Il riscatto di Matera passa dalla cultura

MATERA ore 12:30:00 del 20/10/2014 - Categoria: Cultura

Il riscatto di Matera passa dalla cultura

Nel 2019 sarà la capitale europea della cultura, un ruolo che potrebbe rilanciarla nel Continente

La festa in piazza, le strette di mano fra concittadini e i caroselli delle auto non si vedevano dall'ultimo Mondiale vinto della Nazionale Italiana. Invece venerdì sera a Matera, la città dei sassi più nota al mondo, è stata gioia inimmaginabili. La Basilicata ce l'ha fatta, il suo capoluogo di Provincia ha dimostrato al Vecchio Continente di avere ancora molto da dire e tantissimo da fare. La Capitale europea della Cultura è qui. Una gioia per tutta l'Italia, in particolare per quei territori troppo spesso bistrattati, dove la disoccupazione e l'illegalità occupano un'ampia fetta del quotidiano. Da dove ripartire? Dalla cultura, miglior risposta non potrebbe esserci. A scegliere Matera sono stati 7 dei 13 membri della giuria presieduta da Steve Green, una sorta di plebiscito che ha permesso di battere (anzi, di stracciare) tutta la concorrenza.

Niente da fare allora per le rivali, Cagliari, Lecce, Perugia-Assisi, Siena e Ravenna, che restano però solo apparentemente a bocca asciutta. D'altronde anche loro, come Matera, hanno lavorato a fondo sul progetto 2019 investendo risorse in termini di personale e di logistica. Ed allora ecco che questo sforzo non andrà disperso. D'altronde non è questa la logica: l'obiettivo è quello di stimolare il dibattito attorno alla cultura, senza che ci debba necessariamente essere un primo e un secondo. Già prima della proclamazione della vincitrice, infatti, il ministro Dario Franceschini e i sindaci delle diverse candidate hanno concordato che le cinque città perdenti diventeranno capitali italiane della cultura nel 2015 e nel 2016. Un’ipotesi questa che, una volta confermata dal Consiglio dei Ministri, contribuirà a valorizzare il lavoro svolto e che avrà importanti ricadute sul territorio.

Resta scontato che Matera avrà, nel 2019, gli occhi addosso da parte di tutto il Continente. Un aspetto che non spaventa nè i rappresentanti locali delle istituzioni nè il Governo italiano. Una buona governance, la partecipazione attiva dei cittadini, una spiccata creatività delle iniziative in programma, la dimensione europea e duratura del progetto, la valorizzazione della diversità culturale dei Paesi membri ma anche l’esaltazione degli aspetti comuni: questi sono i criteri che Matera è riuscita a soddisfare incarnando pienamente il senso di questa nomina.

Una nomina che la renderà baluardo in Europa, oltre che in Italia, della cultura del XXI secolo. Un futuro da gustarsi nel presente. Ed allora ecco che i lucani hanno festeggiato per un risultato - alla vigilia - non scontato. Ma si sapeva che Matera potesse essere la scelta giusta, rappresentando un trampolino di lancio culturale ed economico per tutto il Sud Italia.

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

 

Autore: Albertone

Notizie di oggi
LA STORIA CENSURATA: ecco i veri interessi dietro LA SECONDA GUERRA MONDIALE
LA STORIA CENSURATA: ecco i veri interessi dietro LA SECONDA GUERRA MONDIALE

-

La Seconda Guerra Mondiale, un conflitto che è costato la vita a oltre 60 milioni di persone, è stato pianificato e finanziato dal più grande cartello chimico e farmaceutico del mondo!
Dopo 60 anni di silenzio, gli archivi storici del Tribunale per crimini di...

Le Incredibili, Inedite immagini DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE A COLORI
Le Incredibili, Inedite immagini DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE A COLORI

-

CLIC! LE INCREDIBILI IMMAGINI A COLORI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE, SCATTATE FRA IL 1916 E IL 1918, MOSTRANO GLI SQUADRONI DI GOERING, L'INVASIONE TEDESCA DEL BELGIO, I TEDESCHI CATTURATI DAI CANADESI, E LE FACCE DI NEMICI GIURATI UNITE DALLA STESSA SOFFE
CLIC! LE INCREDIBILI IMMAGINI A COLORI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE, SCATTATE FRA...



-


Come sempre il pubblico in Italia non è gestito male, è letteralmente NON...

L'ultima intervista a Giovanni Falcone: UN'INQUIETANTE PROFEZIA - VIDEO
L'ultima intervista a Giovanni Falcone: UN'INQUIETANTE PROFEZIA - VIDEO

-

Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone saltò in aria insieme alla moglie e agli uomini della scorta.
Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone saltò in aria insieme alla moglie e agli...

25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI

-

E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri, delinquenti, affamatori di popoli, di politici corrotti e arraffoni ingordi.
E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati