La Raggi ha deciso: niente Olimpiadi

(Roma)ore 14:17:00 del 27/08/2016 - Categoria: Politica

La Raggi ha deciso: niente Olimpiadi

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha deciso: non candiderà la Capitale a ospitare i Giochi del 2024.

Olimpiadi, game over. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha deciso: non candiderà la Capitale a ospitare i Giochi del 2024. L’annuncio ufficiale ci sarà tra pochi giorni e segue la decisione del Campidoglio di non spedire nessun rappresentante comunale a Rio. Nell’incontro di un mese fa tra il vicesindaco e assessore allo Sport Daniele Frongia e il presidente del Coni Giovanni Malagò sembrava che potesse esserci la svolta. Malagò aveva assicurato la possibilità di rivedere il progetto avanzato dal comitato promotore delle Olimpiadi capitoline.

Ma alla fine nei pentastellati è prevalsa la linea più rigida: Roma ha già troppi problemi per caricarsi anche la preparazione della candidatura olimpica. L’amministrazione Raggi vuole concentrarsi su rifiuti e trasporto pubblico e non su quelli che vengono giudicati progetti futuribili con poche possibilità di essere portati a termine, come già accaduto, del resto, con i mondiali di nuoto che hanno lasciato nella città eterna una serie di opere incompiute.

In queste settimane nel MoVimento si sono confrontate due linee opposte. La prima è quella sposata da alcuni big a 5 Stelle per cui si sarebbe potuto definire un progetto olimpico “ridotto” evitando piani faraonici, sprechi e corruzione ma ottenendo i fondi messi a disposizione per l’evento e sfruttandoli anche per ristrutturare alcuni impianti che poi rimarrebbero a disposizione dei cittadini. La seconda, invece, ha rimarcato il disinteresse dei romani, messi a dura prova da ben altre questioni, e il rischio, nel caso di via libera alla candidatura, di essere accusati di incoerenza. In tutta la campagna elettorale, che ha portato la Raggi a vincere con oltre il 60 per cento dei consensi, infatti, il MoVimento ha mostrato grande scetticismo verso la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024, tant’è che gli avversari, a partire da Roberto Giachetti (Pd), hanno cavalcato queste perplessità disegnando il campo pentastellato come il fronte del no.

Ma «il risultato delle elezioni dimostra che avevamo ragione noi – dicono adesso alcuni parlamentari romani del M5S schierati fin dall’inizio contro l’evento – Chi ci ha votato sapeva benissimo che se avessimo vinto noi, le Olimpiadi avrebbero avuto poche possibilità di svolgersi a Roma». Alcune settimane fa in un’intervista a “Metro” la Raggi ha precisato: «Non siamo mai stati preclusi al dialogo e come ribadito in molteplici occasioni da parte del Movimento 5 Stelle non c’è e non vuole esserci alcun pregiudizio nei confronti di una manifestazione sportiva e culturale così importante, ma la nostra linea al momento non cambia: prima pensiamo a buche, rifiuti, trasporti poi valuteremo lo straordinario».

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

L’idea di fare il referendum lanciato dai Radicali, che porterebbe direttamente i romani a esprimersi sull’eventualità, è stata bocciata negli ultimi giorni. Troppo poco tempo per organizzarlo e poche le firme raccolte. Insomma in questi due mesi di consiliatura le priorità, anche dei cittadini, sono state altre: rifiuti e contenimento dei costi. E, dunque, il Campidoglio ha preso la sua decisione: niente candidatura per il 2024.

Nel MoVimento non c’è il timore che il no ai Giochi possa diventare un boomerang. «Quando la candidatura alle Olimpiadi fu proposta dal sindaco Alemanno, fu il premier Monti ad escluderla e tanti esponenti politici, soprattutto del Pd, parlarono di una scelta di responsabilità. Come potrebbero attaccarci ora?», ragionano i pentastellati. E se qualcuno rimprovera al MoVimento di di aver tenuto una linea ondivaga, con alcuni parlamentari romani che avevano assicurato in campagna elettorale che non avrebbero chiuso la porta alle Olimpiadi, pazienza. I Giochi “del mattone”, come li ha definiti la Raggi denunciando le enormi cubature immaginate dal piano soprattutto per il nuovo villaggio olimpico a Tor Vergata, non si faranno.

 

 

La Raggi ha deciso: niente Olimpiadi: “prima pensiamo a buche, rifiuti, trasporti”

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI
Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI
(Roma)
-

Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una coincidenza. Tre indizi sono una prova. Nell’inchiesta della Commissione parlamentare antimafia sui rapporti fra massoneria e crimine organizzato gli indizi sono 2.993.
Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una...

In Campania c'e' un feudo: QUELLO DEI DE LUCA. Seggi che vanno da PADRE IN FIGLIO
In Campania c'e' un feudo: QUELLO DEI DE LUCA. Seggi che vanno da PADRE IN FIGLIO
(Roma)
-

Nell’attesa che Piero De Luca, figlio d’arte, s’affacci in Parlamento, al quale è predestinato grazie alla candidatura blindata col Pd, alla campagna elettorale ci pensa papà il governatore
Nell’attesa che Piero De Luca, figlio d’arte, s’affacci in Parlamento, al quale...

Il MEGA APPALTO di Pagine Gialle che ha fatto la fortuna della famiglia RENZI
Il MEGA APPALTO di Pagine Gialle che ha fatto la fortuna della famiglia RENZI
(Roma)
-

In un anno 5-6 milioni di euro alla società - Nel 2016 la Eventi6 (4 dipendenti) ha vinto l’appalto per la consegna del 60% degli elenchi
In un anno 5-6 milioni di euro alla società - Nel 2016 la Eventi6 (4 dipendenti)...

POLITICHE 2018: DAL NUOVO CDU SOSTEGNO ALLA LISTA UDC – NOI CON L’ITALIA
POLITICHE 2018: DAL NUOVO CDU SOSTEGNO ALLA LISTA UDC – NOI CON L’ITALIA
(Roma)
-

In vista delle elezioni politiche programmate per domenica 4 marzo, il Nuovo Cdu milanese intende ribadire il proprio sostegno alla lista “UDC
MILANO, 12 febbraio 2018 - In vista delle elezioni politiche programmate per...

Bugie e falsita': Renzi, Berlusconi e Di Maio comunque andra' SCHIAVI DELLA UE
Bugie e falsita': Renzi, Berlusconi e Di Maio comunque andra' SCHIAVI DELLA UE
(Roma)
-

Renzi e Gentiloni, Berlusconi e Salvini, Grillo e Di Maio apparentemente si scontrano su tutto. Se però andiamo a vedere la sostanza dei loro programmi economici, beh l’ubbidienza ai vincoli dell’austerità europea è comune.
Renzi e Gentiloni, Berlusconi e Salvini, Grillo e Di Maio apparentemente si...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati