La grande foresta pluviale spazzata via da Nestle' e Unilever

(Palermo)ore 09:45:00 del 26/05/2018 - Categoria: , Ambiente, Denunce, Esteri

La grande foresta pluviale spazzata via da Nestle' e Unilever

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.

Oltre alle altre foreste pluviali, l’Amazzonia è pericolosamente vicina al punto di “non ritorno” se la deforestazione supera il 20% della sua area originaria, secondo due rinomati biologi della Fondazione delle Nazioni Unite.

Il fatto che stiamo deforestando il nostro pianeta a un ritmo allarmante non è nuovo.

La deforestazione della Foresta Amazzonica

In un articolo di Phys.org, vediamo che la deforestazione dell’ Amazzonia è vicino al punto di svolta. Secondo gli esperti, la deforestazione che si sta verificando in alcune parti dell’Amazzonia sta per raggiungere un punto senza ritorno, una soglia oltre la quale la foresta pluviale tropicale potrebbe subire cambiamenti irreversibili al paesaggio.

Questo deriva da uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, co-autore di Thomas Lovejoy, professore alla George Mason University negli Stati Uniti, e Carlos Nobre, presidente del National Institute of Science & Technology (INCT) del Brasile per il cambiamento climatico.

“Il sistema Amazzonia è vicino a un punto di svolta”, ha detto Lovejoy. Secondo i rapporti, la foresta pluviale amazzonica produce circa la metà delle precipitazioni dell’ intero pianeta Terra riciclando l’umidità mentre l’aria si sposta dall’Atlantico, attraverso il Sud America e verso ovest.

Queste precipitazioni e umidità sono di grande importanza in quanto alimentano il ciclo idrico terrestre in modo più ampio, il che a sua volta influenza il benessere umano, l’agricoltura, le stagioni secche e il comportamento della pioggia in molti paesi del Sud America.

Ma questo problema non è solo presente in Amazzonia.

La deforestazione in Indonesia

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una distruzione senza precedenti in misura inimmaginabile.

Per la produzione di olio di palma, un’importante società ha distrutto diversi ettari di terreni forestali, al fine di fornire forniture a Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever, tra gli altri.

Secondo i rapporti, solo in Indonesia sono stati distrutti 5.000 ettari di foresta pluviale. Per avere un’idea di quanto sia piccola, è una zona grande la metà di Parigi.

“Dopo aver distrutto la maggior parte delle foreste pluviali di Sumatra e Kalimantan, l’industria dell’olio di palma sta ora spingendo verso nuove aree come Papua“, dice Richard George di Greenpeace UK. In questo caso, è il “Gruppo Hayel Saeed Anam” (gruppo HSA) – una multinazionale che, secondo Greenpeace, fornisce le maggiori compagnie alimentari: Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever.

Greenpeace detiene la responsabilità di Nestlé, Unilever, Mars e Co..

“I marchi hanno parlato per oltre un decennio di voler” purificare “il loro olio di palma. Aziende come Unilever e Nestlé affermano di essere leader nel settore.

Da: Jeda

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
(Palermo)
-

Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei crimini compiuti dell’Occidente. 
Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei...

Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
(Palermo)
-

Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra promessa dove scorre latte e miele.
Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra...

Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
(Palermo)
-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

Pellicola per FINESTRE per risparmiare il 10% IN BOLLETTA!
Pellicola per FINESTRE per risparmiare il 10% IN BOLLETTA!
(Palermo)
-

Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all'aria condizionata con un notevole impatto sull'ambiente e sulla bolletta
Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all'aria...

15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
(Palermo)
-

Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le 08:40 in Italia, due terroristi a bordo di un’autocisterna carica di esplosivo attaccarono la base Maestrale a Nassiriya, in Iraq.
Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati