ITALEXIT: cosa succede se torniamo alla lira?

(Roma)ore 19:33:00 del 16/07/2016 - Categoria: Economia

ITALEXIT: cosa succede se torniamo alla lira?

C’ è tutto un mondo oltre i bastioni fissati da Bruxelles. E un mondo che cresce a ritmi buoni o eccellenti, come provano l’ ottimo andamento dell’ export (che per l’ Italia rappresenta, e ha rappresentato, la vera ciambella di salvataggio per aziende e b

Gli svedesi sono forse un filino più pragmatici degli inglesi. Dopo il referendum inglese ora il partito antieuro sta crescendo. Al 36% degli svedesi piacerebbe seguire l’ esempio dei britannici, mentre rimarrebbe contrario il 32%. Nell’ incertezza si tengono stretti la buon vecchia corona e continuano a gestire come preferiscono la propria politica monetaria: giusto ieri pomeriggio la banca centrale svedese – la Riksbank – «ha deciso di confermare il repo rate (tasso d’ interesse a cui prewsta il denaro alle banche, ndr), a -0,5%, in linea con le attese del mercato». Significativo il comunicato: l’ istituto centrale scandinavo rimarca come la politica «monetaria fortemente espansiva è necessaria per fornire sostegno continuo per l’ economia svedese e l’ aumento dell’ inflazione».

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Previsioni da sfera magica a parte, c’ è da chiedersi come se la siano passata, e come se la stiano passando, quelli che l’ euro non lo hanno voluto: o per scelta o per antiche idiosincrasie valutarie. E poi non c’ è solo l’ Europa dell’ euro con cui fare un confronto. C’ è tutto un mondo oltre i bastioni fissati da Bruxelles. E un mondo che cresce a ritmi buoni o eccellenti, come provano l’ ottimo andamento dell’ export (che per l’ Italia rappresenta, e ha rappresentato, la vera ciambella di salvataggio per aziende e bilancia commerciale). Lontano dall’ Europa – mentre noi ci turbiamo per uno zerovirgola – c’ è tutto un mondo che cresce: dagli Stati Uniti all’ Asia, da Israele al Canada.

Basta andare a vedere i dati relativi al Pil dei Paesi che non hanno l’ euro (perché non lo hanno adottato o perché hanno altra valuta), per rendersi conto che la crisi insiste come la fantozziana nuvola della sfortuna. Alle porte d’ Europa (un po’ dentro e un po’ fuori), c’ è giusto la Svezia che è forse il “laboratorio economico” di come si possa stare dentro l’ Europa senza Schengen (la libera circolazione è stata “sospesa” a gennaio scorso), e senza adottarne la valuta (continua a battere la Krona, corona).

Insomma, Stoccolma non ci pensa minimamente a delegare alla Bce. Visto che agendo su queste leve può fare la differenza (aiutare la competitività, incoraggiare il costo della vita). A scorrere i dati dell’ Ocse, della Banca mondiale, e pure dell’ Unione europea, salta fuori che tra il 1995 e il 2015 (World Bank Report rilanciati dal sito termometropolitico. it), i Paesi che sono cresciuti maggiormente sono proprio quelli senza l’ euro. E la Svezia (crescita del Pil nel ventennio: 41,7%), mette a segno un record secondo solo a quello dall’ Australia (42,5%), e sfiorato da Israele (38,3%). Se non dovessero piacere le statistiche della Banca Mondiale perché troppo vicina a Washington, ci si può sempre affidare agli esperti di Bruxelles. Proprio la Commissione Ue ha pubblicato, a febbraio, le previsioni di crescita per la Zona euro (2015/2017). Ma non solo. Ci sono pure le altre economie mondiali. Gli Stati Uniti – archiviata la crisi del 2008 – sembrano galoppare. Se nel 2015 il Pil Usa è cresciuto del 2,5%, nel 2016 dovrebbe balzare al 2,7%, per assestarsi al 2,6% nel 2017 (proiezioni Ue). Se si vuole allargare il raggio di analisi basta constatare che dal 2008 ad oggi il Canada ha messo a segno una crescita del 12% e gli Stati Uniti del 10%. Persino il Giappone è riuscito a vedere la crescita (+5%). L’ Europa è timidamente cresciuta, mentre noi siamo andati addirittura peggio. Oggi se in Europa c’ è chi si dibatte tra una crescita media dell’ 1,9% (dati ante-Brexit), Roma può solo sperare di restare intorno a 0,8/1,3%. Negli ultimi 20 anni il Belpaese è stato quello che è cresciuto meno (l’ 1,8%). Persino Grecia (13,5%), e Portogallo (19,1%), hanno fatto meglio. Per non parlare di Germania (28,7%), Francia (20,7%) e Spagna (23,9%).

Ormai è una polifonia: l’ uscita del Regno Unito dall’ Europa (l’ euro i britannici non lo hanno mai voluto), rallenterà ulteriormente la crescita – già modesta – del Vecchio Continente. Crescita modesta, a tratti asfittica (come in Italia), che rischia di mandare in soffitta tutti i sogni di ripresa e recupero. Per tornare ai livelli precisi gli statistici ipotizzano decenni. Ma c’ è anche chi si lancia in un ben poco augurante: “Nulla sarà più come prima”.

ITALEXIT: SENZA EURO VIVREMO MEGLIO, ECCO I NUMERI CHE LO PROVANO. ALLA FACCIA DEI GUFI EUROPEISTI!

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
(Roma)
-

I lavori di oggi ti permettono di aprire un mutuo per acquistare l'auto dei tuoi sogni a rate, di andare tutti i pomeriggi al bar a bere l'aperitivo o di acquistare un capo firmato al mese, ma non ti permettono più di essere autosufficiente al 100%, di co
I meravigliosi anni 90 sono finiti, nonostante si tenti in tutti i modi di...

La tua banca e' in crisi? Ti Bloccano il Conto Corrente!
La tua banca e' in crisi? Ti Bloccano il Conto Corrente!
(Roma)
-

Sarà senz’altro per il caldo, ma la notizia è sfuggita praticamente a tutti, sebbene la fonte fosse molto autorevole: la Reuters.
Sarà senz’altro per il caldo, ma la notizia è sfuggita praticamente a tutti,...

La Pressione Fiscale Reale? IL 50% LO DAI ALLO STATO LADRO!!! DIFFONDI!
La Pressione Fiscale Reale? IL 50% LO DAI ALLO STATO LADRO!!! DIFFONDI!
(Roma)
-

Secondo al Cgia il dato reale della pressione fiscale si attesta intorno al 48,8 per cento. Una vera e propria mazzata sulle famiglie
Secondo al Cgia il dato reale della pressione fiscale si attesta intorno al 48,8...

Universita': tasse piu' alte d'Europa e servizi SCADENTI
Universita': tasse piu' alte d'Europa e servizi SCADENTI
(Roma)
-

Queste trovate sembrano fatte apposta per non farti laureare e per aiutare i ricchi. Sono anni che aumentano tasse con servizi sempre peggiori: questa è l'università attuale.
Queste trovate sembrano fatte apposta per non farti laureare e per aiutare i...

In Italia partorire GRATIS e' impossibile: maternita' gratis diritto negato
In Italia partorire GRATIS e' impossibile: maternita' gratis diritto negato
(Roma)
-

Liste d'attesa infinite, prestazioni insufficienti rispetto alle richieste dei ginecologi, eccessivo ricorso al cesareo: in Italia partorire interamente a carico del Servizio sanitario nazionale come garantito dalla legge è un'impresa praticamente impossi
Liste d'attesa infinite, prestazioni insufficienti rispetto alle richieste dei...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati