Immigrazione, ecco cosa non ti dicono

(Napoli)ore 15:34:00 del 13/02/2017 - Categoria: , Denunce, Sociale

Immigrazione, ecco cosa non ti dicono

Da questa mattina è vietato usare il termine «clandestino».

E se invece i cittadini onesti, che devono sopportare tutta quest'invasione di "CLANDESTINI" voluti dalla sx, chiedessero di definire questi pseudo intellettuali "DIVERSAMENTE IPOCRITI" dal momento che si sa bene dove bazzicano e come si foraggino alla greppia dello stato da noi mantenuto?

Occorre adeguarsi. Nel Mondo Nuovo dell'utopia negativa sono i vocaboli che cambiano la società, non la società che usa i vocaboli.

Da questa mattina è vietato usare il termine «clandestino». Lo richiede, anzi lo impone, una lettera aperta pubblicata ieri su Repubblica - organo ufficiale del pensiero unico egualitario - da un gruppo di vigilantes della psicopolizia linguistica, un Politburo interdisciplinare composto da politici, intellettuali, uomini di spettacolo (tra cui Luigi Manconi, Nicola Lagioia, Alessandro Bergonzoni), che denuncia come nel «Memorandum d'intesa sulla cooperazione nel campo del contrasto all'immigrazione illegale» sottoscritto dall'Italia e dal governo di riconciliazione libico compaia più volte «come sinonimo di migrante non regolare», il termine «clandestino». La parola - come strilla il titolo della lettera aperta - va cancellata. Perché? Perché il termine è «giuridicamente infondato»; perché «contiene un giudizio negativo aprioristico, insinuando l'idea che il migrante agisca al buio, come un malfattore» (che invece è solo una inevitabile conseguenza dell'etimologia, derivando «clandestino» dall'avverbio latino «clam», «di nascosto», indipendentemente da qualsiasi giudizio di valore, ndr); perché «suggerisce un'immagine dell'immigrato come nemico». Ecco l'utopia al negativo. Convincersi che la sostanza di un pericolo, o di una diseguaglianza, o di una ingiustizia, possa migliorare sostituendo semplicemente la parola che la indica. È noto: cambiare un termine del dizionario di uso comune è molto più facile che educare il cittadino a mutare un habitus mentale.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Medico che per anni ha vaccinato cambia posizione: VIDEO
Medico che per anni ha vaccinato cambia posizione: VIDEO
(Napoli)
-

«Nell’arco di tutti questi anni, io sono stata una persona che ha vaccinato, ho vaccinato mio figlio, ho fatto vaccini agli altri.
«Nell’arco di tutti questi anni, io sono stata una persona che ha vaccinato, ho...

TRISTEZZA, VIRUS CHE DISTRUGGE L'ARANCIA ROSSA IN SICILIA
TRISTEZZA, VIRUS CHE DISTRUGGE L'ARANCIA ROSSA IN SICILIA
(Napoli)
-

Sono ormai anni che in Sicilia si parla del virus Tristezza (Citrus Tristeza Virus), che rischia di mettere in ginocchio i produttori locali di arance
Sono ormai anni che in Sicilia si parla del virus Tristezza (Citrus Tristeza...

E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari milionario?
E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari milionario?
(Napoli)
-

Lo scrive sulla propria pagina facebook Gherardo Chirici, professore associato di Inventari forestali e telerilevamento presso Università degli Studi di Firenze
E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari...

Vittime e cavie della Mafia sanitaria. Ricordando la storia
Vittime e cavie della Mafia sanitaria. Ricordando la storia
(Napoli)
-

La storia di Tina Anselmi, l’allora Ministro della Sanità nel 1979, ci insegna che da anni siamo vittime di “mafia sanitaria”.
La storia di Tina Anselmi, l’allora Ministro della Sanità nel 1979, ci insegna...

VIDEO Ufo avvistato dalla Stazione Spaziale. Ma la Nasa censura
VIDEO Ufo avvistato dalla Stazione Spaziale. Ma la Nasa censura
(Napoli)
-

Nel video che vi mostriamo c’è qualcosa di clamoroso: un Ufo viene avvistato dalla Stazione Spaziale ma, all’improvviso, le comunicazioni vengono interrotte dalla Nasa. Ecco il filmato.
Chi vi dice che gli Ufo non esistono dovete rispondere con i fatti, con...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati