I giorni di malattia per i pubblici? CADONO SEMPRE DI LUNEDI!

(Milano)ore 08:45:00 del 06/12/2016 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Lavoro

I giorni di malattia per i pubblici? CADONO SEMPRE DI LUNEDI!

I giorni di malattia per il pubblico sono 32 milioni su 3 milioni di lavoratori. Nel privato 78 su 12 milioni di lavoratori. Quindi quasi 11 gg in media nel pubblico contro 6,5. Quasi il doppio. Come doppia è la percentuale di lunedì di vacan... ehmm di m

I giorni di malattia per il pubblico sono 32 milioni su 3 milioni di lavoratori. Nel privato 78 su 12 milioni di lavoratori. Quindi quasi 11 gg in media nel pubblico contro 6,5. Quasi il doppio. Come doppia è la percentuale di lunedì di vacan... ehmm di malattia. Aumento sacrosanto per la colonna portante del modo di fare italico.

Quasi un giorno di malattia su tre, nel 2015, si è verificata di lunedì, con una percentuale che nel settore privato è superiore al pubblico. E’ quanto emerge dall’Osservatorio Inps, in cui si sottolinea che “la distribuzione del numero degli eventi malattia per giorno di inizio della settimana nel 2015 è simile per entrambi i comparti, con frequenza massima il lunedì, 2,7 milioni di eventi per il settore privato e 1,4 milioni per la pubblica amministrazione, pari rispettivamente al 30,5% e al 27,6% del totale”. I lavoratori del settore privato che l’anno scorso si sono ammalati almeno una volta sono stati 4,3 milioni, mentre nel comparto pubblico sono stati 1,9 milioni. A livello di genere i lavoratori con almeno un evento di malattia sono in maggioranza maschi (56,4%) nel comparto privato e in maggioranza femmine (68,5%) nella pubblica amministrazione.

Nel 2015 sono stati trasmessi 12,1 milioni di certificati mediciper il settore privato e 6,3 milioni per la pubblica amministrazione, con un aumento del 4,3% per la pa e del 4,9% per il privato. Il numero è massimo nel primo trimestre dell’anno (circa il 35% nel privato e il 38% nel pubblico) e minimo nel terzo trimestre (circa il 18% nel privato il 14% nel pubblico).

Confrontando la distribuzione mensile del numero dei certificati di malattia 2015 con quella dell’anno precedente si osserva, sia nel settore privato che nel settore pubblico, un incremento dei certificati in quasi tutti i mesi dell’anno più accentuato nei primi 4 mesi. Fanno eccezione i mesi di maggio, giugno, settembre e soprattutto dicembre in cui si registra una forte diminuzione. Nel complesso, comparto pubblico e privato, la distribuzione dei certificati di malattia a livello territoriale evidenzia che, nel 2015, il Nord-ovest è l’area geografica che con il 28,3% presenta il maggior numero di certificati medici. Con riferimento alla distribuzione regionale per il settore privato, in Lombardia si concentra la maggior parte dei certificati medici del 2015, con 2,6 milioni di certificati pari al 21,4%, seguita dal Lazio (11,2%).

Per la pubblica amministrazione invece, al primo posto abbiamo il Lazio con il 13,7% e la Sicilia con il 12,3%, e a seguire Lombardia (11,5%) e Campania (10,9%). Nel settore privato, a fronte dell’aumento del 4,9% del numero dei certificati medici trasmessi nell’anno 2015 rispetto all’anno precedente, si evidenzia a livello regionale, un incremento massimo in Basilicata (+20,4%) e, due regioni in contro tendenza Valle d’Aosta e Calabria con una diminuzione dell’1,2%. Nella pubblica amministrazione, al 4,3% di aumento del numero dei certificati medici trasmessi nell’anno 2015 rispetto al 2014, contribuiscono in modo particolare la Calabria (+11,8%) e le Marche (+10,6%) mentre nel Lazio si registra un decremento pari all’1,2%.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi

(Milano)
-


ENRICO BRIGNANO "ECCO COSA FARE SE TROVI UN LADRO IN CASA" Il comico romano in...

FATE GIRARE: Ti e' arrivato questo avviso? FAI ATTENZIONE!
FATE GIRARE: Ti e' arrivato questo avviso? FAI ATTENZIONE!
(Milano)
-

NOTIZIA DI POCO FA!! QUESTO AVVISO STA ARRIVANDO A TUTTI! FATE ATTENZIONE.. DOVRETE PAGARE MOLTO!!! ECCO PERCHÈ.. ASSURDO!
NOTIZIA DI POCO FA!! QUESTO AVVISO STA ARRIVANDO A TUTTI! FATE ATTENZIONE.....

Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO
Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO
(Milano)
-

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.
Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al...

I Bamboccioni italiani? Indipendenti a 40 anni! Colpa dello Stato o dei Genitori?
I Bamboccioni italiani? Indipendenti a 40 anni! Colpa dello Stato o dei Genitori?
(Milano)
-

IN ITALIA QUASI IL 66% DEI «GIOVANI ADULTI», OVVERO LE PERSONE TRA I 18 E I 34 ANNI VIVE A CASA CON I GENITORI, UNA PERCENTUALE DI QUASI 20 PUNTI SUPERIORE ALLA MEDIA DI TUTTI I 28 PAESI UE (48,4%), LA PIÙ ALTA DELL'UNIONE DOPO LA CROAZIA
IN ITALIA QUASI IL 66% DEI «GIOVANI ADULTI», OVVERO LE PERSONE TRA I 18 E I 34...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere
(Milano)
-

«Assenza di concreti e attuali indicatori di rischio», sentenziò il Viminale.
FANNO PROPRIO PENA. FORSE NECESSITA UNA PICCOLA BENEFICENZA DA PARTE DEL POPOLO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati