Ictus: guida

(Bologna)ore 11:27:00 del 21/09/2016 - Categoria: Guide, Salute

Ictus: guida

Questo perchè la sola arma che si ha per cercare di uscirne indenni, oltre alla prevenzione conducendo un certo tipo di stile di vita, è la rapidità di intervento.

 

 

L’ ICTUS È UNA DELLE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE NEL MONDO PER CUI È IMPORTANTE SAPER RICONOSCERE I PRIMI SINTOMI PIÙ FREQUENTI IN MODO DA PREVENIRSI IN TEMPO.

Riconoscere in tempo l’inizio di un ictus è fondamentale per intervenire tempestivamente. Intervenendo nelle 3-6 ore successive alla comparsa dei primi sintomi si possono limitare di molto i danni. Molti sanno che anche se in genere si riesce a superare una crisi da ictus,  la possibilità di avere in seguito una serie di problemi è molto elevata.

E’ consigliabile quindi non aspettare sdraiati che i sintomi spariscano, ne aspettare il medico di famiglia che potrebbe arrivare dopo diverse ore, la soluzione migliore è andare immediatamente al pronto soccorso, o ancora più specificamente in una struttura ospedaliera dotata di uno Stroke Unit, una unità di emergenza specifica per il trattamento degli ictus. Questo perchè la sola arma che si ha per cercare di uscirne indenni, oltre alla prevenzione conducendo un certo tipo di stile di vita, è la rapidità di intervento.

I sintomi maggiori che indicono l’inizio di un ictus sono:

1) Notare all’ improvviso una certa difficoltà nel parlare e nel capire ciò che gli altri dicono è il sintomo più frequente dell’ inizio imminente di un ictus;

2) La perdita di sensibilità improvvisa ed inspiegabile di qualche arto superiore o inferiore con conseguente formicolio;

3) Inspiegabile ed improvviso dolore alla testa;

4) Alterazione improvvisa della vista;

5) Improvvisi giramenti di testa o senso di vertigini.

Tali sintomi sono validi sia in caso di Ictus ischemico (il più frequente in assoluto che colpisce in genere i soggetti maschili over 70), sia in caso di Ictus emorragico (che colpisce i soggetti più giovani), quindi non esiste un’ ètà che permette di sottovalutarli. Chiunque, di qualsiasi età e sesso dovrebbe prestare molta attenzione a questi sintomi, specie se compaiono in modo improvviso.

Molti sottovalutano questi sintomi per il semplice fatto che essi in genere spariscono nel giro di 24 ore, e quindi non li associano ad un ictus in arrivo. Ma in molti casi la realtà è ben diversa   in quanto si tratta di Transient Ischemic Attack (TIA), ossia di un attacco ischemico transitorio che prepara la strada a quello finale. Un soggetto che ha avuto un episodio di TIA è decisamente un soggetto a rischio, molto più degli altri, anche di 10 volte.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Vaccino obbligatorio, la verità
Vaccino obbligatorio, la verità
(Bologna)
-

Segue il Belgio, con soli 2 vaccini obbligatori, mentre tutti gli altri paesi del pianeta hanno un solo vaccino obbligatorio, o anche nessuno.
«Addirittura 12 vaccini, somministrati a bambini di tre mesi di vita? E’ da...

Come Copertura Fibra
Come Copertura Fibra
(Bologna)
-

Il fattore economico è senza dubbio importante nella selezione dell'operatore, ma l'efficienza del servizio che è in grado di erogare nella zona di utilizzo deve essere il primo elemento da considerare.
Verificare la copertura fibra ottica è la prima operazione da svolgere per...

Instagram: come fotografare il cibo perfettamente!
Instagram: come fotografare il cibo perfettamente!
(Bologna)
-

Instagram è ormai uno dei social più utilizzati e ospita i post di milioni di appassionati di fotografia: tra tutte le foto pubblicate.
Instagram è ormai uno dei social più utilizzati e ospita i post di milioni di...


(Bologna)
-


Come proteggersi dalle zanzare, i rimedi più efficaci per diventare "invisibili"...

Vaccino Obbligatorio anche per Varicella
Vaccino Obbligatorio anche per Varicella
(Bologna)
-

I vaccini da fare si contano sulla punta delle dita. Il resto sono marchette e favori alle lobby. Non capiamo come mai i cittadini lasciano che sia messa a repentaglio la salute dei propri figli cosi' che i governanti si riempiano le tasche di quattrini.
I vaccini da fare si contano sulla punta delle dita. Il resto sono marchette e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati