Juve e ndrangheta

(Roma)ore 22:49:00 del 23/07/2016 - Categoria: Calcio, Denunce

Juve e ndrangheta

All’interno un ampio servizio in cui si ricostruiscono i rapporti tra Alessandro D’Angelo, security manager dei bianconeri (non indagato) citato nelle carte dell’inchiesta, braccio destro di Andrea Agnelli, e Rocco Dominello “indagato per associazione maf

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Secondo il gip, D’Angelo “si lasciava scappare chiaramente come il bagarinaggio ufficioso tollerato da alcuni dirigenti della società venisse permesso in cambio della tranquillità tra tifosi e società”. Soltanto un anno fa, dopo l’arresto di Andrea Puntorno, capo dei Bravi Ragazzi, narco-trafficante e organizzatore di un grosso giro di biglietti e abbonamenti, il security manager affermava: “Non c’è il rischio che persone appartenenti ad aree criminali come Puntorno possano rivolgersi a Juventus per esercitare pressioni finalizzate a ottenere titoli d’accesso”. Per alcuni no, per il rampollo del clan ‘ndrangheta, invece sì.

«A introdurre Dominello nel giro, secondo i pm, è stato Fabio Germani (ora accusato di concorso esterno) un ex ultrà in ottimi rapporti con diversi calciatori e con l’ex mister Antonio Conte. Tramite Germani Rocco arriva “ad acquisire stabili ed importanti rapporti con esponenti di livello della società Juventus, in primis Alessandro D’Angelo”».

L’inchiesta della Procura di Torino torna sui giornali con un approfondimento del Fatto quotidiano che in prima pagina pubblica la notizia subito sotto l’apertura: «“L’uomo di Andrea Agnelli teneva i rapporti tra la Juve e l’ultrà accusato di mafia”. All’interno un ampio servizio in cui si ricostruiscono i rapporti tra Alessandro D’Angelo, security manager dei bianconeri (non indagato) citato nelle carte dell’inchiesta, braccio destro di Andrea Agnelli, e Rocco Dominello “indagato per associazione mafiosa ed erede di una famiglia di ’ndrangheta legata al clan Bellocco di Rosarno. Ecco alcuni stralci dell’articolo.

Tra la Juventus e la’ndrangheta – scrive il Fatto – “c’è un solo grado di separazione: Alessandro D’Angelo. «Per il quarantenne figlio di Umberto Agnelli – scrive il quotidiano diretto da Marco Travaglio – il manager è una sorta di angelo custode che lo segue come un’ombra. Allo stesso tempo, però, rivelano le carte dell’inchiesta, è in continuo contatto con il rampollo del clan calabrese, con cui discute fra l’altro la distribuzione di biglietti delle partite destinati al tifo organizzato. Sui quali, secondo l’accusa, i Dominello lucravano con il bagarinaggio».

«Il gip Stefano Vitelli lo dipinge “quasi in un rapporto servente” con Rocco Dominello. Si preoccupa di rifornirlo di biglietti: “Li mettiamo sotto un codice diverso, mi devi dire solo chi andrà poi a ritirarli”, lo rassicura in una telefonata intercettata il 22 gennaio 2014. “Trova un espediente per aggirare i divieti ufficiali a beneficio diretto di Dominello Rocco”, scrive il gip.»

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
(Roma)
-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
(Roma)
-

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.
L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
(Roma)
-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...

Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
(Roma)
-

Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a tavolino. Il problema è che tutti, Papi per primo, recitano peggio che a una festa dell'oratorio. Tre ore che potrebbero stare tranquillamente in 45 minuti e una noia insostenibile.
Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a...

20 milioni di soldi pubblici solo per CONTARE gli immigrati
20 milioni di soldi pubblici solo per CONTARE gli immigrati
(Roma)
-

Anche se ieri si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato costoro, in Italia, sfiorano semplicemente il 5%.
Anche se ieri si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato costoro, in...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati