Intercettazioni: con la scusa della privacy MENO LOTTA AI CORROTTI

(Firenze)ore 13:46:00 del 08/11/2017 - Categoria: , Denunce, Politica

Intercettazioni: con la scusa della privacy MENO LOTTA AI CORROTTI

Processi più lunghi, più difficili e più lenti e meno libertà di stampa

Processi più lunghi, più difficili e più lenti e meno libertà di stampa. Il decreto sulle intercettazioni, approvato dal Consiglio dei ministri, raggiunge l’insolito risultato di mettere d’accordo, una volta tanto, accusa e difesa: il provvedimento è criticato sia dalla Anm che dall’Unione delle camere penali, ovvero il sindacato degli avvocati. Attese moltissimo dalla politica, le nuove norme erano invocate da tempo non per migliorare l’amministrazione della giustizia ma per evitare fughe di notizie e tutelare la privacy anche se come ha già dimostrato il Fattoquotidiano.it i casi di violazione negli ultimi 20 anni sono stati pochissimi: una ventina. Eppure il governo si dice soddisfatto. “Il provvedimento che abbiamo approvato in via preliminare non restringe la possibilità dei magistrati di utilizzare le intercettazioni, non interviene sulla libertà di stampa e sul diritto di cronaca, interviene solo su come vengono selezionate le intercettazioni” commenta il ministro della Giustizia, Andrea Orlando

Ormai, la maschera è caduta, siamo un paese antidemocratico dove i poterti forti non devono essere disturbati. Tra qualche mese saremo un paradiso, miglior posto dove delinquere indisturbati. Se poi a livello nazionale dovesse vincere il centrodestra, sarà la fine per quel barlume di democrazia che cerca di far capolino in fondo al tunnel.

C'è un equivoco di fondo. La tutela della privacy è sacrosanta, ma non quando si riferisce a politici che esprimono concetti ed idee politiche. Ovvero esemplificando: se in una intercettazione un politico racconta delle sue avventurette con una escort, si può invocare il diritto alla privacy; se invece racconta di suoi accordi con un altro politico, pur non essendo penalmente rilevanti NON DOVREBBE poter invocare alcuna privacy. Se un uomo politico non accetta questa cosa, che cambi mestiere: nessuno lo costringe a fare il politico. Credo che si dovrebbe introdurre questo concetto fondamentale nell'ordinamento.

Manca solo la "Separazione delle Carriere" in magistratura e poi i pm in mala fede avranno la coscienza in pace avendo applicato la legge!!! Ma mi faccino il piacere!In un paese che è passato di ventennio in ventennio più si indebolisce il terzo potere di uno stato più ci si allontana da uno sviluppo democratico. Ora attendiamo un bel decreto sul Quarto Potere così da far vincere il Quinto:i Social Networks,e buonanotte ai lumi!

Autore: Luca

Notizie di oggi
Edlettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Edlettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
(Firenze)
-

Germania, uno studio dimostra: elettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Quando in casa un elettrodomestico si rompe all’improvviso, senza motivo e...

Forno a microonde: tutte le malattia collegate
Forno a microonde: tutte le malattia collegate
(Firenze)
-

Durante la Seconda Guerra Mondiale , due scienziati hanno inventato un tubo a microonde chiamato magnetron .
Durante la Seconda Guerra Mondiale , due scienziati hanno inventato un tubo a...

Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
(Firenze)
-

Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta correlazione che ci fu tra il partito comunista e l’estrema sinistra.
Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta...

Orban e Salvini MINACCIA per l'Europa dei banchieri
Orban e Salvini MINACCIA per l'Europa dei banchieri
(Firenze)
-

Viktor Orban e Matteo Salvini? Campioni, «eroi del nostro tempo liquido e fautori della tanto discussa “internazionale populista”, che raccatta tutta la galassia nazionalista a partire da Trump, Putin, fino al gruppo di Visegrad»
Viktor Orban e Matteo Salvini? Campioni, «eroi del nostro tempo liquido e...

Soldi della Lega, accordo raggiunto: 600mila euro l'anno su un conto dedicato
Soldi della Lega, accordo raggiunto: 600mila euro l'anno su un conto dedicato
(Firenze)
-

La trattativa è arrivata alla fine: la procura di Genova e la Lega hanno chiuso l’accordo, garantendo sia il sequestro dei soldi, così come ordinato dai giudici, sia la sopravvivenza del partito.
La trattativa è arrivata alla fine: la procura di Genova e la Lega hanno chiuso...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati