Hearthstone Cavalieri del Trono di Ghiaccio, cosa sapere

(Bari)ore 12:30:00 del 01/09/2017 - Categoria: , Videogames

Hearthstone Cavalieri del Trono di Ghiaccio, cosa sapere

Nordania, i Cavalieri della Morte, il Re dei Lich. Luoghi e personaggi di World of Warcraft tra i più riusciti, che gli appassionati chiedevano a gran voce sin dall'avvento della beta di Hearthstone. L'attesa è durata quattro anni e ora ci tocca scoprire

Nordania, i Cavalieri della Morte, il Re dei Lich. Luoghi e personaggi di World of Warcraft tra i più riusciti, che gli appassionati chiedevano a gran voce sin dall'avvento della beta di Hearthstone. L'attesa è durata quattro anni e ora ci tocca scoprire se è valsa la pena aspettare così tanto.

Cominciamo guardandoci indietro: la scorsa espansione, Viaggio a Un'goro, ci è piaciuta molto, ha avuto un successo notevole e ha rivoluzionato a dovere il metagame, ma si è trascinata dietro alcuni problemi di bilanciamento ereditati dalle espansioni precedenti, introducendone anche di nuovi.

I Cavalieri del Trono di Ghiaccio hanno inserito una carta leggendaria per ogni classe che trasforma il vostro eroe nella sua controparte "malvagia", ossia da Cavaliere della Morte, andandone a modificare il potere eroe. Si tratta di una meccanica che già avveniva in passato, con il potere eroe che subiva delle migliorie partendo dalla base installata, ma stavolta la situazione cambia: facciamolo l'esempio di Thrall, che nella sua controparte corrotta, Thrall lo Scrutamorte, avrà come potere eroe la possibilità di trasformare un vostro servitore in un altro che costa 1 mana in più, insomma come se stesse giocando un Evolve su un unico minion. Un potere che è completamente diverso da quello che solitamente ha Thrall, ossia la possibilità di evocare un totem casuale, ma che in ogni caso si sposa bene con le meccaniche stesse dello sciamano, abituato a giocare con Evolve e Devolve nel proprio mazzo costruito. Ogni carta leggendaria ha un costo di 5 o più mana e vi fornirà il vostro eroe con 5 punti armatura, oltre a un grido di battaglia, che nel caso specifico indicato sopra sarà quello di attivare un Evolve immediato. Capirete, insomma, che l'effetto è devastante e che può cambiare le sorti di una partita da un momento all'altro, mettendo tutto in discesa per voi.

Facciamo poi l'esempio di Garrosh il Flagellatore, che costa 8 mana - più di Thrall - ma fornisce sempre 5 di armatura: al suo arrivo, però, prendendo il posto del Warrior, vi equipaggerà con un'arma 4/3 che danneggia tutti i servitori adiacenti a quello che avete attaccato, inoltre il suo potere eroe infligge un danno a tutti i servitori presenti sulla board, sia dal vostro lato che dal lato dell'avversario. Un removal che, insomma, può infastidire molto uno Shaman che si prepara a gonfiare le sue pedine. Inoltre dalla vostra parte potreste anche avere Facciamarcia, ossia la leggendaria del Guerriero 4/6 al costo di 8 mana che ogni volta che subisce un danno evoca un servitore leggendario casuale: farle, quindi, subito subire un danno grazie al vostro potere eroe può scatenare una combo interessante in un solo turno, ma solo dal decimo in avanti. L'ultimo esempio che vi portiamo tra le carte leggendarie mostrate riguarda Gul'dan, il cui costo è di 10 mana e vince il titolo di più costosa trasformazione di questa espansione: il suo costo così elevato lo rende il più lento di tutti gli eroi, dato che dovrete attendere il decimo turno e sperare di averlo in mano per poterlo giocare, altrimenti allungherete di molto ancora la partita: il suo grido di battaglia, però, evoca sulla board tutti i demoni morti nel corso della partita, il che significa che dovrete necessariamente preparare un mazzo demone con il vostro Warlock, altrimenti non solo avrete atteso invano dieci turni, ma avrete giocato anche una carta superflua soltanto per avere 5 punti armatura.

Diciamo che, quindi, tra le carte che abbiamo avuto modo di provare, quella di Gul'dan è stata la più insoddisfacente e che, confessione personale, tenderemo a non usare praticamente mai. Insomma, non tutte le Leggendarie escono col buco, c'è da dire, e per due che riescono a soddisfare il meta e le nostre propensioni al gioco, ce n'è una che non ci ha conquistato a dovere. E con onestà vi dico che forse ho perso anche troppo tempo con la versione convertita del Priest (il potere eroe infligge 2 danni piuttosto che curare di 2 e distrugge tutti i servitori con attacco superiore a 5 come grido di battaglia).
Druido, perché sei tu Druido?
Chiudiamo la nostra analisi con una discussione sul meta. Cavalieri del Trono di Ghiaccio inserisce una carta indubbiamente interessante, che potrete declinare in qualsiasi mazzo vogliate: si tratta del Re dei Lich, un 8/8 dal costo di 8 mana con provocazione che alla fine del vostro turno metterà nella vostra mano una speciale carta del Cavaliere della Morte. Una meccanica molto vicina a Ysera. Queste nuove carte vi permetteranno di avere tra le vostre mani la Gelidanima, per esempio, l'arma di cui si fregia il Re nel corso dell'Avventura: una 5/3 a 7 mana che quando viene distrutta evoca sulla vostra board tutti i servitori che ha distrutto. Altri esempi sono l'Armata dei morti, una carta a 6 mana che distrugge le prime 5 carte del vostro mazzo ed evoca tutti i servitori che sono compresi tra queste cinque; infine vi segnaliamo anche Presa Mortale, che ruba un servitore dal mazzo avversario e lo aggiunge alla vostra mano, permettendovi di giocarlo subito (a un nostro avversario è successo di rubare proprio il Re dei Lich, così da averne due. Severo, ma giusto). Da accostare al Re c'è Arfus, l'anime domestico del sovrano dei Lich: un 4 mana 2/2 con un Rantolo di Morte che vi permette di ottenere una carta casuale del Cavaliere della Morte, una di quelle indicate poc'anzi. C'è da dire, però, che anche in questa occasione il meta si è sbilanciato verso un lato, ossia quello del Druid: in Tier 1 oramai esistono soltanto mazzi con il druido e la classe è diventata in pochissimo tempo OP, sia per ammissione nostra che per ammissione dei ben più aulici ed esperti pro-player. Ancora una volta, insomma, lo sbilanciamento è arrivato dopo pochi giorni, condizionando quelle che sono le scelte del meta: su dieci partite ne troverete sicuramente otto, il che rende tutto molto piatto e privo di quella competizione che vi spinge a provare nuovi mazzi e nuove soluzioni. Un vero peccato, perché I Cavalieri del Trono di Ghiaccio è stata sicuramente l'espansione più dettagliata e più corposa, e con meno carte inutili, dell'ultimo periodo di Hearthstone. D'altronde con una cura sempre molto alta nel realizzare le carte e con un livello grafico e sonoro dallo standard sempre molto alto, il lavoro non può che essere positivo. Anche stavolta, però, il meta ne ha risentito. Con annessa presenza massiccia della casualità.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Cuphead, provato
Cuphead, provato
(Bari)
-

"Negli ultimi anni abbiamo lavorato instancabilmente per realizzare un gioco che rimanesse fedele alla nostra visione originale, per questo siamo molto eccitati che un così grande numero di persone attorno al mondo lo stia giocando." ha dichiarato Studio
Con un messaggio pubblicato sul proprio account Twitter, lo sviluppatore Studio...

Videogames: Blade Runner 2049
Videogames: Blade Runner 2049
(Bari)
-

D’altra parte, dopo aver posticipato la visione del film a una vacanza con la famiglia, piena dell’estrema empatia che i replicanti possono solo sognare, da ieri sera i miei pensieri sono occupati solo e unicamente dall’odissea dell’Agente K, e non riusci
Anche se può apparire ridondante ribadirlo, considerato lo spazio in cui sto...

The Evil Within 2, guida
The Evil Within 2, guida
(Bari)
-

Tutto gira attorno ancora allo STEM e alle sue capacità: grazie a questo congegno, Mobius ha creato Union, un luogo che rispecchia la tipica tranquilla cittadina americana di provincia, popolandola con persone provenienti dal mondo reale. 
Difficile parlare della trama di The Evil Within 2 senza anticipare qualcosa a...

Anteprima Mushroom Wars 2
Anteprima Mushroom Wars 2
(Bari)
-

Il gioco è diviso in stage che con l’andare della campagna in singolo diventano sempre più complessi.
Mushroom Wars 2 è il seguito di un capitolo già ai suoi tempi molto...

Gran Turismo Sport, cosa sapere
Gran Turismo Sport, cosa sapere
(Bari)
-

Già in questa fase GT Sport mette in chiaro la filosofia con cui è stato sviluppato dall'inossidabile Kazunori Yamauchi: per il creatore della saga, questo nuovo capitolo rappresenta lo scrupoloso perfezionamento di una visione già consolidata, votato sop
A poco più di una settimana dall'uscita ufficiale, GT Sport decide di concedersi...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati