Incolpi gli altri dei tuoi problemi? SEI UN DEBOLE! INVECE DI PUNTARE IL DITO, ATTIVATI!

(Firenze)ore 13:34:00 del 18/02/2017 - Categoria: , Denunce, Editoria, Salute, Sociale

Incolpi gli altri dei tuoi problemi? SEI UN DEBOLE! INVECE DI PUNTARE IL DITO, ATTIVATI!

L’ARTE DI INCOLPARE GLI ALTRI SU BUONA PARTE DEI NOSTRI PROBLEMI È MOLTO DIFFUSA NELLA NOSTRA SOCIETÀ.

L’ARTE DI INCOLPARE GLI ALTRI SU BUONA PARTE DEI NOSTRI PROBLEMI È MOLTO DIFFUSA NELLA NOSTRA SOCIETÀ.

Incolpando pensiamo di scaricare le nostre responsabilità, troviamo un pretesto per non affrontare i nostri problemi perchè in realtà siamo troppo deboli per farlo. Sentendoci vittime, riusciamo a giustificare quello che accade. In questo modo, non abbiamo bisogno di fare niente, è sufficiente lamentarsi e aspettare.

Troppo spesso ad esempio tendiamo ad etichettare come principale causa dei nostri problemi o del nostro malessere circostanze, amici, parenti, politici. Certo, la causa potrebbe essere esterna, ma il problema è che non ci poniamo mai le domande: cosa possiamo fare per evitare che una persona ci faccia del male o che un politico ci tolga un diritto? Noi attivamente cosa stiamo facendo per migliorare la nostra vita? Sono solo gli altri il problema o anche noi stessi?

Preferiamo invece dire: “è colpa sua, tutta colpa sua“, per ripulire la nostra coscienza, ma la nostra vita resta “sporca” e con gli stessi problemi irrisolti.
Anche quando apparentemente non c’è una causa esterna al nostro malessere cerchiamo di trovarla (mai in noi stessi), perchè trovare qualcuno a cui dare la colpa può darci la sensazione che ormai si sia risolto. Ma è e resterà solo una sensazione….

Oltre a non risolvere i problemi, cosa comporta dare la colpa agli altri?

La colpa è una difesa. E spendere tempo ad attribuire le nostre carenze agli altri o alle situazioni, non aiuta nel cammino di una crescita personale.
Se è sempre tutta colpa degli altri, allora significa che non abbiamo le redini della situazione, ne il potere di cambiare qualcosa. Tutto ciò è segno di una evidente debolezza.
Attribuire la colpa agli altri non è ciò che rende una persona forte e vincente, ma che, anzi, la mette davanti ad un proprio limite.

Cosa sarebbe meglio fare invece di incolpare?

Quando esiste veramente una persona o circostanza responsabile dei nostri mali non dovremmo prenderci tutta la colpa ,ma essere in grado di accettare le nostre  responsabilità quando è appropriato.

L’unico modo di migliorare e crescere consiste nell’essere obiettivi al momento di riconoscere i propri errori. Dovremmo sviluppare la capacità di rispondere alla vita e di criticare noi stessi, evitando gli effetti di una bassa autostima o della vanità.

Non c’è nulla di cui vergognarsi se si commette un errore o se si fallisce in qualcosa. Solo una critica obiettiva delle cause ci sarà utile per migliorare come persone. Schivare le proprie responsabilità non è sinonimo di crescita, solo analizzare le cause e riconoscendo le nostre debolezze e i nostri limiti, per trovare una soluzione e risolvere il problema aiuta a crescere

Da: Jedanews

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
(Firenze)
-

CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI QUOTIDIANI ITALIANI?INCHIESTA SULLA”LONGA MANUS”DELLE BANCHE E DELL’INDUSTRIA NELLA STAMPA ITALIANA.
CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI...

SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
(Firenze)
-

Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra, torcendosi le mani coperte di tatuaggi. Ci prega di non rivelare il suo nome: «Altrimenti mi licenziano», spiega.
Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra,...

Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
(Firenze)
-

Basta leggere alcune delle testimonianze drammatiche dei 600 professori universitari che in pochi giorni hanno sottoscritto un accorato appello al governo e al Parlamento per mettere in campo un piano di emergenza che rilanci lo studio della lingua italia
Possibile ritrovarsi a correggere una tesi di laurea dovendo usare la matita...

Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
(Firenze)
-

«Un anno dopo Bruxelles, c'è Londra, e la lista degli obiettivi non è esaurita - commenta da Washington Edward Luttwak, esperto di strategia militare e consulente della Casa Bianca - L'attentatore di Westminster era noto ai servizi di sua Maestà, il che e
Il terrore arriva fin sotto il Big Ben, e porta il nome di Khalid Masood. «Un...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere
(Firenze)
-

E ora che sta per arrivare la stangata — con la delibera adottata, su proposta del Pd, dall’ufficio di presidenza della Camera che introduce un contributo di solidarietà progressivo per i vitalizi superiori ai 70 mila euro lordi — Armaroli dice che «agend
DAI 10 MILA EURO AL MESE DI PUBLIO FIORI AI QUASI 7 MILA DI MASTELLA. E IN...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati