Juve e ndrangheta

(Roma)ore 22:49:00 del 23/07/2016 - Categoria: Calcio, Denunce

Juve e ndrangheta

All’interno un ampio servizio in cui si ricostruiscono i rapporti tra Alessandro D’Angelo, security manager dei bianconeri (non indagato) citato nelle carte dell’inchiesta, braccio destro di Andrea Agnelli, e Rocco Dominello “indagato per associazione maf

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Secondo il gip, D’Angelo “si lasciava scappare chiaramente come il bagarinaggio ufficioso tollerato da alcuni dirigenti della società venisse permesso in cambio della tranquillità tra tifosi e società”. Soltanto un anno fa, dopo l’arresto di Andrea Puntorno, capo dei Bravi Ragazzi, narco-trafficante e organizzatore di un grosso giro di biglietti e abbonamenti, il security manager affermava: “Non c’è il rischio che persone appartenenti ad aree criminali come Puntorno possano rivolgersi a Juventus per esercitare pressioni finalizzate a ottenere titoli d’accesso”. Per alcuni no, per il rampollo del clan ‘ndrangheta, invece sì.

«A introdurre Dominello nel giro, secondo i pm, è stato Fabio Germani (ora accusato di concorso esterno) un ex ultrà in ottimi rapporti con diversi calciatori e con l’ex mister Antonio Conte. Tramite Germani Rocco arriva “ad acquisire stabili ed importanti rapporti con esponenti di livello della società Juventus, in primis Alessandro D’Angelo”».

L’inchiesta della Procura di Torino torna sui giornali con un approfondimento del Fatto quotidiano che in prima pagina pubblica la notizia subito sotto l’apertura: «“L’uomo di Andrea Agnelli teneva i rapporti tra la Juve e l’ultrà accusato di mafia”. All’interno un ampio servizio in cui si ricostruiscono i rapporti tra Alessandro D’Angelo, security manager dei bianconeri (non indagato) citato nelle carte dell’inchiesta, braccio destro di Andrea Agnelli, e Rocco Dominello “indagato per associazione mafiosa ed erede di una famiglia di ’ndrangheta legata al clan Bellocco di Rosarno. Ecco alcuni stralci dell’articolo.

Tra la Juventus e la’ndrangheta – scrive il Fatto – “c’è un solo grado di separazione: Alessandro D’Angelo. «Per il quarantenne figlio di Umberto Agnelli – scrive il quotidiano diretto da Marco Travaglio – il manager è una sorta di angelo custode che lo segue come un’ombra. Allo stesso tempo, però, rivelano le carte dell’inchiesta, è in continuo contatto con il rampollo del clan calabrese, con cui discute fra l’altro la distribuzione di biglietti delle partite destinati al tifo organizzato. Sui quali, secondo l’accusa, i Dominello lucravano con il bagarinaggio».

«Il gip Stefano Vitelli lo dipinge “quasi in un rapporto servente” con Rocco Dominello. Si preoccupa di rifornirlo di biglietti: “Li mettiamo sotto un codice diverso, mi devi dire solo chi andrà poi a ritirarli”, lo rassicura in una telefonata intercettata il 22 gennaio 2014. “Trova un espediente per aggirare i divieti ufficiali a beneficio diretto di Dominello Rocco”, scrive il gip.»

Autore: Alberto

Notizie di oggi
8 mila bambini OGNI GIORNO muoiono di fame PRIMA DEI 5 ANNI: E NOI PARLIAMO DEL NULLA!
8 mila bambini OGNI GIORNO muoiono di fame PRIMA DEI 5 ANNI: E NOI PARLIAMO DEL NULLA!
(Roma)
-

I numeri sono numeri, e poco importa che quelli denunciati da Save the Children nel rapporto appena rilasciato sulla malnutrizione e l’infanzia siano esorbitanti: 3 milioni di bambini muoiono ogni anno prima di compierne 5 per mancanza di cibo o di cibo a
I numeri sono numeri, e poco importa che quelli denunciati da Save the Children...

Cesare Battisti torna in Italia? Sarebbe OTTIMO da ONOREVOLE!
Cesare Battisti torna in Italia? Sarebbe OTTIMO da ONOREVOLE!
(Roma)
-

A ogni campagna elettorale spunta Battisti. Che sia estradato e cosi si pone fine a questa vicenda.
A ogni campagna elettorale spunta Battisti. Che sia estradato e cosi si pone...

1 casa su 2 assegnata agli immigrati
1 casa su 2 assegnata agli immigrati
(Roma)
-

Sempre fuori tempo massimo. Il Pd si accorge dei propri disastri solo quando ormai è troppo tardi per rimediare.
Sempre fuori tempo massimo. Il Pd si accorge dei propri disastri solo quando...

GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
(Roma)
-

Sono un po' tutti cascati dal pero. Ma come, davvero? Davvero ve la siete presa? Eh, pare di sì, accidenti
GIUSTIZIA ALL’ITALIANA – BONIFAZI, TESORIERE PD, INDAGHERA’ SUL MANCATO SUOCERO:...


(Roma)
-


Un gruppo di scienziati statunitensi ha dato il via a un progetto per "riportare...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati