Il primo BOTTINO del prossimo governo? 50 POLTRONE in consigli d'amministrazione delle partecipate!

(Bari)ore 19:12:00 del 11/03/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Politica

Il primo BOTTINO del prossimo governo? 50 POLTRONE in consigli d'amministrazione delle partecipate!

Sono 50 i consigli di amministrazione delle società partecipate dal ministero dell' Economia che dovranno essere rinnovati entro quest' anno.

IL PRIMO BOTTINO DEL PROSSIMO GOVERNO: LE POLTRONE IN 50 CONSIGLI D’AMMINISTRAZIONE DELLE PARTECIPATE! - CHE FINE FA ORFEO IN RAI? E GALLIA E COSTAMAGNA ALFIERI DI RENZI IN CDP? POI CI SONO PURE LE AUTHORITY (ANTITRUST ED ENERGIA), IL GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI, INVIMIT, SOGEI. BEN SEI CONTROLLATE DI ENEL E DIECI DI ENI. E RAI PUBBLICITÀ, CENTOSTAZIONI… 

Sono 50 i consigli di amministrazione delle società partecipate dal ministero dell' Economia che dovranno essere rinnovati entro quest' anno. Tra questi, Cassa depositi e prestiti, Rai, Gse, Invimit. Intanto arriva a scadenza il garante Antitrust ma prima ancora quello dell' Energia, prorogato per 60 giorni l' 11 febbraio scorso. 

Un bel pacchetto di nomine di cui dovrà occuparsi il prossimo governo con tutte le incognite che la sua composizione propone, a partire dai tempi di gestazione che si annunciano lunghi. Nè è dato sapere quali siano le strategie dei partiti rispetto al tema delle partecipate, visto che il tema è stato largamente ignorato nei programmi.

Matteo Renzi, ad appena un anno dal suo insediamento a palazzo Chigi, sembrò avere le idee chiare su Cassa depositi e prestiti: ne azzerò anticipatamente i vertici, puntando sull' ex banchiere di Goldman Sachs, Claudio Costamagna, e sull' ad di Bnl, Fabio Gallia. Ora l' assemblea della Cassa che produrrà il nuovo assetto è prevista per fine aprile. Di indiscrezioni ne sono circolate tante circa i papabili, da Gaetano Micciché a Dario Scannapieco, all' interno Fabrizio Palermo. Si è registrata anche una certa disponibilità di Costamagna a restare, ma certo è assai difficile immaginare che equilibri potrebbe produrre, ad esempio, un governo di larghe intese.

Fantascientifica ogni previsione sulla Rai: il consiglio di amministrazione attuale, anch' esso insediatosi in piena epoca Renzi con alla presidenza Monica Maggioni, ha già registrato la «defezione» del direttore generale Antonio Campo Dall' Orto, sostituito da Mario Orfeo, e le improvvise dimissioni di Paolo Messa.

La scadenza del board è prevista a inizio agosto, ma anche qui il tema, in tempi normali, sarebbe un altro: quale Rai hanno in mente partiti?

A luglio va a scadenza anche il consiglio di amministrazione, composto da tre membri, del Gse, il Gestore dei servizi energetici, che nel 2016 ha distribuito incentivi alle energie rinnovabili per circa 16 miliardi di euro. Attualmente il board è guidato dal presidente e amministratore delegato Francesco Sperandini, incorso nel caso su cui si è soffermata l' Autorità Anticorruzione, della sovrapposizione di troppi incarichi. Con l' approvazione del bilancio 2017 scadono poi anche Massimo Ferrarese e Elisabetta Spitz, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Invimit, la società che si occupa della valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare pubblico con l' obiettivo di contribuire alla riduzione dello stock del debito pubblico. 

Stessa scadenza anche per Sogei, la società di Information technology interamente controllata dal ministero dell' Economia, presieduta da Biagio Mazzotta e guidata da Andrea Quacivi.

Fin qui le partecipate dirette del Tesoro, ma ce ne sono altre 44, che fanno capo a società pubbliche, che devono rinnovare il board. Per citare le principali, Italia Turismo, che sta sotto Invitalia; ben sei controllate di Enel e dieci di Eni. Ma anche Rai Pubblicità, dove il mandato di Antonio Marano è in scadenza. Così come va rinnovato il board di Centostazioni, tornata al 100% nell' alveo delle Ferrovie dello Stato e il cui board, nominato il 3 febbraio scorso, era destinato a restare in carica fino a approvazione del bilancio. Stesso destino per la società costituita un anno fa per gestire in Anas le concessioni autostradali e momentaneamente gestita dallo stesso Gianni Vittorio Armani. In Leonardo è atteso il ricambio in Telespazio.

Tutta da giocare anche la partita delle due autorità in scadenza quest' anno, Antitrust ed Energia, il cui assetto è stato sempre oggetto di estenuanti trattative tra i partiti

Dago

Autore: Luca

Notizie di oggi
Guerra Iraq 2003: ecco tutto l'ORO intascato DAGLI USA
Guerra Iraq 2003: ecco tutto l'ORO intascato DAGLI USA
(Bari)
-

Guerra d’Iraq del 2003;gli Stati Uniti non hanno trovato armi di distruzione di massa,ma in compenso hanno trovato tanto oro- E ‘ben noto,gli imperi vivono sulle spalle del paese conquistato.
Guerra d’Iraq del 2003;gli Stati Uniti non hanno trovato armi di distruzione di...

Morte cerebrale? Serve per togliere organi a persone vive
Morte cerebrale? Serve per togliere organi a persone vive
(Bari)
-

Da dove nasce l’approccio medico svelato al mondo in maniera palese dal piccolo Alfie Evans?
«Visitai Alfie: il problema è la “morte cerebrale”» – di Benedetta Frigiero Da...

Gli Italiani si sentono RAPPRESENTANTI dalla politica di SALVINI
Gli Italiani si sentono RAPPRESENTANTI dalla politica di SALVINI
(Bari)
-

La linea dura ha evidenziato una serie di aspetti, sia in relazione all' Europa, sia in relazione agli equilibri interni.
SOGNO O SONDAGGIO? LA POLITICA DEI PORTI CHIUSI CONVINCE IL 59% DEGLI ITALIANI...

Milioni di bambini infettati con il vaccino Rotateq
Milioni di bambini infettati con il vaccino Rotateq
(Bari)
-

Paul Offit dice che puoi somministrare tranquillamente 10.000 vaccini ai bambini in una sola volta. Ma beneficia anche del brevetto che detiene per il vaccino Rotateq. Cosa c'è di sbagliato in questa immagine?
Paul Offit dice che puoi somministrare tranquillamente 10.000 vaccini ai bambini...

Italia maglia nera d'Europa: 1 giovane su 4 TOTALEMENTE NULLAFACENTE
Italia maglia nera d'Europa: 1 giovane su 4 TOTALEMENTE NULLAFACENTE
(Bari)
-

L’Italia mantiene il suo primato negativo in Europa per la quota di “Neet”, i giovani tra 18 e 24 anni che non studiano non seguono un corso di formazione e non lavorano.
L’Italia mantiene il suo primato negativo in Europa per la quota di “Neet”, i...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati