I primari? A Enna spostano le barelle

ENNA ore 20:40:00 del 03/10/2014 - Categoria: Cronaca, Denunce, Salute

I primari? A Enna spostano le barelle

La situazione all'Umberto I è ormai fuori controllo, tanto che i chiarimenti sono arrivati in Parlamento

Che la sanità italiana vada a rotoli ogni giorno che passa non c'è più bisogno di dirlo e ribadirlo. Ma l'ennesimo episodio accaduto in quel di Enna lascia davvero a bocca aperta. Le statistiche raccontano di un Sud Italia purtroppo martoriati da casi di malasanità, di degenze troppo lunghe o troppo brevi, di posti mancanti e strutture talvolta fatiscenti. Ma stavolta si è andati oltre. La realtà purtroppo supera di gran lunga la fantasia. Chi pensa che un primario sia una figura qualificata, che ha dovuto sudarsi la laurea e il proprio posto di responsabilità con anni e anni di gavetta, ha perfettamente ragione. Ma ad Enna non basta saper curare i pazienti per poter essere primario. Bisogna anche saper... spingere le barelle da un reparto all'altro. Più precisamente, dal reparto fino alla sala operatoria.

Cos'è accaduto? Molto semplicemente, come denuncia anche il Coordinamento Nazionale Infermieri aderente alla Federazione Sindacati Indipendenti, all'ospedale Umberto I di Enna uno dei primari si è ritrovato a dover spingere una barella per mancanza di personale infermieristico. Insomma, ha dovuto utilizzare l'arte dell'arrangiarsi. E lo ha fatto, a onor del vero, andando oltre i propri compiti. Un gesto di rispetto nei confronti del paziente che pure spalanca gravi interrogativi sulla situazione dell’organico nei reparti degli ospedali siciliani. Perchè in Italia c'è sanità e sanità. C'è quella al Nord, dove pure le liste d'attesa sono interminabili, e c'è quella al Sud, dove i casi di cronaca sono troppo frequenti. E anche a livello di personale l'allarme risuono dalla "suola" dello Stivale.

La carenza viene descritta come allarmante e non più sopportabile, col personale di turno costretto ad una mole di lavoro "che non consente la resa ottimale del servizio stesso ai pazienti". Insomma, non è questo il pubblico che spende e che spande come si è abituati a vedere in altre sedi istituzionali. Qui siamo in un contesto diverso. Quello di persone sofferenti che devono assistere alla mancanza di personale specifico. E le segnalazioni sull'ospedale Umberto I di Enna fioccano sia alla direzione che su internet e sui social network. In particolare, un po' da tutte le parti si sottolineano le infinite ore di attesa per poter usufruire della prestazione richiesta. E, tutto questo, potrebbe o sarebbe da ricollegare con la mancanza di personale.

I sindacati hanno anche chiesto un incontro urgente col presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, e con i rappresentanti politici della Giunta. Al momento ancora niente da fare. Eppure i sindacati non si sono fermati: una pioggia di segnalazioni e denunce sono già arrivati a Procure e Prefetture. E anche in Parlamento, per ben tre volte, sono stati chiesti chiarimenti sullo status dell'ospedale di Enna. Anche queste senza riscontro.

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Questi mostri non fi fermano neanche davanti ai bambini: RIMPATRIO SUBITO?
Questi mostri non fi fermano neanche davanti ai bambini: RIMPATRIO SUBITO?

-

Sono solo degli animali,puntano a famiglie e bambini,che sono senza protezione e non si possono difendere.
Sono solo degli animali,puntano a famiglie e bambini,che sono senza protezione e...

Ci vorranno 40 anni per riprenderci dagli SFASCI di questi governi NON ELETTI
Ci vorranno 40 anni per riprenderci dagli SFASCI di questi governi NON ELETTI

-

Qualcuno potrebbe pensare che il governo sia in mano a degli schizofrenici, ed invece si sbaglia, questi sono una compagnia di sabotatori della democrazia cui è stato dato il mandato di distruggere la nostra società e il nostro modo di vivere.
Qualcuno potrebbe pensare che il governo sia in mano a degli schizofrenici, ed...

Dieta, questione di cervello
Dieta, questione di cervello

-

Dieta dei sette giorni, ipocalorica, delle mele o delle banane. C’è anche la dieta dei succhi, quella Shangri-la, quella delle otto ore e persino quella del gelato. L’elenco potrebbe essere lunghissimo ma quante funzionano? E, soprattutto, per chi funzion
Dieta dei sette giorni, ipocalorica, delle mele o delle banane. C’è anche la...

Dimagrire? Questione di cervello!
Dimagrire? Questione di cervello!

-

Uno studio dell’Università di Cambridge, pubblicato sulla rivista eLife, fa luce sui meccanismi alla base della fame, che a volte portano anche chi sta seguendo regimi alimentari dietetici a non perdere peso.
Uno studio dell’Università di Cambridge, pubblicato sulla rivista eLife, fa luce...

Vaccino obbligatorio, la verità
Vaccino obbligatorio, la verità

-

Segue il Belgio, con soli 2 vaccini obbligatori, mentre tutti gli altri paesi del pianeta hanno un solo vaccino obbligatorio, o anche nessuno.
«Addirittura 12 vaccini, somministrati a bambini di tre mesi di vita? E’ da...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati