In USA la sanita' PAGA se sbaglia: IN ITALIA?

(Bologna)ore 18:40:00 del 03/07/2017 - Categoria: , Denunce, Esteri, Salute

In USA la sanita' PAGA se sbaglia: IN ITALIA?

È stato condannato a 9 anni di carcere Barry Cadden, co-fondatore del New England Compounding Center, per aver favorito un’epidemia di meningite che ha ucciso 76 persone e provocato centinaia di infezioni debilitanti.

È stato condannato a 9 anni di carcere Barry Cadden, co-fondatore del New England Compounding Center, per aver favorito un’epidemia di meningite che ha ucciso 76 persone e provocato centinaia di infezioni debilitanti.

Era il 2012 quando un numero eccessivo di contagi sollevò un polverone sull’azienda farmaceutica dando l’avvio alle indagini che misero al centro Cadden. Prima in Tennesse, poi in Virginia e ancora in altri Stati: meningite e infezioni fungine si diffusero a macchia d’olio. Allora i sanitari ricondussero le malattie ad un gruppo di metilprednisolone acetato privo di conservanti, uno steroide usato per trattare il dolore alla schiena, prodotto proprio dal New England Compounding Center di Framingham.

Accusato di frode, il 50enne è responsabile di aver venduto alle farmacie di tutto il Paese medicinali non approvati e non sterilizzati, prodotti in condizioni non sufficientemente igieniche: Cadden ha ignorato la normativa a scopo di lucro.

L’accusa aveva chiesto la pena più severa ammissibile, ovvero 35 anni, sostenendo la consapevole volontà di Cadden di trascurare la vita dei pazienti. Il Washington Post racconta che l’imputato, in lacrime, ha dichiarato in occasione del processo: «Come capo di una società che ha fatto droghe che hanno ucciso e maledetto queste persone, dico con sincerità che mi si spezza il cuore nel leggere quanto dolorose siano state le loro morti».

Ricordiamo che in Italia il panorama è decisamente diverso: oltre ai vari conflitti di interesse che sono venuti alla luce negli ultimi anni, è emersa una rete di relazioni che ha dell’inverosimile per quanto è palese l’origine dei finanziamenti, e anche la magistratura ne è venuta a capo con varie condanne .

Il problema del Belpaese è che non ha un sistema sicuro di risarcimento del danno da parte delle aziende farmaceutiche; in parole povere, se un’azienda sbaglia farmaco e produce danni anche molto gravi, non è lei stessa a dover pagare i danni, ma questi ricadono sul Ministero della Salute e quindi su noi contribuenti. A buon intenditor..

Da: QUI

Autore: Luca

Notizie di oggi
Riso o pasta nella dieta: qual'e' meglio?
Riso o pasta nella dieta: qual'e' meglio?
(Bologna)
-

Quando si è a dieta uno dei dubbi più frequenti riguarda la scelta dei primi, dei carboidrati, in particolare la domanda ricorrente è: meglio mangiare riso o pasta per riuscire a perdere i chili di troppo?
Quando si è a dieta uno dei dubbi più frequenti riguarda la scelta dei primi,...

I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
(Bologna)
-

I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo stesso)
I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo...

FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
(Bologna)
-

Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a Tenerife e alle Canarie: connazionali che non sempre si comportano nel migliore dei modi e vivono onestamente. E l’aumento di episodi di truffe o microcriminalità commessi da i
Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a...

250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
(Bologna)
-

In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si emigra come negli anni del dopoguerra: nel 2016 sono 250mila gli italiani scappati all’estero. La cifra ha superato i flussi degli immigrati in Italia.
In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si...

SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
(Bologna)
-

La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale in Italia, superando l’eccesso di velocità, e la guida in stato di ebbrezza. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza.
La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati