Il lavoro fa morire, a Taranto

(Taranto)ore 12:02:00 del 08/10/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Salute

Il lavoro fa morire, a Taranto

L'Ilva si deve chiudere ,Taranto c'é la farà da sola à rialzarsi senza aiuti di Governo ,capace solo di lasciare morire di malattia i propri figli...

Tradotto in termini più comprensibili vuol dire che se l’Ilva non emettesse inquinanti si ridurrebbe immediatamente il numero diinfarti e non solo. Ma l’emissione di inquinanti, come già detto, è legata strettamente alla produzione. E forse non solo a quella. Perché la diffusione incontrollata di polveri provenienti dal parco minerale, ad esempio, non ha nulla a che fare con la produzione: iparchi minerali sono ancora a cielo aperto e quindi nelle case e nelle vite degli abitanti dei quartieri più vicini allo stabilimento continua a essere drammaticamente a rischio. E arriverebbe anche se l’Ilva bloccasse la produzione. Le montagne di minerale di ferro e carbone sono ancora lì, esposte al vento che dalla fabbrica porta le polveri verso la città.

 

Il lavoro fa morire, a Taranto. Uno si domanda se sia così in altri paesi della progredita Europa, quella almeno dei paesi che contano, tra i quali pretendiamo di essere annoverati. Sarebbe interessante sapere come hanno risolto il problema Delle industrie inquinanti, ad esempio, in Germania o in Francia. A quali costi, con quali accordi e regole.

L'Ilva si deve chiudere ,Taranto c'é la farà da sola à rialzarsi senza aiuti di Governo ,capace solo di lasciare morire di malattia i propri figli...Vergogna.

Un governo responsabile di un qualunque paese normale chiuderebbe tutto, bonificherebbe l'area e la riqualificherebbe,trasformandone una parte in museo e il resto in un centro residenziale. Poi pagherebbe le cure alle persone che si sono ammalate e gli darebbe la pensione! Prima di tutto dovrebbe sequestrate tutti gli averi di coloro che hanno detenuto la proprietà fino a quando non è stata commissariata!
Siamo troppo utopistici?

Eppure il Governo, con i suoi decreti, ha permesso all’Ilva di rimandare continuamente la copertura dei parchi. Da Monti aRenzi la copertura dei parchi minerali non è mai stata imposta con tempi certi. Anzi. Le misure adottate sono state oggettivamenterisibili: una barriera antivento e la riduzione del cumulo. Praticamente la stessa soluzione che Fabio Riva riuscì a rifilare alla commissione ministeriale finita nell’inchiesta “Ambiente svenduto”. Per anni Giorgio Assennato, ex direttore generale diArpa Puglia, ha sostenuto che la copertura è l’unico strumento idoneo per garantire una drastica riduzione delle polveri, ma ancora oggi il Governo continua a far finta di niente. Perché la copertura dei parchi è la misura più costosa tra quelle ritenute dagli esperti necessarie per l’ambientalizzazione della fabbrica. E fino a quando quelle polveri potranno essere portate a spasso dal ventoè forse inutile stupirsi dei risultati delle varie perizie che negli si susseguiranno.

Per i tarantini, purtroppo, l’inquinamento dell’Ilva causa anchemalattie cardiovascolari, neurologiche e renali. E a differenza dei tumori, che possono manifestarsi a distanza di molti anni rispetto al periodo di esposizione agli inquinanti, alcuni eventi come l’infarto avrebbero un tempo di manifestazione decisamente più basso. “Lo studio attesta una relazione tra contaminazioneambientale di origine industriale e salute della popolazioneresidente nell’area di Taranto” e in particolare “per le malattiecardiorespiratorie tale relazione si manifesta con una latenza temporale breve”. Questo significa che “ad una diminuzione dellaconcentrazione ambientale delle sostanze inquinanti consegue un guadagno immediato per la salute”.

Più l’Ilva produce, più inquina e più a Taranto si muore. Ma non solo di tumoreQuella contenuta nello studio presentato dal Governatore della Puglia Michele Emiliano, intenzionato a chiedere la revoca della facoltà d’uso degli impianti dell’area a caldo della fabbrica ionica, è una conferma. I dati contenuti nelle 93 pagine, infatti, ripercorrono i risultati già descritti dagli scienziati nello studio Sentieri e nella perizia epidemiologica che il 26 luglio 2012 contribuì al sequestro senza facoltà d’uso degli impianti firmato dal gip Patrizia Todisco. La novità, però, è legata al nesso di causalità tra le emissioni non di inquinanti in generale, ma di quelle prodotte direttamente dall’Ilva. E in particolare agli effetti di questi negli anni successivi al sequestro dell’area a caldo.

 

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
(Taranto)
-

Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei crimini compiuti dell’Occidente. 
Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei...

Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
(Taranto)
-

Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra promessa dove scorre latte e miele.
Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra...

Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
(Taranto)
-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
(Taranto)
-

Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le 08:40 in Italia, due terroristi a bordo di un’autocisterna carica di esplosivo attaccarono la base Maestrale a Nassiriya, in Iraq.
Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le...

Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
(Taranto)
-

La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena insediato George Papandreou del Pasok, figlio di Andreas che risulta capo dell’esecutivo tra gli anni  Ottanta e Novanta e protagonista della vita politica successiva alla caduta d
La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati