I cittadini onesti condividono pienamente queste parole!

TORINO ore 11:05:00 del 24/04/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica - Governo ladro

I cittadini onesti condividono pienamente queste parole!

Perchè noi italiani sono decenni che vediamo questo ... rinvii ...e assoluzioni o prescrizioni!

Davigo aveva già agitato le acque in giornata con l’intervista concessa al Corriere della Sera. I politici, spiegava il magistrato, “non hanno smesso di rubare; hanno smesso di vergognarsi. Rivendicano con sfrontatezza quel che prima facevano di nascosto. Dicono cose tipo: ‘Con i nostri soldi facciamo quello che ci pare’. Ma non sono soldi loro, sono dei contribuenti”. Dopo Mani Pulite, prosegue Davigo, “hanno vinto i corrotti, abbiamo migliorato la specie predata: abbiamo preso le zebre lente, le altre sono diventate più veloci”.

Parlando poi del presunto protagonismo dei magistrati, Davigo ironizza: “Le avete mai lette le sentenze? E’ come quando sui giornali di provincia qualche volta c’è il pescatore che ha pescato un luccio enorme. Io dico: è il pescatore affetto da protagonismo o è il luccio che è enorme?”.

Le parole dell’ex membro del pool di Mani Pulite suscitano la reazione del vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini: “Le dichiarazioni del presidente Davigo rischiano di alimentare un conflitto di cui la magistratura e il Paese non hanno alcun bisogno – afferma Legnini – tanto più nella difficile fase che viviamo nella quale si sta tentando di ottenere, con il dialogo ed il confronto a volte anche critico riforme, personale e mezzi per vincere la battaglia di una giustizia efficiente e rigorosa, a partire dalla lotta alla corruzione e al malaffare”.

A fermare quel pool “cominciò Berlusconi, con il decreto Biondi; ma nell’alternanza tra i due schieramenti, l’unica differenza fu che la destra le fece così grosse e così male che non hanno funzionato; la sinistra le fece in modo mirato. Non dico che ci abbiano messi in ginocchio; ma un po’ genuflessi sì”. Il governo Renzi? “Fa le stesse cose – dice Davigo – aumenta le soglie di rilevanza penale. Aumenta la circolazione dei contanti, con la scusa risibile che i pensionati non hanno dimestichezza con le carte di credito”.

Piercamillo Davigo torna a puntare il dito contro i fenomeni di corruzione nella politica. E l’affondo è durissimo: “La classe dirigente di questo Paese quando delinque fa un numero di vittime incomparabilmente più elevato di qualunque delinquente da strada e fa danni più gravi”, ha detto il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati durante la lectio magistralis al master in prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e corruzione dell’ Università di Pisa. “C’è stato undecadimento qualitativo della classe dirigente politica – è l’analisi dell’ex membro del pool di Mani Pulite – basta osservare la sintassi del dibattito politico. Il problema è che la classe politica che c’era allora non ha pensato alla successione”. Ma i distinguo sono necessari anche in questo campo: “In Italia la vulgata comune è dire che rubano tutti. No, mi fa arrabbiare questa cosa, rubano molti. Non tutti. Altrimenti non avrebbe senso fare i processi”.

I cittadini onesti condividono pienamente le parole di Davigo e chi è contrario è complice e colluso con questa casta politica ladra e corrotta. Facciamo che non sia solo una "voce che grida nel deserto"? Il popolo italiano è chiamato a denunciare, a prendere una posizione netta contro il sopruso e i latrocini perpetrati da mafiosi, indagati, rinviati a giudizio, condannati che governano il Paese. L'appuntamento politico prossimo sarà il referendum, in autunno, sulla costituzione. L'esito deciderà se i cittadini vorrano essere governati da ladri e corrotti o da persone ONESTE

Come si fronteggiano allora i fenomeni corruttivi? Per il magistrato occorre “introdurre forti norme premiali, quelle recentemente introdotte non bastano. Si potrebbe assicurare la non punibilitàdel primo che parla: sarebbe un soggetto non più affidabile per il sistema corruttivo, perché nessuno si fiderebbe più di lui – ha spiegato il magistrato – si sarebbe raggiunto scopo di rieducare senza punire”. “Occorrerebbe anche introdurre le operazioni sotto copertura, già previste da convenzioni internazionali che Italia ha sottoscritto”, ha aggiunto il magistrato. Richieste motivate dal fatto che “i danni della corruzione danneggiano molto più della delinquenza da strada, eppure i reati dei colletti bianchi sono tra i più impuniti: la corruzione è una delle devianze della classe dirigente”, ha spiegato.

La magistratura ha sempre subito attacchi dalla politica e sempre, almeno fino a ieri, aveva reagito compatta e senza divisioni al suo interno. Questa volta no, in molti hanno preso le distanze: prima il Vice del CSM, poi Polonara e Bruti Liberati, e infine anche Gratteri dalla Gruber si è elegantemente defilato. Qualcosa vorrà pur dire, a meno che non la vogliate buttare in caciara dicendo che sono tutti amici di Renzi.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/22/giustizia-davigo-classe-dirigente-che-delinque-fa-piu-danni-dei-delinquenti-di-strada/2663980/

“Dire che i magistrati devono parlare solo con le loro sentenze equivale a dire che devono stare zitti”, attacca ancora il numero uno dell’Anm, in evidente riferimento alle parole di Matteo Renzi che il 5 aprile, nella diretta Facebook #Matteorisponde, diceva: “Oggi leggo sui giornali: Renzi accusa i magistrati. Ma dove? Noi incoraggiamo i magistrati a fare veloci, che parlino con le sentenze, noi più sentenze ci sono e più siamo felici”. Parlando di indagini che “si ripetono nei decenni”, Davigo ha fatto l’esempio di “un funzionario pubblico che nel ’92 spiegava il sistema della distribuzione delle tangenti che andava avanti da 20 anni” e ha concluso: “Oggi inchieste recenti dimostrano che questo sistema è proseguito ininterrotto“. “E a noi – ha aggiunto – ci dicono che abusiamo della custodia cautelare: sono senza vergogna”.

Tutto giusto quello che dice Davigo ma allora perchè una certa magistratura si genuflette davanti alla politica ? Perchè noi italiani sono decenni che vediamo questo ... rinvii ...e assoluzioni o prescrizioni! Pochissimi i politici condannati...moltissimi sottoposti a inchieste giudiziarie. La deduzione per me è una sola : la magistratura è sottoposta alle pressioni del potere politico! Chi si oppone a questo dictat è isolato o trasferito ! Basti ricordare casi eclatanti anche del passato recente.

Come nella politica, così anche fra i magistrati o per qualsiasi altra alta carica istituzionale... quando ci sono da eleggere i propri vertici, oppure, quando vengono appena eletti, tutti questi "Illuminati", capiscono sempre quali sono i veri problemi che affliggono l'Italia da anni...(vedi anche Renzi).... e tutti hanno una loro valida soluzione per risolverli... Peccato però, che quando poi vengono realmente eletti... chissà perché e per quale strana magia, dimenticano tutte le loro buone intenzioni e, sempre chissà perché, lasciano tutte le cose come erano prima, se non addirittura peggiorandole...

Gratteri: “Sbagliato dire che tutti i politici rubano”. Davigo: “Mai detto” – “Davigo è una persona intelligente, preparata e brillante ma penso che abbia sbagliato a generalizzare – il commento di Nicola Gratteri, nuovo procuratore capo di Catanzaro, ospite di Otto e mezzo su La7 – bisogna sempre entrare nello specifico. Se si dice che ‘sono tutti ladri‘, facciamo il gioco dei ladri”. Immediata la risposta di Davigo: “Mi spiace che alle mie dichiarazioni sia stato attribuito un significato diverso da quello che hanno. Non ho mai inteso riferirmi ai politici in generale, ma ai fatti di cui mi sono occupato ed a quelli che successivamente ho appreso essere stati commessi. Non ho mai pensato che tutti i politici rubino, anche perché ho più volte precisato che se così fosse non avrebbe senso fare processi che servono proprio a distinguere”.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
400000 FAMIGLIE ROVINATE PER COLPA DI RENZI. RICORDATEVELO ALLE ELEZIONI
400000 FAMIGLIE ROVINATE PER COLPA DI RENZI. RICORDATEVELO ALLE ELEZIONI

-

Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del più generale fallimento del partito e dei suoi uomini nel gestire tanto lo stato quanto gli
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha...

CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE

-

Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei mondiali di calcio come la Nemesi, la giusta punizione per un paese cantato da Dante quale regno dell’ignavia».
Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei...

TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE
TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE

-

A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si ergono come giganti di fronte a questa miseria.
A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si...

La FEDE degli italiani? 'CONTINUO A PECCARE, TANTO DIO E' MISERICORDIOSO!'
La FEDE degli italiani? 'CONTINUO A PECCARE, TANTO DIO E' MISERICORDIOSO!'

-

Si sta trascinando, da diverso tempo, un malinteso evidente sull'opera di Dio e sulla missione della Chiesa.
Si sta trascinando, da diverso tempo, un malinteso evidente sull'opera di Dio e...

Caro Mattarella: io ho SMESSO di sentirmi ITALIANO
Caro Mattarella: io ho SMESSO di sentirmi ITALIANO

-

Egregio presidente della Repubblica, dottor Sergio Mattarella, è da molto tempo che desidero esternarle il mio sentimento di disagio che provo vivendo nella nostra amata Italia....LEGGI
Egregio presidente della Repubblica, dottor Sergio Mattarella, è da molto tempo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati