ITALEXIT: cosa succede se torniamo alla lira?

(Roma)ore 19:33:00 del 16/07/2016 - Categoria: Economia

ITALEXIT: cosa succede se torniamo alla lira?

C’ è tutto un mondo oltre i bastioni fissati da Bruxelles. E un mondo che cresce a ritmi buoni o eccellenti, come provano l’ ottimo andamento dell’ export (che per l’ Italia rappresenta, e ha rappresentato, la vera ciambella di salvataggio per aziende e b

Gli svedesi sono forse un filino più pragmatici degli inglesi. Dopo il referendum inglese ora il partito antieuro sta crescendo. Al 36% degli svedesi piacerebbe seguire l’ esempio dei britannici, mentre rimarrebbe contrario il 32%. Nell’ incertezza si tengono stretti la buon vecchia corona e continuano a gestire come preferiscono la propria politica monetaria: giusto ieri pomeriggio la banca centrale svedese – la Riksbank – «ha deciso di confermare il repo rate (tasso d’ interesse a cui prewsta il denaro alle banche, ndr), a -0,5%, in linea con le attese del mercato». Significativo il comunicato: l’ istituto centrale scandinavo rimarca come la politica «monetaria fortemente espansiva è necessaria per fornire sostegno continuo per l’ economia svedese e l’ aumento dell’ inflazione».

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Previsioni da sfera magica a parte, c’ è da chiedersi come se la siano passata, e come se la stiano passando, quelli che l’ euro non lo hanno voluto: o per scelta o per antiche idiosincrasie valutarie. E poi non c’ è solo l’ Europa dell’ euro con cui fare un confronto. C’ è tutto un mondo oltre i bastioni fissati da Bruxelles. E un mondo che cresce a ritmi buoni o eccellenti, come provano l’ ottimo andamento dell’ export (che per l’ Italia rappresenta, e ha rappresentato, la vera ciambella di salvataggio per aziende e bilancia commerciale). Lontano dall’ Europa – mentre noi ci turbiamo per uno zerovirgola – c’ è tutto un mondo che cresce: dagli Stati Uniti all’ Asia, da Israele al Canada.

Basta andare a vedere i dati relativi al Pil dei Paesi che non hanno l’ euro (perché non lo hanno adottato o perché hanno altra valuta), per rendersi conto che la crisi insiste come la fantozziana nuvola della sfortuna. Alle porte d’ Europa (un po’ dentro e un po’ fuori), c’ è giusto la Svezia che è forse il “laboratorio economico” di come si possa stare dentro l’ Europa senza Schengen (la libera circolazione è stata “sospesa” a gennaio scorso), e senza adottarne la valuta (continua a battere la Krona, corona).

Insomma, Stoccolma non ci pensa minimamente a delegare alla Bce. Visto che agendo su queste leve può fare la differenza (aiutare la competitività, incoraggiare il costo della vita). A scorrere i dati dell’ Ocse, della Banca mondiale, e pure dell’ Unione europea, salta fuori che tra il 1995 e il 2015 (World Bank Report rilanciati dal sito termometropolitico. it), i Paesi che sono cresciuti maggiormente sono proprio quelli senza l’ euro. E la Svezia (crescita del Pil nel ventennio: 41,7%), mette a segno un record secondo solo a quello dall’ Australia (42,5%), e sfiorato da Israele (38,3%). Se non dovessero piacere le statistiche della Banca Mondiale perché troppo vicina a Washington, ci si può sempre affidare agli esperti di Bruxelles. Proprio la Commissione Ue ha pubblicato, a febbraio, le previsioni di crescita per la Zona euro (2015/2017). Ma non solo. Ci sono pure le altre economie mondiali. Gli Stati Uniti – archiviata la crisi del 2008 – sembrano galoppare. Se nel 2015 il Pil Usa è cresciuto del 2,5%, nel 2016 dovrebbe balzare al 2,7%, per assestarsi al 2,6% nel 2017 (proiezioni Ue). Se si vuole allargare il raggio di analisi basta constatare che dal 2008 ad oggi il Canada ha messo a segno una crescita del 12% e gli Stati Uniti del 10%. Persino il Giappone è riuscito a vedere la crescita (+5%). L’ Europa è timidamente cresciuta, mentre noi siamo andati addirittura peggio. Oggi se in Europa c’ è chi si dibatte tra una crescita media dell’ 1,9% (dati ante-Brexit), Roma può solo sperare di restare intorno a 0,8/1,3%. Negli ultimi 20 anni il Belpaese è stato quello che è cresciuto meno (l’ 1,8%). Persino Grecia (13,5%), e Portogallo (19,1%), hanno fatto meglio. Per non parlare di Germania (28,7%), Francia (20,7%) e Spagna (23,9%).

Ormai è una polifonia: l’ uscita del Regno Unito dall’ Europa (l’ euro i britannici non lo hanno mai voluto), rallenterà ulteriormente la crescita – già modesta – del Vecchio Continente. Crescita modesta, a tratti asfittica (come in Italia), che rischia di mandare in soffitta tutti i sogni di ripresa e recupero. Per tornare ai livelli precisi gli statistici ipotizzano decenni. Ma c’ è anche chi si lancia in un ben poco augurante: “Nulla sarà più come prima”.

ITALEXIT: SENZA EURO VIVREMO MEGLIO, ECCO I NUMERI CHE LO PROVANO. ALLA FACCIA DEI GUFI EUROPEISTI!

Autore: Sasha

Notizie di oggi
IL SUPERPOTERE UE FESTEGGIA IL ROSATELLUM!
IL SUPERPOTERE UE FESTEGGIA IL ROSATELLUM!
(Roma)
-

Aveva ben presente, l’allora giovane rottamatore Renzi, quale fosse il cuore del problema: metter fine alla sciatteria di una farsa, recitata da partiti impresentabili. Un acquario virtuale, dentro cui c’erano mille sigle ma mancava la bandiera fondamenta
Aveva ben presente, l’allora giovane rottamatore Renzi, quale fosse il cuore del...

ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA LA PIU' CARA D'EUROPA
ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA LA PIU' CARA D'EUROPA
(Roma)
-

Lo studio recente di ImpresaLavoro ha confermato che i costi dell’energia elettrica per le imprese, ma di conseguenza anche per le famiglie italiane, sono i più cari d’Europa: un vero e proprio salasso.
Lo studio recente di ImpresaLavoro ha confermato che i costi dell’energia...

RISO ASIATICO, POMODORI CINESI, NOCCIOLE TURCHE NEI NOSTRI SUPERMERCATI
RISO ASIATICO, POMODORI CINESI, NOCCIOLE TURCHE NEI NOSTRI SUPERMERCATI
(Roma)
-

Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti extracomunitari ottenuti dallo sfruttamento schiavista e sp
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana...

L'INCHIESTA SULLE BANCHE NON TOCCHERA' ETRURIA E MPS!
L'INCHIESTA SULLE BANCHE NON TOCCHERA' ETRURIA E MPS!
(Roma)
-

In realtà c'è di tutto. Ci sono i vecchietti che vorrebbero speculare con i loro risparmi, ci sono quelli che si fidano del funzionario di banca non immaginando che le banche potrebbero anche fallire, comunque tenere i soldi sul conto corrente costa e qua
In realtà c'è di tutto. Ci sono i vecchietti che vorrebbero speculare con i loro...

L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
(Roma)
-

NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA “RIVOLUZIONE SILENZIOSA” DELL’ ISLANDA CHE HA PERMESSO AGLI ISLANDESI DI RIAPPROPRIARSI DEI PROPRI DIRITTI.
NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati