La Germania non accetta gli immigrati!

TORINO ore 08:01:00 del 07/04/2016 - Categoria: Denunce, Esteri, Politica, Sociale - Germania

La Germania non accetta gli immigrati!

Secondo Russia Today la Germania starebbe offrendo incentivi finanziari a paesi terzi (per lo piu’ africani) per prendersi i rifugiati la cui domanda e’ stata rifiutata e questo avverrebbe senza il consenso degli stessi.

Certo questa politica non e’ del tutto nuova visto che un accordo simile esiste tra Australia e Cambogia per spedire nel paese asiatico i richiedenti asilo che vanno in Australia.

Secondo le associazioni uManitarie pro-rifugiati se la Germania non e’ in grado di rimpatriare un rifugiato perche’ non ha i documenti necessari che ne attestano la nazionalita’ le autorita’ tedesche contattano l’ambasciata di un terzo paese al fine di fornire i documenti necessari per mandare questo rifugiato in quel paese.

Il governo tedesco paga le ambasciate di questi paesi per il loro impegno e sembra che alcuni paesi vengano pagati piu’ di altri: il Benin che accetta i tre quarti di questi rifugiati prende 300 euro a persona mentre la Nigeria che ne accetta solo la meta’ prende 250 euro a persona.

Secondo dati forniti dall’ufficio federale tedesco sull’immigrazione la Germania avrebbe stipulato accordi con Marocco, Algeria, Albania, Siria, Kosovo, Serbia e Macedonia.

Nel 2014 720 rifugiati sono stati spediti in altri paesi con questo metodo ma per il 2015 e il 2016 non sono state fornite cifre a riguardo anche se e’ chiaro che tale accordo e’ ancora in vigore e forse il numero di asilanti e’ molto piu’ alto.

Certo questo sistema ha parecchi meriti e per questo auspichiamo che anche l’Italia faccia lo stesso anche se sappiamo che questo non avverra’ mai visto che il governo Renzi vuole questa invasione e non a caso in Italia questa notizia e’ stata censurata.

Noi invece abbiamo decisa di riportarla perche’ vogliamo che i cittadini siano informati e decidano di agire di conseguenza.

Secondo Russia Today la Germania starebbe offrendo incentivi finanziari a paesi terzi (per lo piu’ africani)  per prendersi i rifugiati la cui domanda e’ stata rifiutata e questo avverrebbe senza il consenso degli stessi.

Londra – Non e’ certo un mistero che la politica migratoria voluta da Angela Merkel sia molto impopolare tant’e’ che il cancelliere tedesco e’ sotto attacco da tutti i fronti ma forse qualcosa sta cambiando.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE

-

Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per scaldapoltrone insaziabili.
Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per...

Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard

-

Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato pomeriggio a Milano a favore dell’inclusione, è stata una passeggiata antirazzista in veste folkloristica
Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato...

Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA

-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani

-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane

-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati