Insigne vs Dybala? Non c'e' partita...A FAVORE DI INSIGNE!

(Bari)ore 13:46:00 del 26/05/2017 - Categoria: , Calcio

Insigne vs Dybala? Non c'e' partita...A FAVORE DI INSIGNE!

Insigne è meglio ‘e Dybala solo che nessuno lo dice perché il potere mediatico sta tutto da una sola parte. Non ci vuole un genio per capirlo, ma ci vuole poco per affermarlo. Basta guardare i numeri. Lorenzo ha segnato più del bianconero, è stato più dec

Insigne è meglio ‘e Dybala solo che nessuno lo dice perché il potere mediatico sta tutto da una sola parte. Non ci vuole un genio per capirlo, ma ci vuole poco per affermarlo. Basta guardare i numeri. Lorenzo ha segnato più del bianconero, è stato più decisivo contribuendo con assist e più continuo nell’arco di una stagione. Eppure luminari del giornalismo addirittura l’hanno paragonato a Messi (e detto pure che Ronaldo farebbe la panchina a Torino, ma so altri deliri).

Il buon Insigne quest’anno ha cantato e portato la croce, ha difeso, corso, segnato e offerto birre e taralli ai due compagni di merenda, Dries e José. Dybala ha segnato col contagocce, ma ha la fortuna di giocare dalle parti sabaude e pertanto il tappeto rosso sulla fiducia parte dai club televisivi e finisce sui rotoli di carta in edicola.

Statistiche

In Italia nessuno è come lui, come Insigne, per rendimento, tuttavia in nazionale sembra ospite occasionale, come quello che si mette in lista in discoteca giusto perché ti serve per riempire il tavolo.  Qualcuno dice che sia agevolato dal gioco sarriano, ma belli miei si gioca a calcio non a tennis dove l’unicità dell’interprete è insito nella disciplina

Insigne in una speciale classifica di rendimento del campionato di Serie A risulta essere ottavo, con sedici goal realizzati, otto assist vincenti, mentre Dybala solo trentesimo con soli nove goal realizzati e appena sei assist. Insigne calcia verso la porta decisamente di più: centoquindici contro appena sessanta. In questa speciale classifica, guidata da Dzkeo, Dries Mertens è terzo mentre Higuain è quarto..

Pubblicità

Si è parlato di Napoli e del Napoli definendolo con boria “circo” ma qui i trapezisti però sembrano stare dietro alle macchine da scrivere.  Se Lorenzo fosse stato bianconero, (chiedo scusa solo per averlo pensato) in questo momento come minimo parlavano di un Pallone d’oro spedito a Vinovo, di un Platini più basso, di un misto tra Messi e Ronaldo, e di titoli del tipo “ Il  nuovo Maradona”.

Perché? La Juve è in finale di Champions è quasi campione di Italia ed in finale di coppa nazionale, pertanto i risultati aumentano la celebrazione dei calciatori che li hanno raggiunti.

Piazza Plebiscito

Lorenzo Insigne è una delizia, con quel piede fa tutto, vendemmia anche l’uva per il vino che insieme ai compagni offre alle dionisiache domeniche di estasi partenopea. 

Lorenzo ha il diritto, dopo il rinnovo, di prendersi Piazza Plebiscito e organizzare una festa privata con tutte le sue ambizioni, che sono anche le nostre. Ha avuto il coraggio di restare a vita, conscio che nei momenti duri il primo ad essere colpito, sarà lui. Ha il coraggio della gente di queste parti, si è rimboccato le maniche della maglia e ha deciso che deve essere il centro della nuova follia partenopea, da quando Dio ci mandò Diego.

Galeano

«La storia del calcio è un triste viaggio dal piacere al dovere. A mano a mano che lo sport si è fatto industria, è andato perdendo la bellezza che nasce dall’allegria di giocare per giocare». Galeano scriveva nel suo “Splendori e miserie del gioco del calcio” ma Insigne è ancora quel bambino allegro che la domenica scende in campo con il pallone nello zaino accanto al panino.

È quello che rincorre un sasso, un palloncino, o un gomitolo di lana lasciato nel corridoio di casa, perché dove c’è un oggetto calciabile c’è il suo piede a colpirlo.  È la lucida follia che diventa sostanza e si proietta sulle pareti della realtà per concepirla come figlia possibile di un futuro vincente. In questo calcio tecnocratico dove tutto sembra maledettamente già scritto, omologato e noioso, Lorenzo è ancora quel bimbo sfrontato con la faccia sporca che esce dalla monotonia e mette a sedere il luogo comune, che profeti in patria proprio non si può.

Il tempo

Insigne è meglio ‘e Dybala, magari l’argentino vincerà già da quest’anno, borghese tra i borghesi, ma il fruscio di un pallone che entra in una rete grande quando un cuore popolare, non lo ascolterà mai, quel suono che appartiene ad una tammorra ribelle che sveglia i dormienti del pallone. Si ama il calcio perché esiste ancora chi lo dipinge in modo autentico.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
La Var c'e': perche' gli arbitri italiani NON la usano?
La Var c'e': perche' gli arbitri italiani NON la usano?
(Bari)
-

L’analisi del quotidiano romano: «Il protocollo Var non è cambiato, solo che gli arbitri vogliono dimostrare di non aver bisogno di “aiutini”».
Il Var è da tempo un tema caldo, per i giornali. Dopo gli episodi controversi di...

Come le le grandi squadre si sono comprate il calcio
Come le le grandi squadre si sono comprate il calcio
(Bari)
-

Un unico campionato su scala europea, alternativo ai tornei nazionali e alla Champions. Ecco il progetto segreto sponsorizzato dai club più ricchi d'Europa, tra cui Juventus, Real Madrid e Barcellona
Una Superlega europea del pallone. Un campionato riservato alle squadre più...

L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
(Bari)
-

L’esercizio finanziario riferito alla stagione 2017/2018 risente della campagna acquisti dello scorso anno, anche se i ricavi sono in aumento.
Deficit in crescita rispetto allo scorso anno Il Milan ha pubblicato il...

Cosa rischia Cristiano Ronaldo
Cosa rischia Cristiano Ronaldo
(Bari)
-

Cristiano Ronaldo e il presunto stupro: le differenze giudiziarie fra Italia e Usa.
 Cristiano Ronaldo e il presunto stupro: le differenze giudiziarie fra Italia e...

Cristiano Ronaldo: il caso stupro si affaccia sui giornali italiani
Cristiano Ronaldo: il caso stupro si affaccia sui giornali italiani
(Bari)
-

Repubblica, Corsera e Stampa puntano sulla fuga degli sponsor. La Gazzetta mette due righe in fondo all’articolo. In prima pagina sul Times e l’Independent
Niente in prima pagina, ma qualcosa si muove Con un po’ di fatica l’inchiesta...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati