Impennata di vendita armi in Germania per difendersi dai MIGRANTI: LA GUERRA CIVILE E' CIO' CHE 'LORO' VOGLIONO!

(Bologna)ore 08:38:00 del 07/02/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Esteri

Impennata di vendita armi in Germania per difendersi dai MIGRANTI: LA GUERRA CIVILE E' CIO' CHE 'LORO' VOGLIONO!

Per Ingo Meinhard, direttore generale dell'Associazione degli armaioli tedeschi, il novembre 2015 rappresenta una svolta: in Germania e' iniziato un cambiamento fondamentale.

Per Ingo Meinhard, direttore generale dell'Associazione degli armaioli tedeschi, il novembre 2015 rappresenta una svolta: in Germania e' iniziato un cambiamento fondamentale.

Le autorita' hanno iniziato a ricevere un'ondata di richieste per la licenza di porto d'armi. Prima di allora, la vendita di armi da fuoco era un "puro business secondario". "Con gli attacchi islamici di Parigi al Bataclan un'ondata di insicurezza si e' riversata in Germania", spiega Meinhard. Tale sentimento d'insicurezza e' stato ampliato dagli eventi di Capodanno a Colonia, sempre nel 2015, quando centinaia di donne sono state molestate da migranti islamici.

"Dopo quell'episodio abbiamo registrato un forte aumento delle vendite di armi da fuoco", spiega Meinhard. Da allora gli acquisti di armi e dissuasori, come spray orticanti, sono proseguiti a livelli record. Nel 2017 sono state rilasciate 557.560 licenze per armi di piccolo calibro, contro le 300.949 del 2016: un aumento di un buon 85 per cento in poco meno di 2 anni. Tali cifre sono state diffuse dal governo federale a seguito di un'interrogazione parlamentare dei Verdi. Il ministro dell'Interno della Sassonia-Anhalt, il cristiano democratico Holger Stahlknecht (Cdu), ritiene tale sviluppo pericoloso. "Ovviamente, la gente crede che si possa comprare la sicurezza con una piccola pistola", ha dichiarato all'"Handelsblatt".  Meglio che niente, comunque, è la risposta generale della gente che va in armeria.

D'altra parte, nelle ultime settimane, i quotidiani tedeschi hanno pubblicato decine e decine di articoli dai titoli come "La Germania ha paura – e afferra le armi", "I tedeschi si armano: Esplode la domanda di armi", "Sempre più persone acquistano un'arma", "Sicurezza: Mani in alto!", "Aumenta il bisogno di sicurezza", "Boom delle armerie", e "I bavaresi si armano – per paura dei rifugiati".

Allarmismo? Niente affatto.  I dati sulla sicurezza e i reati in Germania, suggerirebbero alle autorita' un esame di coscienza. I criminologi guidati dallo scienziato Christian Pfeiffer hanno indagato sullo sviluppo del crimine violento, in particolare riguardo i rifugiati, usando l'esempio della Bassa Sassonia. Il risultato e' chiaroe drammatico: il crimine e' in forte aumento dopo anni di significativo declino, e tale tendenza ha direttamente a che fare con il massiccio afflusso di migranti e rifugiati nel paese. Tale tendenza puo' anche essere osservata a livello nazionale.

Per l'anno 2016, ultimo di cui c'è disponibilità di dati, le statistiche sul crimine della Polizia federale tedesca citano 174.000 immigrati sospetti di crimini, con un aumento del 52,7 per cento. Il numero di criminali tra i rifugiati e gli immigrati e' significativamente superiore a quello della media della popolazione, ha dichiarato il ministro degli Interni federale, il cristiano democratico Thomas de Maizière della Cdu nella presentazione delle cifre dello scorso anno.

Il capo del sindacato di polizia, Oliver Malchow, ritiene che la massiccia riduzione di 16.000 stazioni di polizia negli ultimi anni sia una delle ragioni della crescente insicurezza dei cittadini, "perche' ci sono sempre meno unita' della polizia visibili". Nei colloqui esplorativi per la prossima coalizione di governo, l'Unione e l'Spd hanno concordato di creare 15.000 nuovi posti per ufficiali di polizia federali e statali, ripristinando la situazione precedente.

Per Malchow e' un "grande passo nella giusta direzione". Stahlknecht ha tuttavia ribadito che la sicurezza e' e rimarra' sotto la responsabilita' dello Stato e delle autorita' ad essa preposte. Il sindacalista Schulz sostiene che un "approccio piu' aggressivo ai problemi e ai fenomeni legati alla criminalita'" potrebbe essere il mezzo migliore per ridare un senso di sicurezza alla popolazione. Resta il fatto che nel frattanto, mentre la Cdu e l'Spd cercano faticosamente di mettere in piedi un governo in Germania, i tedeschi si stanno armando come non accadeva da tanti decenni.

Da: QUI

Autore: Samuele

Notizie di oggi
TV degli USA dice la verita' sull'11 settembre: VIDEO
TV degli USA dice la verita' sull'11 settembre: VIDEO
(Bologna)
-

Per chi non lo sapesse, Richard Gage è il fondatore di Architetti e Ingegneri per la verità sull’11 settembre.
Per chi non lo sapesse, Richard Gage è il fondatore di Architetti e Ingegneri...

Se i popoli saranno proprietari della MONETA, l'umanita' avra' vinto la sua GUERRA
Se i popoli saranno proprietari della MONETA, l'umanita' avra' vinto la sua GUERRA
(Bologna)
-

La nostra schiavitu’ e tenuta perennemente in vita dai Banchieri che sono proprietari della Moneta.
La nostra schiavitu’ e tenuta perennemente in vita dai Banchieri che sono...

Milano: 1 residente su 4 STRANIERO
Milano: 1 residente su 4 STRANIERO
(Bologna)
-

Gli abitanti di Milano oggi sono al 19% immigrati, contro il 9% della media italiana
Gli abitanti di Milano oggi sono al 19% immigrati, contro il 9% della media...

La Fornero va in pensione....SENZA FORNERO!
La Fornero va in pensione....SENZA FORNERO!
(Bologna)
-

Elsa Fornero e l’età pensionabile: “Sono una privilegiata”
Intervistata dal Corriere, la Fornero ha spiegato come sia arrivato anche per...

Svezia accogliente? 85% di stupri commessi da IMMIGRATI
Svezia accogliente? 85% di stupri commessi da IMMIGRATI
(Bologna)
-

L'85% degli abusi, in particolare la violenza sessuale di gruppo, da quelle parti sono perpetrati da immigrati. Le statistiche ufficiali non riportano la nazionalità dei responsabili, per non suscitare rigetti xenofobi
La Svezia, da sempre patria del sesso libero, ha un problema. No, questa volta...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati