I ciarlatani del SI promettono cure per cancro e diabete

(Torino)ore 22:38:00 del 03/12/2016 - Categoria: , Denunce, Politica, Salute

I ciarlatani del SI promettono cure per cancro e diabete

Sono vergognosi a fare certe affermazioni pur di portare qualche SI. Quindi seguendo la loro logica in questo momento, in cui loro sono al Governo da quasi tre anni, stanno essi stessi violando un diritto costituzionale sulla parità di trattamento?

Sono vergognosi a fare certe affermazioni pur di portare qualche SI. Quindi seguendo la loro logica in questo momento, in cui loro sono al Governo da quasi tre anni, stanno essi stessi violando un diritto costituzionale sulla parità di trattamento?

Ricordate le capacità affabulatorie della televenditrice che passava con disinvoltura dalla creme anticellulite alle pozioni anti iella? Ecco ora anche il premier ha trovato una cura miracolosa per tutti i mali: il «Sì» al referendum.

Nella guerra tra «Sì» e «No» per la riforma della Costituzione il premier ha tirato fuori l'arma finale: la salute degli italiani. Argomento sul quale non si intende scherzare perché serissimo. Poco serio invece il metodo di propaganda con il quale Renzi e i suoi ministri cercano di spingere gli italiani a votare «Sì» suggerendo l'idea che all'indomani della consultazione popolare all'eventuale vittoria del «Sì» conseguirebbe la rinascita del servizio sanitario nazionale. E questo semplicemente perché la riforma riporta in capo allo Stato «le disposizioni generali e comuni per la tutela della salute, per le politiche sociali e per la sicurezza alimentare» e dunque per i sostenitori del «Sì» si eliminerebbero le disparità di accesso alle cure tra regione e regione.

Insomma secondo il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la sanità calabrese funzionerà come quella veneta, così come d'incanto. Il punto è che la sanità veneta funziona perché è ben amministrata. Non dallo Stato ma dalla Regione. E la riforma non è una panacea perché comunque i fondi anche oggi li stanzia il governo e se si taglia si taglia per tutti.La propaganda è partita in modo soft con il ministro Maria Elena Boschi che ospite del programma Politics su Raitre ha evidenziato come con la riforma si potrebbe evitare il cosiddetto pendolarismo per le cure oncologiche: dato che la sanità funzionerebbe meglio in tutte le regioni non si sarebbe più costretti a spostarsi al Nord. Poi il tono è salito due sere fa durante Porta a Porta. Incalzati da Vespa e dai sostenitori del «No», Giovanni Toti, il governatore della Liguria, Giorgia Meloni, Fdi e, Alfredo D'Attorre, Si, Renzi e la Lorenzin si sono lanciati in una appassionata difesa del «Sì» tirando in ballo un ipotetico «bambino con sospetto diabete» che ora, con il sistema attuale, si trova di fronte un muro, liste d'attesa e incertezza mentre con la riforma avrebbe lo stesso accesso a qualsiasi presidio terapeutico a prescindere dalla regione di residenza. Affermazioni azzardate tanto da indurre la Meloni a confessare di trovarsi in difficoltà «in un dibattito sulla riforma che mette in mezzo i bambini malati di diabete». L'ultimo arruolato alla propaganda dal ministero della Salute è un medico, il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi. «Il referendum costituzionale è l'ultima possibilità che abbiamo di cambiare le cose - dice - Dobbiamo prenderci la responsabilità di votare Sì, e di puntare sulla prevenzione e sull'empowerment dei cittadini». Con empowerment si intende una maggiore responsabilizzazione dei cittadini rispetto alla loro salute. Che per il momento però si è concretizzata solo nella maggiore spesa a loro carico.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
(Torino)
-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
(Torino)
-

Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un 51enne di Isola Capo Rizzuto, e Kiriac Dragos Petru, un romeno di 35 anni, residente a Rocca di Neto, sono rimasti uccisi dal crollo di un vecchio muro di contenimento in un ca
Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un...

Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
(Torino)
-

Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e su questo non c’è alcun dubbio. Ma la sua destituzione nasconde interessi che vanno molto oltre a ciò che vuole farci credere l’informazione occidentale.
Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e...

Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
(Torino)
-

La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera nello stesso circondario, quello di Cosenza.
La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera...

Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
(Torino)
-

Alcuni giorni fa USA, Francia e l’Inghilterra hanno lanciato un attacco missilistico contro alcuni obiettivi in Siria sganciando ben 105 missili tra cui missili Tomahawk lanciati dal mare e bombe Jassm lanciate dai caccia bombardieri.
L’ OPAC (Organizzazione per la proibizione delle Armi Chimiche) aveva...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati