Internet notizie: lo streaming online fara’ chiudere il cinema?

AOSTA ore 16:13:00 del 26/08/2015 - Categoria: Cinema, Internet - Streaming

Internet notizie: lo streaming online fara’ chiudere il cinema?

Internet notizie: lo streaming online fara’ chiudere il cinema?Woody Allen denuncia: internet ha cambiato tutto e adesso l’esperienza cinematografica rischia di scomparire

Woody Allen denuncia: internet ha cambiato tutto e adesso l’esperienza cinematografica rischia di scomparire

“C’è la questione dei piccoli schermi che diventano sempre più grandi, della definizione dell’immagine che sarà sempre maggiore… il risultato è che la gente si guarderà i film a casa, senza più uscire. [...] Ma sarà un’esperienza molto diversa di quando ero ragazzino io, e ti alzavi la mattina e non stavi più nella pelle perché sapevi che più tardi saresti andato al cinema. Le sale erano grandi e bellissime, la gente aspettava in coda sotto la pioggia e l’intera esperienza aveva qualcosa di magico. Ora è un’altra cosa. Parlo con gli studenti di cinema e mi dicono, ‘sì, certo, Lawrence d’Arabia, l’ho visto. Quarto Potere? Anche’. Poi scopro che li hanno visti sull’iPhone. Per uno come me è scoraggiante. Terribile”.

Woody Allen nell’intervista che ha rilasciato a Lorenzo Soria deL’espresso non si è lasciato pregare: è andato dritto al punto. E cioè: con internet, l’alta definizione, lo streaming e il download da casa, l’esperienza del cinema non rischia di scomparire? 

Altrettanto importante è la premessa da cui Allen è partito: oggi, ha detto, si preferiscono fare film di successo, poveri e brutti di contenuti, piuttosto che farne di belli, ma poco interessanti per il pubblico di massa.

Insomma: alla qualità, si preferisce la quantità. E al ricavo risicato, dollaro più dollaro meno, si preferiscono gli incassi multimilionari. Frecciatina ai cinecomics? In realtà, sembra più una stoccata alla macrocategoria dei blockbuster.

Ma tornando a Woody Allen e alle sue parole: quello che risulta piuttosto chiaramente è che l’esperienza cinematografica – vuoi per la possibilità di scaricare i film da casa, vuoi per la maggiore diffusione di schermi di qualità, formato salotto, vuoi pure per la possibilità di avere tutto e subito con un semplicissimo click – è cambiata. E in futuro, cambierà ancora.

È chiaro che se gli addetti ai lavori non riusciranno a leggere e a interpretare gli stimoli e gli spunti del pubblico, il cinema inteso come sala, come maxi schermo, come vera e propria “avventura”, sarà destinato ad estinguersi in favore di internet, Netflix e lo streaming da casa.

Dietro questo (possibile) sviluppo potremmo individuare innumerevoli ragioni. Di carattere produttivo, registico o di semplice impostazione artistica. Il punto sostanziale, però, resta un altro. Il pubblico, e non solo il cinema quindi, si è evoluto. I suoi interessi e le sue passioni si sono affinate. La stessa idea di esperienza cinematografica è mutata nel tempo.

Oggi andare in sala significa una cosa e una soltanto: venire travolti dalle immagini, dai colori, dall’adrenalina dell’azione. Come ha sottolineato brillantemente Meryl Streep in un’intervista di Antonio Monda, a Le Conversazioni, quello che rimarrà di questo cinema, in futuro, saranno probabilmente le immagini. Non i dialoghi, perché si parla sempre di meno. E nemmeno le emozioni. Ma i frame, i colori, i volti. I gesti.

Un cinema letterario, quindi, difficilmente resisterà ai tanti, forse troppi, cinecomic. La televisione, al contrario, può diventare una piazza ideale in cui prodotti più di nicchia, più ricercati, possono sopravvivere e trovare un proprio habitat naturale. Per fare un esempio: Beasts of No Nation di Cary Fukunaga, prodotto da Netflix, è un coraggiosissimo e interessante esperimento. Che non punta al pubblico dei festival (benché sia in concorso a Venezia) e nemmeno, cosa ancora più importante, al pubblico del cinema ma sceglie di rivolgersi, invece, agli spettatori della piattaforma, agli appassionati, a chi vuole restare a casa e godere con i propri tempi di un’opera alternativa. E infatti verrà distribuito contemporaneamente: in sala e in streaming.

Dunque se è vero che Woody Allen ha ragione perché la “poesia” dell’esperienza cinematografica rischia seriamente di perdersi, è altrettanto vero che oggi una riflessione di più ampio respiro sia quasi obbligatoria. Prendendo a riferimento anche i numeri: la Universal ha incassato oltre cinque miliardi di dollari dall’inizio del 2015; questo dimostra che la gente al cinema ci va ancora. Ma con un’idea ben precisa: non vuole più l’esperienza, sia pure “magica”, dello stare in fila, conoscere l’altro, chiacchierare del film a fine proiezione. Vuole godere del prodotto, sentirsi immerso nel film, dimenticare, e dimenticare profondamente, la realtà in cui vive. E inoltre: con l’aumento della qualità delle serie tv, di una ricercatezza di interpreti, temi e sceneggiature, i confini tra i media (fino a qualche anno fa semplicemente invalicabili) si stanno sempre più assottigliando.

Cosa viene girato per il cinema e cosa, invece, per la tv? C’è una differenza di durata e tempistiche, solo questo. Perché una bella serie potrebbe essere vista anche sul grande schermo, distribuita in sala, e senza un attimo di pausa (è quello a cui punta Netflix, dopotutto). E poi: stiamo arrivando al paradosso dei film prodotti per la tv e per una diffusione esclusiva via internet, scaricandoli su iTunes, per esempio. E questo non vuol dire svilire l’attenzione per i dettagli e per la scrittura, per interpretazioni realistiche, intense, e per una regia ricercata. Prendete True Detective. Prendete The Wire. O anche i nostrani Romanzo Criminale eGomorra.

Dire adesso, oggi, con estrema certezza quale sarà il futuro del cinema è impossibile. Ma che la televisione giocherà un ruolo fondamentale è fuori discussione, e sembra saperlo anche Woody Allen che alla fine, dopo tante insistenze e rilanci, ha accettato la proposta di Amazon: dirigere e scrivere una miniserie televisiva. “Alla fine è diventato troppo bello per poter dire di no”, ha confessato sempre a Lorenzo Soria. E ha precisato, “io ce l’ho messa tutta. Solo, ho sottovalutato la difficoltà di un progetto come questo”.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Chi si nasconde dietro al numero privato?
Chi si nasconde dietro al numero privato?

-

Dietro i call center, nella classifica delle persone più odiate mentre si è a telefono, ci sono loro: i numeri privati e sconosciuti.
Dietro i call center, nella classifica delle persone più odiate mentre si è a...

Stati WhatsApp, cosa sapere
Stati WhatsApp, cosa sapere

-

Questa curiosità si amplifica quando parliamo con qualcuno appena aggiunto, e spesso prima del primo contatto, che sia la persona con cui vorremmo un appuntamento, un contatto di lavoro o un nuovo amico, usiamo lo stato di WhatsApp per farci una idea dell
STATI WHATSAPP 2017 BELLI - Diciamo la verità: tutti ogni tanto guardiamo...

Gomorra 3 trailer
Gomorra 3 trailer

-

Ciro impaurito e braccato dagli uomini di Pietro Savastano, desiderosi di una immediata vendetta, scappa in Bulgaria, mentre Genny cerca di ricostruire un'egemonia importante, come quella che fu del padre, nel proprio territorio.
GOMORRA 3 NEWS - La nuova stagione riprende là dove ci aveva lasciato l'ultimo...

Perche' il WIFI continua a cadere?
Perche' il WIFI continua a cadere?

-

La connessione Wi-Fi di casa alle volte sembra farci degli scherzi. La velocità crolla ogni volta che guardiamo la nostra serie tv preferita o mentre stavamo giocando online
La connessione Wi-Fi di casa alle volte sembra farci degli scherzi. La velocità...

Un MI PIACE puo' costarti la GALERA!
Un MI PIACE puo' costarti la GALERA!

-

Per la prima volta in Italia sette persone saranno processate per aver espresso apprezzamento ad un post diffamatorio.
Per la prima volta in Italia sette persone saranno processate per aver espresso...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati