ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?

(Firenze)ore 15:03:00 del 25/09/2017 - Categoria: , Denunce, Politica

ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?

La designazione dei parlamentari da parte dei leader attraverso il meccanismo delle liste bloccate equivale ad una vera e propria privatizzazione della politica nazionale.

Ci iscriviamo convintamente al partito degli scettici: il Rosatellum bis, la proposta di legge elettorale su cui sembrano aver trovato un accordo RenziBerlusconiSalvini e Alfanodifficilmente vedrà la luce e verosimilmente sarà impallinata dai franchi tiratori in uno dei tanti voti segreti concessi dal regolamento di Montecitorio. Non è detto che sia un male. Infatti, il Rosatellum bis ripropone, addirittura accentuandoli, tutti i vizi delle leggi elettorali finora in vigore (il Porcellum), di quelle approvate e mai applicate (l’Italicum) o ritagliate a colpi di sentenze dalla Corte Costituzionale (il Consultellum), a cominciare dall’implicito divieto per l’elettore di scegliere l’eletto, che è poi il peccato originale di tutti i latinorum accumulati dal Parlamento in materia elettorale e, insieme, la vera ragione dell’inestinguibile polemica contro la casta.

Di più: la designazione dei parlamentari da parte dei leader attraverso il meccanismo delle liste bloccate equivale ad una vera e propria privatizzazione della politica nazionale.

Già, perché quel che non si evidenzia mai abbastanza è che agli italiani è consentito eleggere consiglieri comunali, regionali ed europarlamentari, ma non deputati e senatori. Sarebbe interessante approfondirne le ragioni. Non foss’altro perché, a lungo andare, il meccanismo di nomina (accentuato dal Rosatellum bis) è destinato a minare il principale caposaldo della democrazia rappresentativa: non è più il deputato a controllare il governo ma è l’esatto contrario.

Il leader del partito e della coalizione vincente che il giorno dopo ottiene l’investitura a premier è lo stesso che il mese prima ha scelto uno per uno i parlamentari che gli dovranno dare la fiducia e che ne dovrebbero sindacare l’operato. Ridicolo, no? Purtroppo non se ne esce perché nessun leader, con l’eccezione di Giorgia Meloni a destra e di Pierluigi Bersani a sinistra, vuole rinunciare al potere di nominare gli onorevoli. E questo spiega perché, da tempo, la legge elettorale è materia dei giudici e non dei politici. Soprattutto, spiega perché, per dirla con Flaiano, la situazione è grave ma non è seria.

Da: QUI

Autore: Carmine

Notizie di oggi
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
(Firenze)
-

Sono un po' tutti cascati dal pero. Ma come, davvero? Davvero ve la siete presa? Eh, pare di sì, accidenti
GIUSTIZIA ALL’ITALIANA – BONIFAZI, TESORIERE PD, INDAGHERA’ SUL MANCATO SUOCERO:...


(Firenze)
-


Un gruppo di scienziati statunitensi ha dato il via a un progetto per "riportare...

Che Guevara: LA VERITA' SUL SANGUINARIO EROE DELLA SINISTRA
Che Guevara: LA VERITA' SUL SANGUINARIO EROE DELLA SINISTRA
(Firenze)
-

Propagandava l'odio come fattore di lotta per trasformare l'uomo in una reale, violenta, selettiva e fredda macchina per uccidere
Propagandava l'odio come fattore di lotta per trasformare l'uomo in una reale,...

L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
(Firenze)
-

NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA “RIVOLUZIONE SILENZIOSA” DELL’ ISLANDA CHE HA PERMESSO AGLI ISLANDESI DI RIAPPROPRIARSI DEI PROPRI DIRITTI.
NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA...

LEGGE ELETTORALE: errare Renzianum est, perseverare Gentilonicum
LEGGE ELETTORALE: errare Renzianum est, perseverare Gentilonicum
(Firenze)
-

Nella storia d'Italia, solo tre volte si è posta la fiducia sulla legge elettorale. La prima volta sotto il Fascismo (legge Acerbo) e la seconda e la terza sotto il governo Renzi-Gentiloni.
Nella storia d'Italia, solo tre volte si è posta la fiducia sulla legge...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati