Ictus: guida

(Bologna)ore 11:27:00 del 21/09/2016 - Categoria: Guide, Salute

Ictus: guida

Questo perchè la sola arma che si ha per cercare di uscirne indenni, oltre alla prevenzione conducendo un certo tipo di stile di vita, è la rapidità di intervento.

 

 

L’ ICTUS È UNA DELLE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE NEL MONDO PER CUI È IMPORTANTE SAPER RICONOSCERE I PRIMI SINTOMI PIÙ FREQUENTI IN MODO DA PREVENIRSI IN TEMPO.

Riconoscere in tempo l’inizio di un ictus è fondamentale per intervenire tempestivamente. Intervenendo nelle 3-6 ore successive alla comparsa dei primi sintomi si possono limitare di molto i danni. Molti sanno che anche se in genere si riesce a superare una crisi da ictus,  la possibilità di avere in seguito una serie di problemi è molto elevata.

E’ consigliabile quindi non aspettare sdraiati che i sintomi spariscano, ne aspettare il medico di famiglia che potrebbe arrivare dopo diverse ore, la soluzione migliore è andare immediatamente al pronto soccorso, o ancora più specificamente in una struttura ospedaliera dotata di uno Stroke Unit, una unità di emergenza specifica per il trattamento degli ictus. Questo perchè la sola arma che si ha per cercare di uscirne indenni, oltre alla prevenzione conducendo un certo tipo di stile di vita, è la rapidità di intervento.

I sintomi maggiori che indicono l’inizio di un ictus sono:

1) Notare all’ improvviso una certa difficoltà nel parlare e nel capire ciò che gli altri dicono è il sintomo più frequente dell’ inizio imminente di un ictus;

2) La perdita di sensibilità improvvisa ed inspiegabile di qualche arto superiore o inferiore con conseguente formicolio;

3) Inspiegabile ed improvviso dolore alla testa;

4) Alterazione improvvisa della vista;

5) Improvvisi giramenti di testa o senso di vertigini.

Tali sintomi sono validi sia in caso di Ictus ischemico (il più frequente in assoluto che colpisce in genere i soggetti maschili over 70), sia in caso di Ictus emorragico (che colpisce i soggetti più giovani), quindi non esiste un’ ètà che permette di sottovalutarli. Chiunque, di qualsiasi età e sesso dovrebbe prestare molta attenzione a questi sintomi, specie se compaiono in modo improvviso.

Molti sottovalutano questi sintomi per il semplice fatto che essi in genere spariscono nel giro di 24 ore, e quindi non li associano ad un ictus in arrivo. Ma in molti casi la realtà è ben diversa   in quanto si tratta di Transient Ischemic Attack (TIA), ossia di un attacco ischemico transitorio che prepara la strada a quello finale. Un soggetto che ha avuto un episodio di TIA è decisamente un soggetto a rischio, molto più degli altri, anche di 10 volte.

Autore: Luca

Notizie di oggi
I nostri nonni non soffrivano di INTOLLERANZE ALIMENTARI, noi si: COME MAI?
I nostri nonni non soffrivano di INTOLLERANZE ALIMENTARI, noi si: COME MAI?
(Bologna)
-

VI SIETE MAI CHIESTI COME MAI I NOSTRI NONNI NON SOFFRIVANO DI INTOLLERANZE ALIMENTARI? C’È QUALCOSA CHE NON TORNA.
VI SIETE MAI CHIESTI COME MAI I NOSTRI NONNI NON SOFFRIVANO DI INTOLLERANZE...

Soffri di complesso di inferiorita'? Fatti queste domande...
Soffri di complesso di inferiorita'? Fatti queste domande...
(Bologna)
-

Tutti facciamo comparazioni. Infatti, la comparazione è una delle attività fondamentali del pensiero. Fin da bambini apprendiamo a conoscere il mondo attraverso la comparazione.
Tutti facciamo comparazioni. Infatti, la comparazione è una delle attività...

Trovato legame tra SALE e MALATTIE AUTOIMMUNI
Trovato legame tra SALE e MALATTIE AUTOIMMUNI
(Bologna)
-

SCLEROSI MULTIPLA, INCLUDENDO L’ALOPECIA, L’ASMA E GLI ECZEMI. ECCO UNO STUDIO IMPORTANTE…
SCLEROSI MULTIPLA, INCLUDENDO L’ALOPECIA, L’ASMA E GLI ECZEMI. ECCO UNO STUDIO...

Dieta della bietola per perdere 1kg in 3giorni
Dieta della bietola per perdere 1kg in 3giorni
(Bologna)
-

Le donne per la maggior parte dei casi, sono sempre alla ricerca della Dieta perfetta che gli consenta di perdere peso in poco tempo.
Le donne per la maggior parte dei casi, sono sempre alla ricerca della Dieta...

Sanita' da MEDIOEVO: vivi di piu' a seconda DOVE NASCI
Sanita' da MEDIOEVO: vivi di piu' a seconda DOVE NASCI
(Bologna)
-

Troppe differenze regionali che creano diseguaglianze. In Italia si vive più a lungo a seconda del luogo di residenza o del livello d’istruzione: hanno una speranza di vita più bassa le persone che nascono al Sud, in particolare in Campania, o che non rag
Troppe differenze regionali che creano diseguaglianze. In Italia si vive più a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati