, con il...

Italia a secco: allarme SICCITA'
Italia a secco: allarme SICCITA'
(Torino)
-

Tra la provincia di Parma e quella di Piacenza si coltiva 1/4 del pomodoro da conserva Made in Italy duramente colpito dalla siccità, ma a soffrire è l’intero bacino idrografico del Po, sotto del 65% rispetto alla media stagionale, dal quale dipende il 35
Tra la provincia di Parma e quella di Piacenza si coltiva 1/4 del pomodoro da...


(Torino)
-


Tante chiacchiere e chiese sempre più vuote, già pronte per essere trasformate...

I 5 sniper piu' famosi e letali al mondo!
I 5 sniper piu' famosi e letali al mondo!
(Torino)
-

Nel corso del tempo la figura dello sniper, il cecchino, ha assunto una sempre maggiore importanza strategica per il successo militare di una fazione o dell’altra.
Nel corso del tempo la figura dello sniper, il cecchino, ha assunto una sempre...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
(Torino)
-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati