Italia, BRAVA!

(Firenze)ore 15:02:00 del 30/06/2016 - Categoria: Calcio

Italia, BRAVA!

Ne accadono subito due, la zuccata di Pellè e la parata impressionante di De Gea. Sotto l’acqua, l’azzurro pesta che è una bellezza, mentre i bianchi sembrano dei pollicini zuppi che hanno perso la mamma e la strada di casa.

Smette di piovere e la partita risulta ora più chiara e facile da leggere. Palla agli spagnoli, carini ma nemmeno tanto, compassati, sterili e piuttosto ottusi nel cercare dall’esterno la correzione a centro area dove i Barzagli, i Bonucci e i Chiellini spadroneggiano. Quando l’Italia riparte fa sempre male. E’ chiara la fragilità dietro degli spagnoli.

Mamelici, rabbiosi e fradici. Meglio così. Il fango si addice a squadre da trincea come l’Italia, una sciagura invece per i calligrafici barboncini da moquette di Del Bosque. Il diluvio che si scatena a Parigi, nell’esatto istante in cui il turco fischia l’inizio, è l’estensione apocalittica e rovesciata delle lacrime di Messi oltre oceano. Di là la resa, di qua il furore. Il segno, comunque, che qualcosa di enorme sta accadendo.

E’ ancora un brasileiro, Eder, il lanciafiamme. Sulla sua botta e il vorrei ma non posso di De Gea, la correzione bisontesca di Chiellini, tanto per dire che i quattro samurai sono venuti a difendere gli omini del villaggio dai prepotentoni, ma sono capaci anche di far male. Vista così, la Spagna oggi, come il Belgio prima, sembrano squadre disegnate apposta per esaltare il paleohomo italicus erectus.

MAMELICI, RABBIOSI E FRADICI. MEGLIO, IL FANGO SI ADDICE A SQUADRE DA TRINCEA COME L’ITALIA, UNA SCIAGURA INVECE PER I CALLIGRAFICI BARBONCINI DA MOQUETTE DI DEL BOSQUE QUANDO L’ITALIA È AL MASSIMO DELLA SUA ISTERIA È AL MASSIMO DI SE STESSA, CHE È POI L’ESSENZA DEL TARDELLISMO, DISCIPLINA, FURORE, BAVA ALLA BOCCA E SIAM PRONTI ALLA MORTE. UNDICI PISELLONI ARMATI. PERSINO DE SCIGLIO S’È FATTO CRESCERE UNGHIE DA LUPO IL FINALE È SOFFERENZA TOTALE, MA QUANDO PIQUET GIÀ ESULTA, BUFFON O CHI PER LUI, METTE LA MANO O LO SCIAMANO. IL 2 A 0 DI PELLÈ È SOLO PAZZIA E CONTE PRENDE IL VOLO 

Si chiudono e ripartono compatti. Di là, evanescenza. Suo Maestoso Pallore, cioè Iniesta, non si ritrova in tanta mischia plebea, ci vorrebbe l’equivalente di un Rafa Nadal nel loro branco, ma non ce l’hanno. 

DA: DAGOSPIA

Si riparte e non cambia di molto il copione. Spagna inutile che morde appena a inizio ripresa e azzurri che si pappano di tutto in contropiede. Esce De Rossi, difensore aggiunto, e si balla un po’ di più, mentre l’allenatore del Chelsea non sta più nelle mutande, quelle sì ancora azzurre. Il finale è sofferenza totale, ma quando Piquet già esulta, Buffon o chi per lui, mette la mano o lo sciamano.

Ne accadono subito due, la zuccata di Pellè e la parata impressionante di De Gea. Sotto l’acqua, l’azzurro pesta che è una bellezza, mentre i bianchi sembrano dei pollicini zuppi che hanno perso la mamma e la strada di casa. Uno spettacolo i due in panchina per quanto diversi, il marchese Del Bosque è una filtrazione da Cervantes, una sontuosa e venerabile mucca. Al massimo della temperie emotiva si lascia andare a una digressione del pollice che sfiora il labbro inferiore. Conte è una filtrazione esagerata della sua terra esagerata, il Salento, terra di tarantolati, manca poco che prenda il volo. Si straccia giacca e cravatta che tengono duro.

 Lo sappiamo da sempre. Quando l’Italia è al massimo della sua isteria è al massimo di se stessa, che è poi l’essenza del tardellismo, disciplina, furore, bava alla bocca e siam pronti alla morte. Undici piselloni armati. Persino De Sciglio, una mammoletta, s’è fatto crescere unghie da lupo.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Napoli Juventus non sara' MAI una semplice partita di PALLONE!
Napoli Juventus non sara' MAI una semplice partita di PALLONE!
(Firenze)
-

Tu nun si’ cchiù Pulecenella, facive ridere e pazzià’. Mo t’arragge e pienze a’ guerra e nce parle ‘e libertà!
Nord contro Sud. Ricchi contro poveri. Industriali contro operai. I Savoia...

Il futuro del CALCIO? Stadi VUOTI, presidenti CINESI, 0 ITALIANI IN CAMPO
Il futuro del CALCIO? Stadi VUOTI, presidenti CINESI, 0 ITALIANI IN CAMPO
(Firenze)
-

Questo segnerà con buone probabilità la fine del calcio come lo conosciamo noi.
Il calcio-mercato in Europa non è ancora cominciato che già diversi campioni...

Juve irriconoscibile? I MEDIA LA ELOGIANO, I TIFOSI LA MASSACRANO!
Juve irriconoscibile? I MEDIA LA ELOGIANO, I TIFOSI LA MASSACRANO!
(Firenze)
-

Niente circo, viviamo in bianco e nero. Come dire: ci sta. Ci può stare, al netto dei gusti di ognuno. Niente da dire, niente da aggiungere.
Niente circo, viviamo in bianco e nero. Come dire: ci sta. Ci può stare, al...

Serie A POCO COMPETITIVA? Sapete QUANTI SOLDI PRENDONO LE RETROCESSE?
Serie A POCO COMPETITIVA? Sapete QUANTI SOLDI PRENDONO LE RETROCESSE?
(Firenze)
-

Per la stagione in corso (2017/18) resteranno in vigore le norme precedenti, che in particolar modo per quanto riguarda la quota residuale vedevano garantita la cifra “avanzata” al club retrocesso con 3 anni di anzianità in serie A ma solamente nel caso i
Cambia anche il paracadute in Serie A. Il nuovo statuto della Lega infatti...

CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
(Firenze)
-

Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei mondiali di calcio come la Nemesi, la giusta punizione per un paese cantato da Dante quale regno dell’ignavia».
Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati