L’Aquila, dove lo Stato ha dato il peggio di sè

L'AQUILA (L Aquila)ore 18:45:00 del 06/04/2014 - Categoria: Cronaca, Denunce, Scienze

L’Aquila, dove lo Stato ha dato il peggio di sè

Sono passati cinque anni dalle 3:32 del 6 aprile 2009, purtroppo nel centro storico la ricostruzione non è nemmeno mai iniziata. Così, nella gente prevale lo scoramento nel vedere uno Stato lontano e assente

Lo Stato che non c’è si vede negli occhi della gente. Visi tirati, frustrati, disperati. Qui ognuno conosceva almeno una delle vittime che cinque anni fa, alle 3:32 di una notte maledetta, hanno perso la vita per colpa di un terremoto di magnitudo 6.3. Il Centro storico venne distrutto, squarciato, case e chiese crollarono al suolo come scosse da una mano gigante. L’Aquila, cinque anni dopo, non è molto diversa da quell’ammasso di pietraie che i soccorritori si trovarono a spostare mentre l’alba stava per sorgere, straziati dalle urla disperate di chi sotto le macerie chiedeva solo di essere tirato fuori e salvato. Cinque anni sono passati da quei momenti, da quelle immagini, e poco è cambiato.
Certo, i sassi nelle strade non ci sono più, sui marciapiedi ci sono le basi dei ponteggi che dovrebbero teoricamente servire per far rinascere una città orgogliosa, poco abituata a piangersi addosso e tanto orgogliosa quanto testarda. Ma le case, purtroppo, sono nello stesso stato in cui il terremoto le ha lasciate.
Muri crepati, facciate distrutte, centinaia di locali dilaniati e dichiarati inagibili. La ricostruzione non è nemmeno mai partita, alla faccia dei proclami della Politica che a livello locale e nazionale è stata travolta da scandali giudiziari di ogni genere e tipo. Sabato notte, organizzata dai Comitati dei familiari delle vittime del terremoto e caratterizzata da un surreale silenzio, intorno alle 23 si è tenuta una fiaccolata commemorativa.
Luci nella notte, proprio come i lampeggianti che nel 2009 erano andati alla ricerca dei superstiti in un giorno che fece 309 morti e 1.500 feriti. Hanno sfilato in 12.000, convinti più che mai che l’unico modo per ottenere qualcosa sia quello di ribellarsi alla logica del silenzio. Il capoluogo abruzzese è ancora oggi un cantiere a cielo aperto e la ricostruzione sembra ancora un sogno lontano, anche se il ministro dei Beni Culturali Franceschini ha assicurato che "entro il 2019 la città tornerà alla normalità".
Ancora caldo il nodo dei finanziamenti: secondo l’amministrazione comunale servono altri 700 milioni oltre al miliardo e 400 milioni già stanziati. Tanti soldi. Ed è normale che su questo fiume di denaro le antenne siano drizzate. C’erano imprenditori che se la ridevano al telefono ringraziando il terremoto per aver favorito la loro attività ed è quindi legittimo che il livello di attenzione sia alto. Eppure secondo Legambiente i conti non tornano in quanto "a cinque anni dal sisma del 6 aprile 2009, sono pochi, troppo pochi, gli edifici ricostruiti nel centro del capoluogo abruzzese e in molte delle 56 frazioni colpite. Con circa otto miliardi e mezzo di euro spesi, la devastazione dei centri è ancora tutta lì, il tempo quasi sospeso" e quindi “la ricostruzione va troppo a rilento".
"A fronte dei soldi spesi, solo il 20% del centro storico dell’Aquila è stato ricostruito - commenta Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente - il resto è ancora un groviglio di ponteggi e puntellamenti, una parte dei quali necessiterebbe di manutenzione, e quel 20% è quasi tutto riferito alla ricostruzione residenziale. Soltanto una chiesa è stata restaurata e riaperta al culto. Le frazioni, poi, in molti casi sono ancora alle prese con la progettazione di un piano di ricostruzione”.

Autore: Albertone

Notizie di oggi
I soldi del lavoro? Spesi in carri armati e missili, MA NESSUNO NE PARLA!
I soldi del lavoro? Spesi in carri armati e missili, MA NESSUNO NE PARLA!
(L Aquila)
-

In questi giorni la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha iniziato a occuparsi del decreto della presidenza del consiglio che deve decidere la ripartizione di 46 miliardi di un fondo di investimenti (previsti fino al 2032) che la scorsa legge
In questi giorni la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha iniziato a...

Giovani italiani sedentari come 60enni
Giovani italiani sedentari come 60enni
(L Aquila)
-

Tra studio, divano, televisione, smartphone, tablet e videogiochi, i bambini e gli adolescenti sono più sedentari di quanto finora immaginato.
Tra studio, divano, televisione, smartphone, tablet e videogiochi, i bambini e...

Ndrangheta e massoneria manovrano l'Italia (e danno ordini ai politici)
Ndrangheta e massoneria manovrano l'Italia (e danno ordini ai politici)
(L Aquila)
-

Secondo il rapporto della Dna siamo di fronte a un complesso di emergenze significative, ancora di più che in passato, di una ‘ndrangheta presente in tutti i settori nevralgici della politica, dell’amministrazione pubblica e dell’economia.
La ‘ndrangheta, la camorra e la sacra corona unita arrivano alle istituzioni,...

Come mai i nostri morti ci parlano nei sogni?
Come mai i nostri morti ci parlano nei sogni?
(L Aquila)
-

SUCCEDE SPESSO CHE LE PERSONE CHE ABBIAMO AMATO E CHE NON CI SONO PIÙ, TROVINO NEI SOGNI UN’OCCASIONE PER COMUNICARE CON NOI, FINALMENTE LIBERE DALLE CENSURE DELLA NOSTRA MENTE RAZIONALE.
Della dott.ssa Carla Sale Musio SUCCEDE SPESSO CHE LE PERSONE CHE ABBIAMO AMATO...

Molti benzinai truffano ripetutamente persone ignare: ECCO I LORO TRUCCHI
Molti benzinai truffano ripetutamente persone ignare: ECCO I LORO TRUCCHI
(L Aquila)
-

TRUFFE BENZINAI: QUESTE DICHIARAZIONI FARANNO SICURAMENTE ARRABBIARE MOLTI AUTOMOBILISTI. UN BENZINAIO HA DECISO DI RIVELARE TUTTI I “SEGRETI” DEL MESTIERE. QUEI TRUCCHI CHE MOLTI BENZINAI ADOTTANO QUANDO ANDIAMO A FARE RIFORNIMENTO.
TRUFFE BENZINAI: QUESTE DICHIARAZIONI FARANNO SICURAMENTE ARRABBIARE MOLTI...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati