Italia crolla a pezzi? MOTIVO VALIDO PER STANZIARE 5 MILIARDI PER I MIGRANTI! (VERGOGNA)

(Palermo)ore 22:06:00 del 24/04/2017 - Categoria: , Denunce, Economia, Sociale

Italia crolla a pezzi? MOTIVO VALIDO PER STANZIARE 5 MILIARDI PER I MIGRANTI! (VERGOGNA)

La rete stradale italiana cade letteralmente a pezzi. E il governo proprio oggi ha previsto una considerevole spesa pubblica, quasi cinque miliardi di euro. Ma non per le strade italiane, per gli africani fatti arrivare in Italia a orde, l'ultima di quasi

Una rampa di collegamento del viadotto della tangenziale di Fossano, nel Cuneese, è crollata improvvisamente sulla strada sottostante, via Marene. Distrutta un'auto dei carabinieri, che stava effettuando un posto di blocco. I militari, secondo le prime informazioni, hanno sentito degli scricchiolii e hanno fatto in tempo a mettersi in salvo. In via precauzionale, la polizia locale, con l'ausilio delle altre forze dell'ordine, sta lavorando alla chiusura totale della tangenziale. Al momento del crollo non c'erano auto in transito sul viadotto. Sul posto vigili del fuoco e personale del Comune stanno cercando di comprendere le cause del collasso della struttura.

La rete stradale italiana cade letteralmente a pezzi. E il governo proprio oggi ha previsto una considerevole spesa pubblica, quasi cinque miliardi di euro. Ma non per le strade italiane, per gli africani fatti arrivare in Italia a orde, l'ultima di quasi 10.000 nei giorni di Pasqua.

Intanto, il crollo di oggi solo e' l'ultimo di una serie. Il precedente piu' recente e' del 9 marzo scorso, quando il cedimento di un ponte sull'A14 nei pressi di Ancona, durante lavori di manutenzione, ha ucciso una coppia di coniugi di Spinetoli, in provincia di Ascoli Piceno. Emidio Diomedi, 60 anni, piccolo imprenditore nel settore dell'abbigliamento, e Antonella Viviani, 54 anni, percorrevano con la loro auto la carreggiata Nord dell'autostrada: a 10 chilometri a nord di Loreto, la vettura e' stata schiacciata dal ponte, che ha ceduto alle 13.30 circa. Nell'incidente sono rimasti feriti due operai della Delabech, che eseguiva lavori per i quali il cavalcavia era chiuso al traffico.

Un crollo simile si e' verificato il 28 ottobre del 2016 ad Annone in provincia di Lecco sulla corsia Nord della superstrada 36: al passaggio di un tir da oltre 108 tonnellate il cavalcavia e' piombato sulla strada sottostante stritolando l'Audi, di Claudio Bertini, 68 anni, morto sul colpo. Il ponte non è crollato per sovraccarico ma per vecchiaia. Andava abbattuto e ricostruito, ma lo stato dice di non avere i soldi per farlo, mentre spende miliardi di euro per gli africani dei barconi dalla Libia.

Per questo episodio il 4 novembre del 2016 la Procura di Lecco ha iscritto nel registro degli indagati tre persone: Angelo Valsecchi, 50 anni, dirigente Viabilita' e infrastrutture dell'amministrazione provinciale di lecco, il suo vice Andrea Sesana, 35 anni, e il tecnico dell'Anas Giovanni Salvatore, 56 anni. Omicidio colposo e disastro colposo sono i reati ipotizzati dai pm. Poche ore prima del crollo, un cantoniere dell'Anas, Tindaro Sauta, aveva segnalato la caduta di calcinacci.

Il 7 luglio del 2014 invece crollo' un tratto del viadotto Petrulla, sulla strada statale 626 tra Ravanusa e Licata, in provincia di Agrigento. Quattro persone, tra le quali una donna incinta, rimasero lievemente ferite. Sempre in Sicilia, qualche mese dopo, il giorno di Natale del 2014, cedette il viadotto Scorciavacche sulla statale Palermo-Agrigento. Era stato inaugurato il 23 dicembre. Questo incidente non coinvolse automezzi e non causo' danni alle persone. Ma fu una specie di "miracolo". Come quello di oggi.

E mentre il Paese crolla letteralmente in pezzi, gli africani continuano ad invadere l'Italia. Oggi pomeriggio, altri 816 sono sbarcati a Cagliari, 1.800 sono sbarcati a Vibo Valentia e 477 a Palermo.

Una follia assoluta.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Abolizione Fornero? ENNESIMA PAGLIACCIATA. La verita'? LEGGI
Abolizione Fornero? ENNESIMA PAGLIACCIATA. La verita'? LEGGI
(Palermo)
-

Con la situazione che ci ritroviamo, col fischio che i giovani e anche quelli un po' meno giovani vedranno la pensione, salvo quella per decrepitezza.
Con la situazione che ci ritroviamo, col fischio che i giovani e anche quelli un...

2018: inizia l'INCUBO per 100mila lavoratori ITALIANI. Leggi e diffondi!
2018: inizia l'INCUBO per 100mila lavoratori ITALIANI. Leggi e diffondi!
(Palermo)
-

Un’incertezza che non sembra interessare la politica, non è tema di campagna elettorale e neppure fenomeno sul quale c’è la necessaria attenzione delle istituzioni.
Tempo scaduto. Quasi 100mila lavoratori dipendenti, i “primi” ad essere assunti...

Prostituzione: legalizzarla e' GIUSTO!
Prostituzione: legalizzarla e' GIUSTO!
(Palermo)
-

Qual è dunque la formula migliore per ridurre il fenomeno, o quantomeno per limitare l'appannaggio totale, e quindi il profitto, della criminalità?
Qual è dunque la formula migliore per ridurre il fenomeno, o quantomeno per...

Ecco come veniamo ingannati dalle etichette dei vini
Ecco come veniamo ingannati dalle etichette dei vini
(Palermo)
-

Crediamo che il gusto sia qualcosa che percepiamo oggettivamente, ma non è così.
Crediamo che il gusto sia qualcosa che percepiamo oggettivamente, ma non è così....

Volete cambiare il mondo protestando contro i sacchetti? CHE BRANCO DI PECORE!!
Volete cambiare il mondo protestando contro i sacchetti? CHE BRANCO DI PECORE!!
(Palermo)
-

Il cervello e l’intelligenza del gregge oramai sono un optional e un vero e proprio mistero.
L’Italia è stata trasportata in discarica e serve quanto prima un sacchetto....



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati