I russi in Italia? Il loro riferimento sarà... Piacenza

PIACENZA ore 15:21:00 del 10/10/2014 - Categoria: Cronaca, Curiosità

I russi in Italia? Il loro riferimento sarà... Piacenza

Sul tempo la città emiliana ha battuto tutti stipulando una brillante partnership con la città di Togliatti

La Grande Madre Russia invade Piacenza e l'Emilia Romagna. Innanzitutto, una premessa: non si tratta di guerre o indottrinamenti comunisti, sia chiaro. Piuttosto, di una partnership pensata in ottica Expo 2015, la grande Manifestazione universale che Milano sta preparando e dovrebbe portare nel nostro Paese qualcosa come 20 milioni di persone e ricadute commerciali per svariate decine di milioni di euro. Insomma, i riflettori si accenderanno a maggio ma è bene mettere fieno in cascina per farsi trovare pronti a tempo debito. Ed ecco perchè Piacenza ha battuto la concorrenza individuando il gemellaggio "giusto" e volgendo lo sguardo verso Est. Più precisamente verso la Grande Madre Russia, da cui arriveranno milioni di imprenditori disposti ad investire viste le ingenti quantità di denaro contante a disposizione.

Proprio Piacenza ieri ha sottoscritto un protocollo d’intesa con la città di Togliatti, in Russia, con lo scopo di una fattiva collaborazione in vista di Expo 2015, che prevede scambi culturali tra le due città, coinvolgendo soprattutto le giovani generazioni e la realizzazione di un “Festival di Piacenza a Togliatti”, dove attraverso la cucina e le ricette tipiche si cercherà di rendere ancora più stretto l’abbraccio tra le due comunità. Insomma, il tentativo è quello di creare un ideale anello congiunturale che possa stimolare il turismo e fare di Piacenza uno degli approdi italiani dei turisti russi. D'altronde la città ha tutte le carte in regola per farlo: è vicina a Milano, ha strutture ricettive all'altezza, è un territorio che ben si concilia con le esigenze di industrializzazione degli imprenditori sovietivi.

Insomma, da un gemellaggio potrebbe nascere ben altro. E se questo serve per smuovere la nostra economia malmessa, sia chiaro che anche i russi saranno i benvenuti. Si punta alla promozione degli scambi culturali in varie forme e sviluppo del turismo reciproco, allo scambio di informazioni relative allo sviluppo socio-economico delle rispettive regioni e risultati di studi. Ma, in particolare, la forza della partnership sta nei soggetti coinvolti: di mezzo non ci sono i soliti enti istituzionali che approfittano di queste giornate per ritagliarsi le loro fotografie sui giornali fregandosene poi del senso del rapporto fra le due città. Invece, e questo è quel che più conta, alla base c'è il coinvolgimento delle organizzazioni commerciali pubbliche e private per la realizzazione di progetti comuni ed alla promozione delle competenti organizzazioni pubbliche e private in materia di cooperazione.

A firmare l'accordo i rappresentanti politici delle due città che poi hanno compiuto un breve giro per Piacenza visitando i monumenti e le chiese più significative. Un modo per lanciare un messaggio chiaro nella terra della falce e martello: Piacenza, e in generale tutta la Bassa Padana, sono territori che hanno molto da offrire anche in tempi di crisi come quelli attuali.

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI
Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI

-

Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una coincidenza. Tre indizi sono una prova. Nell’inchiesta della Commissione parlamentare antimafia sui rapporti fra massoneria e crimine organizzato gli indizi sono 2.993.
Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una...

Silenzio dei media sui vaccini killer: STRAGE DI MILITARI MALATI
Silenzio dei media sui vaccini killer: STRAGE DI MILITARI MALATI

-

Mercurio e metalli pesanti nei vaccini somministrati ai militari: non sono un migliaio, ma ben 4.000, i soldati italiani colpiti da gravissimi problemi di salute per motivi di servizio.
Mercurio e metalli pesanti nei vaccini somministrati ai militari: non sono un...

In Campania c'e' un feudo: QUELLO DEI DE LUCA. Seggi che vanno da PADRE IN FIGLIO
In Campania c'e' un feudo: QUELLO DEI DE LUCA. Seggi che vanno da PADRE IN FIGLIO

-

Nell’attesa che Piero De Luca, figlio d’arte, s’affacci in Parlamento, al quale è predestinato grazie alla candidatura blindata col Pd, alla campagna elettorale ci pensa papà il governatore
Nell’attesa che Piero De Luca, figlio d’arte, s’affacci in Parlamento, al quale...

Il MEGA APPALTO di Pagine Gialle che ha fatto la fortuna della famiglia RENZI
Il MEGA APPALTO di Pagine Gialle che ha fatto la fortuna della famiglia RENZI

-

In un anno 5-6 milioni di euro alla società - Nel 2016 la Eventi6 (4 dipendenti) ha vinto l’appalto per la consegna del 60% degli elenchi
In un anno 5-6 milioni di euro alla società - Nel 2016 la Eventi6 (4 dipendenti)...

Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!
Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!

-

Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il contrasto alla disoccupazione e la lotta al precariato
Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati