Il Po si mostra in tutta la sua crudeltà

CREMONA ore 23:42:00 del 16/11/2014 - Categoria: Cronaca

Il Po si mostra in tutta la sua crudeltà

Il fiume è in piena e il flusso d'acqua non accenna a calare: allerta totale in Lombardia e Emilia

Fare manutenzione costava troppo. Ed allora i Sindaci, gli Enti, le Province, le Regioni e le Comunità non ci hanno pensato due volte. Hanno tolto la voce di spesa dai bilanci e hanno sperato che Giove Pluvio non presentasse il conto. Così, come si fa all’italiana. Sperando che il futuro ce la mandi buona. Ma la situazione oggi è disperata. Il flusso d’acqua sta sforando l’argine ed ha già invaso tutti i fiumi attorno al grande fiume, nelle Province Lombarde, emiliane e piemontesi. Un disastro totale perché bloccare l’acqua è impossibile. Non si ferma davanti a nulla, e tutto quello che sommerge lo distrugge in modo irreparabile.

Un disastro che l’Italia ha già imparato a conoscere e che la Lombardia sta vivendo sulla propria pelle. Proprio qui, dove il cemento l’ha fatta da padrone, un fiumiciattolo come il Seveso tiene in scacco tutta Milano. Il capoluogo rischia di finire sommerso. La stazione Garibaldi, punto di riferimento ferroviario e metropolitano, due giorni fa era una cascata d’acqua. Chiusa e in tilt. Oggi potrebbe ripetersi la stessa scena già vista, indegna per un Paese che aspira ad essere civile. Ma la preoccupazione maggiore riguarda il fiume grande. Quello che esondava nei film di Don Camillo e Peppone, ma il bianco e nero di allora non sembra troppo diverso dal grigio di oggi.

In Lombardia si monitora da vicino la piena del Po, che continuerà a crescere, rimanendo al di sopra della soglia di elevata criticità almeno per le prossime 24 ore. Mantova e Cremona sorvegliate speciali. Non va meglio in Emilia Romagna. Anche qui, nel regno delle Giunte rosse votate con percentuali bulgare, la manutenzione non è mai stata eseguita. Nell’hinterland di Milano si sono viste scene assurde, con parti di argini collassati e finiti all’interno del letto del fiume. In Emilia non mancano buche e voragini che si sono aperte in giro per il territorio. La verità è che viviamo su un groviera che ormai ci sta presentando il conto. In qualche modo, italiani, è giusto così!

Rimane attiva l’allerta per diversi comuni del Piacentino e alcuni centri delle province di Ferrara, Parma e Reggio Emilia. Sulla base delle valutazioni di Aipo, si prevede il superamento del livello 3 nelle sezioni comprese fra Pontelagoscuro e la foce. Il sindaco di Ferrara Luciano Tagliani ha dunque ordinato a chi abita in zona golenale a Pontelagoscuro di lasciare l’abitazione. Preallarme anche per il Crostolo nel Reggiano e il Panaro a Bondeno, nel Ferrarese. Un’evacuazione per prevenire almeno i morti. Ma a queste persone bisognerebbe anche spiegare che stanno correndo il rischio di perdere tutto perché altri non hanno fatto il loro dovere. E questi altri sono… i politici che magari lui stesso ha votato! Queste persone devono rendere conto e pagare ogni centesimo di danno di tasca loro!

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA

-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani

-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane

-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...

L'ultima intervista a Giovanni Falcone: UN'INQUIETANTE PROFEZIA - VIDEO
L'ultima intervista a Giovanni Falcone: UN'INQUIETANTE PROFEZIA - VIDEO

-

Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone saltò in aria insieme alla moglie e agli uomini della scorta.
Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone saltò in aria insieme alla moglie e agli...

Conto Corrente bloccato il 1 luglio: ECCO CHI RISCHIA
Conto Corrente bloccato il 1 luglio: ECCO CHI RISCHIA

-

Le tasse vanno pagate, rappresentano la forza ed il fulcro di una nazione e di un popolo, ma vanno pagate nella maniera giusta ed equa, immaginate a quanto si potrebbero abbassare se eliminassimo gli sprechi, i privilegi e le cattive gestioni di una class
Le tasse vanno pagate, rappresentano la forza ed il fulcro di una nazione e di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati