Italia, BRAVA!

(Firenze)ore 15:02:00 del 30/06/2016 - Categoria: Calcio

Italia, BRAVA!

Ne accadono subito due, la zuccata di Pellè e la parata impressionante di De Gea. Sotto l’acqua, l’azzurro pesta che è una bellezza, mentre i bianchi sembrano dei pollicini zuppi che hanno perso la mamma e la strada di casa.

Smette di piovere e la partita risulta ora più chiara e facile da leggere. Palla agli spagnoli, carini ma nemmeno tanto, compassati, sterili e piuttosto ottusi nel cercare dall’esterno la correzione a centro area dove i Barzagli, i Bonucci e i Chiellini spadroneggiano. Quando l’Italia riparte fa sempre male. E’ chiara la fragilità dietro degli spagnoli.

Mamelici, rabbiosi e fradici. Meglio così. Il fango si addice a squadre da trincea come l’Italia, una sciagura invece per i calligrafici barboncini da moquette di Del Bosque. Il diluvio che si scatena a Parigi, nell’esatto istante in cui il turco fischia l’inizio, è l’estensione apocalittica e rovesciata delle lacrime di Messi oltre oceano. Di là la resa, di qua il furore. Il segno, comunque, che qualcosa di enorme sta accadendo.

E’ ancora un brasileiro, Eder, il lanciafiamme. Sulla sua botta e il vorrei ma non posso di De Gea, la correzione bisontesca di Chiellini, tanto per dire che i quattro samurai sono venuti a difendere gli omini del villaggio dai prepotentoni, ma sono capaci anche di far male. Vista così, la Spagna oggi, come il Belgio prima, sembrano squadre disegnate apposta per esaltare il paleohomo italicus erectus.

MAMELICI, RABBIOSI E FRADICI. MEGLIO, IL FANGO SI ADDICE A SQUADRE DA TRINCEA COME L’ITALIA, UNA SCIAGURA INVECE PER I CALLIGRAFICI BARBONCINI DA MOQUETTE DI DEL BOSQUE QUANDO L’ITALIA È AL MASSIMO DELLA SUA ISTERIA È AL MASSIMO DI SE STESSA, CHE È POI L’ESSENZA DEL TARDELLISMO, DISCIPLINA, FURORE, BAVA ALLA BOCCA E SIAM PRONTI ALLA MORTE. UNDICI PISELLONI ARMATI. PERSINO DE SCIGLIO S’È FATTO CRESCERE UNGHIE DA LUPO IL FINALE È SOFFERENZA TOTALE, MA QUANDO PIQUET GIÀ ESULTA, BUFFON O CHI PER LUI, METTE LA MANO O LO SCIAMANO. IL 2 A 0 DI PELLÈ È SOLO PAZZIA E CONTE PRENDE IL VOLO 

Si chiudono e ripartono compatti. Di là, evanescenza. Suo Maestoso Pallore, cioè Iniesta, non si ritrova in tanta mischia plebea, ci vorrebbe l’equivalente di un Rafa Nadal nel loro branco, ma non ce l’hanno. 

DA: DAGOSPIA

Si riparte e non cambia di molto il copione. Spagna inutile che morde appena a inizio ripresa e azzurri che si pappano di tutto in contropiede. Esce De Rossi, difensore aggiunto, e si balla un po’ di più, mentre l’allenatore del Chelsea non sta più nelle mutande, quelle sì ancora azzurre. Il finale è sofferenza totale, ma quando Piquet già esulta, Buffon o chi per lui, mette la mano o lo sciamano.

Ne accadono subito due, la zuccata di Pellè e la parata impressionante di De Gea. Sotto l’acqua, l’azzurro pesta che è una bellezza, mentre i bianchi sembrano dei pollicini zuppi che hanno perso la mamma e la strada di casa. Uno spettacolo i due in panchina per quanto diversi, il marchese Del Bosque è una filtrazione da Cervantes, una sontuosa e venerabile mucca. Al massimo della temperie emotiva si lascia andare a una digressione del pollice che sfiora il labbro inferiore. Conte è una filtrazione esagerata della sua terra esagerata, il Salento, terra di tarantolati, manca poco che prenda il volo. Si straccia giacca e cravatta che tengono duro.

 Lo sappiamo da sempre. Quando l’Italia è al massimo della sua isteria è al massimo di se stessa, che è poi l’essenza del tardellismo, disciplina, furore, bava alla bocca e siam pronti alla morte. Undici piselloni armati. Persino De Sciglio, una mammoletta, s’è fatto crescere unghie da lupo.

Autore: Luca

Notizie di oggi
ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE
ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE
(Firenze)
-

«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha spiegato il presidente Luis Rubiales (41 anni, ripetiamo: 41 anni) in una conferenza stampa che dovrebbe essere presa ad esempio per un corso universitario su “come si sta al mo
«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha...

Argentina e Israele...motivi di sicurezza? Ecco la VERITA' URLATA DA MESSI
Argentina e Israele...motivi di sicurezza? Ecco la VERITA' URLATA DA MESSI
(Firenze)
-

Beirut – L’amichevole fra Israele e Argentina, prevista per sabato a Gerusalemme, è stata annullata.
Gerusalemme, salta il match con l’Argentina. Messi: «Non gioco contro chi uccide...

Caro Sarri...sono i soldi a fare le rivoluzioni
Caro Sarri...sono i soldi a fare le rivoluzioni
(Firenze)
-

Chissà in quanti si sarebbero sganasciati dalle risate se, due settimane fa, avessero ascoltato qualcuno dire: finisce che il Napoli ingaggia Ancelotti, il Chelsea appende Sarri e l’allenatore toscano resta fermo perché sotto contratto il Napoli.
Chissà in quanti si sarebbero sganasciati dalle risate se, due settimane fa,...

Tributo a Maurizio Sarri: rivoluzionario vero e grande innovatore
Tributo a Maurizio Sarri: rivoluzionario vero e grande innovatore
(Firenze)
-

Finisce il rapporto tra Sarri e il Napoli, dopo tre campionati in crescita costante. Un lavoro tecnico moderno e di grande impatto ha permesso al club di raggiungere traguardi importanti.
L’arrivo di Ancelotti al Napoli certifica la fine del triennio di Maurizio...

JUVENTUS DIFFIDATA! 36 scudetti? PUBBLICITA' INGANNEVOLE!
JUVENTUS DIFFIDATA! 36 scudetti? PUBBLICITA' INGANNEVOLE!
(Firenze)
-

La Juventus sostiene di aver vinto 36 scudetti ma secondo l’avvocato napoletano Angelo Pisani si tratta di “pubblicità ingannevole”.
La Juventus sostiene di aver vinto 36 scudetti ma secondo l’avvocato napoletano...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati