I russi in Italia? Il loro riferimento sarà... Piacenza

PIACENZA ore 15:21:00 del 10/10/2014 - Categoria: Cronaca, Curiosità

I russi in Italia? Il loro riferimento sarà... Piacenza

Sul tempo la città emiliana ha battuto tutti stipulando una brillante partnership con la città di Togliatti

La Grande Madre Russia invade Piacenza e l'Emilia Romagna. Innanzitutto, una premessa: non si tratta di guerre o indottrinamenti comunisti, sia chiaro. Piuttosto, di una partnership pensata in ottica Expo 2015, la grande Manifestazione universale che Milano sta preparando e dovrebbe portare nel nostro Paese qualcosa come 20 milioni di persone e ricadute commerciali per svariate decine di milioni di euro. Insomma, i riflettori si accenderanno a maggio ma è bene mettere fieno in cascina per farsi trovare pronti a tempo debito. Ed ecco perchè Piacenza ha battuto la concorrenza individuando il gemellaggio "giusto" e volgendo lo sguardo verso Est. Più precisamente verso la Grande Madre Russia, da cui arriveranno milioni di imprenditori disposti ad investire viste le ingenti quantità di denaro contante a disposizione.

Proprio Piacenza ieri ha sottoscritto un protocollo d’intesa con la città di Togliatti, in Russia, con lo scopo di una fattiva collaborazione in vista di Expo 2015, che prevede scambi culturali tra le due città, coinvolgendo soprattutto le giovani generazioni e la realizzazione di un “Festival di Piacenza a Togliatti”, dove attraverso la cucina e le ricette tipiche si cercherà di rendere ancora più stretto l’abbraccio tra le due comunità. Insomma, il tentativo è quello di creare un ideale anello congiunturale che possa stimolare il turismo e fare di Piacenza uno degli approdi italiani dei turisti russi. D'altronde la città ha tutte le carte in regola per farlo: è vicina a Milano, ha strutture ricettive all'altezza, è un territorio che ben si concilia con le esigenze di industrializzazione degli imprenditori sovietivi.

Insomma, da un gemellaggio potrebbe nascere ben altro. E se questo serve per smuovere la nostra economia malmessa, sia chiaro che anche i russi saranno i benvenuti. Si punta alla promozione degli scambi culturali in varie forme e sviluppo del turismo reciproco, allo scambio di informazioni relative allo sviluppo socio-economico delle rispettive regioni e risultati di studi. Ma, in particolare, la forza della partnership sta nei soggetti coinvolti: di mezzo non ci sono i soliti enti istituzionali che approfittano di queste giornate per ritagliarsi le loro fotografie sui giornali fregandosene poi del senso del rapporto fra le due città. Invece, e questo è quel che più conta, alla base c'è il coinvolgimento delle organizzazioni commerciali pubbliche e private per la realizzazione di progetti comuni ed alla promozione delle competenti organizzazioni pubbliche e private in materia di cooperazione.

A firmare l'accordo i rappresentanti politici delle due città che poi hanno compiuto un breve giro per Piacenza visitando i monumenti e le chiese più significative. Un modo per lanciare un messaggio chiaro nella terra della falce e martello: Piacenza, e in generale tutta la Bassa Padana, sono territori che hanno molto da offrire anche in tempi di crisi come quelli attuali.

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Vaccino obbligatorio, la verità
Vaccino obbligatorio, la verità

-

Segue il Belgio, con soli 2 vaccini obbligatori, mentre tutti gli altri paesi del pianeta hanno un solo vaccino obbligatorio, o anche nessuno.
«Addirittura 12 vaccini, somministrati a bambini di tre mesi di vita? E’ da...

Terrorismo: chi ha iniziato la guerra? NOI
Terrorismo: chi ha iniziato la guerra? NOI

-

Siamo fottuti. L’hanno capito. Siamo fottuti perché un terrorismo così, in inglese si chiama Retail Terrorism (terrorismo alla spicciolata), non lo fermi. Più bombardiamo quei mondi, più loro porteranno la guerra da noi. Il terrorismo nasce dalle nostre b
Siamo fottuti. L’hanno capito. Siamo fottuti perché un terrorismo così, in...

Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA

-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani

-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane

-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati