Il riscatto di Matera passa dalla cultura

MATERA ore 12:30:00 del 20/10/2014 - Categoria: Cultura

Il riscatto di Matera passa dalla cultura

Nel 2019 sarà la capitale europea della cultura, un ruolo che potrebbe rilanciarla nel Continente

La festa in piazza, le strette di mano fra concittadini e i caroselli delle auto non si vedevano dall'ultimo Mondiale vinto della Nazionale Italiana. Invece venerdì sera a Matera, la città dei sassi più nota al mondo, è stata gioia inimmaginabili. La Basilicata ce l'ha fatta, il suo capoluogo di Provincia ha dimostrato al Vecchio Continente di avere ancora molto da dire e tantissimo da fare. La Capitale europea della Cultura è qui. Una gioia per tutta l'Italia, in particolare per quei territori troppo spesso bistrattati, dove la disoccupazione e l'illegalità occupano un'ampia fetta del quotidiano. Da dove ripartire? Dalla cultura, miglior risposta non potrebbe esserci. A scegliere Matera sono stati 7 dei 13 membri della giuria presieduta da Steve Green, una sorta di plebiscito che ha permesso di battere (anzi, di stracciare) tutta la concorrenza.

Niente da fare allora per le rivali, Cagliari, Lecce, Perugia-Assisi, Siena e Ravenna, che restano però solo apparentemente a bocca asciutta. D'altronde anche loro, come Matera, hanno lavorato a fondo sul progetto 2019 investendo risorse in termini di personale e di logistica. Ed allora ecco che questo sforzo non andrà disperso. D'altronde non è questa la logica: l'obiettivo è quello di stimolare il dibattito attorno alla cultura, senza che ci debba necessariamente essere un primo e un secondo. Già prima della proclamazione della vincitrice, infatti, il ministro Dario Franceschini e i sindaci delle diverse candidate hanno concordato che le cinque città perdenti diventeranno capitali italiane della cultura nel 2015 e nel 2016. Un’ipotesi questa che, una volta confermata dal Consiglio dei Ministri, contribuirà a valorizzare il lavoro svolto e che avrà importanti ricadute sul territorio.

Resta scontato che Matera avrà, nel 2019, gli occhi addosso da parte di tutto il Continente. Un aspetto che non spaventa nè i rappresentanti locali delle istituzioni nè il Governo italiano. Una buona governance, la partecipazione attiva dei cittadini, una spiccata creatività delle iniziative in programma, la dimensione europea e duratura del progetto, la valorizzazione della diversità culturale dei Paesi membri ma anche l’esaltazione degli aspetti comuni: questi sono i criteri che Matera è riuscita a soddisfare incarnando pienamente il senso di questa nomina.

Una nomina che la renderà baluardo in Europa, oltre che in Italia, della cultura del XXI secolo. Un futuro da gustarsi nel presente. Ed allora ecco che i lucani hanno festeggiato per un risultato - alla vigilia - non scontato. Ma si sapeva che Matera potesse essere la scelta giusta, rappresentando un trampolino di lancio culturale ed economico per tutto il Sud Italia.

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

 

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Da dove vengono i simboli che usi ogni giorno?
Da dove vengono i simboli che usi ogni giorno?

-

Li utilizziamo tutti i giorni per inviare e-mail o per rispondere alle conversazioni su WhatsApp e Facebook Messenger. Stiamo parlando della chiocciola e dello smile, la faccina sorridente, due tra i simboli tecnologici più famosi e usati dagli utenti
Li utilizziamo tutti i giorni per inviare e-mail o per rispondere alle...

App per Studiare: la classifica
App per Studiare: la classifica

-

MIGLIORI APP PER STUDIARE - Dalla fotografia alla musica passando per un libretto universitario digitale fino ad un app che fa la fila al posto tuo: quante di queste migliori App sono già scaricate sul tuo smartphone?
MIGLIORI APP PER STUDIARE - Ogni giorno in media gli studenti passano 3 ore...

Anni 80: jeans portati SOPRA le mutande, stipendi DIGNITOSI: BEI TEMPI...
Anni 80: jeans portati SOPRA le mutande, stipendi DIGNITOSI: BEI TEMPI...

-

Erano gli anni 80, i jeans si portavano ancora sopra il livello delle mutande, nessuno si sarebbe mai arrischiato a mangiare pesce crudo in un ristorante cinese e Mani Pulite non ci aveva ancora privato di una classe politica paurosamente incline alle tan
Erano gli anni 80, i jeans si portavano ancora sopra il livello delle mutande,...

La Costituzione piu' bella del mondo? QUELLA DI GABRIELE D'ANNUNZIO!
La Costituzione piu' bella del mondo? QUELLA DI GABRIELE D'ANNUNZIO!

-

Liberi tutti: senza distinzioni di classe, sesso, lingua, razza, religione. Democrazia diretta, suffragio universale, referendum, leggi di iniziativa popolare. Cariche pubbliche provvisorie, risarcimenti tempestivi da parte dello Stato. Sarebbe bello se e
Liberi tutti: senza distinzioni di classe, sesso, lingua, razza, religione....

Gli eroi luddisti: coloro che si ribellarono alla SCHIAVITU' SUL LAVORO
Gli eroi luddisti: coloro che si ribellarono alla SCHIAVITU' SUL LAVORO

-

Il luddismo è stato un movimento di sabotatori che agì principalmente in Gran Bretagna, soprattutto nei primi decenni del XIX secolo, opponendosi in questo modo alla violenza dell'industrializzazione forzata
Il luddismo è stato un movimento di sabotatori che agì principalmente in Gran...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati