La Protezione Civile ha fornito i dati della classificazione sismica nazionale.

(Roma)ore 14:25:00 del 06/11/2016 - Categoria: Ambiente, Denunce, Sociale

La Protezione Civile ha fornito i dati della classificazione sismica nazionale.

Purtroppo sarà solo il primo dei morti collaterali da terremoto, se davvero l’Italia è diventata come il Giappone.

Le scosse continuano. Lo sciame sismico sembra non arrestarsi più, mettendo a dura prova i nervi di una popolazione già martoriata da mesi.

La Protezione Civile ha fornito i dati della classificazione sismica nazionale. L’Italia è stata divisa in 4 zone, in base alla probabilità che in quell’area possa verificarsi un sisma di forte intensità. La zona 1 è quella più a rischio. Ecco la mappa, comune per comune.

 

Questa mattina Fabio Tonacci su Repubblica ha rivelato una storia sconvolgente che arriva da Fermo:

“La favola del “terremoto senza morti” si conclude su un cumulo di mattoncini sbreccati, davanti al civico 13 di via della Mossa, a Montappone. Sulle colline di Fermo. Ieri mattina, intorno alle 9, Nello ha salutato gli amici del bar Mauro dicendo che sarebbe andato nel bosco a sparare ai colombacci perché, nonostante fosse sfollato da tre giorni, era pur sempre un cacciatore. Invece è tornato alla casa dove viveva da trent’anni e che, per colpa del sisma, ha dovuto lasciare. Di fronte all’aia, c’è un orticello di cavoli e finocchi. Ha preso il fucile, lo ha appoggiato a terra dalla parte del calcio, si è puntato la canna al collo e ha tirato il grilletto aiutandosi con uno stecco. Al 75enne Nello, domenica scorsa, la casa non è crollata sulla testa. Gli è crollata sull’anima.”

Permetteteci una riflessione.

Anche in Cile i terremoti devastanti sono una costante

Quest’uomo si chiamava Nello Ramadori.

Il terremoto colpisce da un lato la sua peculiare antichità architettonica, urbanistica e monumentale e dall’altro edifici pubblici di sabbia. Tutto si sgretola e viene giù.

Il kit di sopravvivenza è particolarmente consigliato per chi vive nella zona 1, quella più a rischio, secondo la classificazione sismica della Protezione Civile:

“Per ridurre gli effetti del terremoto, l’azione dello Stato si è concentrata sulla classificazione del territorio, in base all’intensità e frequenza dei terremoti del passato, e sull’applicazione di speciali norme per le costruzioni nelle zone classificate sismiche.”

Il vecchio Belpaesemedievale e culturalmente magnifico, crolla a pezzi. E così la parte di Belpaese costruito con la sabbia delle mafie.

In questa infografica, realizzata dal giornale cileno Publimetro, viene indicato come preparare un kit di sopravvivenza, da tenere sempre a portata di mano.

Ecco perché l’Italia rischia seriamente di scomparire.

Ai posteri l’ardua sentenza.

Se davvero il Governo facesse un censimento di tutti gli edifici pubblici e delle infrastrutture verrebbero a galla 40 anni di malaffare.

La corruzione dello Stato ha permesso alle mafie di ricostruire il paese. Già a partire dal dopoguerra, come dimostra l’eclatante caso del Sacco di Palermo (1959).

All’epoca, Salvo Lima era il sindaco e Vito Ciancimino l’assessore all’urbanistica.

E purtroppo sarà solo il primo dei morti collaterali da terremoto, se davvero l’Italia è diventata come il Giappone. Dove le forti scosse sono all’ordine del giorno ma accadono in un paese preparato ad affrontarle.

L’ITALIA CROLLA A PEZZI: BASTA UN KIT DI SOPRAVVIVENZA?

 

Davvero lo Stato italiano pensa che per ridurre gli effetti del terremoto basta concentrarsi sulla classificazione del territorio?

http://www.infiltrato.it/

A noi non resta che spulciare la mappa, individuare il comune di residenza e controllare quanto è a rischio.

Nel frattempo che cerchiamo di capire se è possibile prevedere i terremoti – e in parte la storia di Michael Janitch dà una risposta – possiamo solo affidarci a una prevenzione molto rudimentale.

LA CLASSIFICAZIONE SISMICA NAZIONALE COMUNE PER COMUNE: 4 ZONE

Quelle case che si trovano nelle zone a rischio dovrebbero dotarsi, autonomamente, di caschetto, ascia e torcia.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Roma)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
(Roma)
-

Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale l'argomento che chi non vota lascia decidere agli altri, ma non vuol dire che il suo non-voto non abbia significato, perché ogni presa di posizione è significativa per il politico
Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale...

Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
(Roma)
-

Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un regolamento di conti.
Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un...

Disastro Italia: mandiamo via i nostri giovani per prendere disperati senza cultura
Disastro Italia: mandiamo via i nostri giovani per prendere disperati senza cultura
(Roma)
-

Qualcosa ci inventeremo.. tra 30 anni. Oggi è troppo presto! E poi siamo ad agosto, perchè disturbare le vacanze degli Italiani!? Questi sono articoli che vanno bene a novembre! Evviva l'Italia!
Non preoccupiamoci. Fra 30 anni, quando questi ragazzi avranno versato zero...

La tua banca e' in crisi? Ti Bloccano il Conto Corrente!
La tua banca e' in crisi? Ti Bloccano il Conto Corrente!
(Roma)
-

Sarà senz’altro per il caldo, ma la notizia è sfuggita praticamente a tutti, sebbene la fonte fosse molto autorevole: la Reuters.
Sarà senz’altro per il caldo, ma la notizia è sfuggita praticamente a tutti,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati