Guida: come sapere se i vostri figli fumano erba

NOVARA ore 11:46:00 del 30/12/2014 - Categoria: Denunce, Editoria, Sociale

Guida: come sapere se i vostri figli fumano erba

Guida: come sapere se i vostri figli fumano erba | La guida di Italiano Sveglia

I principi attivi e i prodotti della decomposizione della canapa possono essere riscontrati nell'organismo grazie ai test per verificare se una persona ha consumato droghe. Il periodo in cui è possibile riscontrare tracce di canapa varia da qualche ora a diversi mesi a seconda della sostanza analizzata, che può essere sangue, urina, saliva, sudore o capelli. È quanto afferma l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicoManie (ISPA) di Losanna.

Il fatto che si trovino tracce di canapa nei liquidi biologici, e in che quantità le si trovi, dipende dalla dose di canapa consumata, dal tipo di consumo (se la si fuma o la si ingerisce) e dalla regolarità del consumo (occasionale o cronico) delle singole persone. A seconda dei casi, la permanenza della canapa nell'organismo varia, e di conseguenza cambia anche la possibilità di dimostrare il consumo con i test. Nel sangue, il THC, il principio attivo inebriante della canapa, può essere riscontrato già dopo pochi minuti e può venire misurato fino a 12 ore dopo il consumo. In caso di consumo occasionale, i prodotti della decomposizione della canapa possono essere riscontrati per 2 o 3 giorni dopo il consumo, ma in caso di consumo regolare, è ancora possibile riscontrarli dopo 3 settimane.

Il test del sangue è quello che permette di verificare con maggior precisione la presenza di canapa nel corpo, per quanto concerne la quantità e il momento del consumo. Di conseguenza viene utilizzato nella maggior parte dei casi come test di conferma qualificante – per esempio nella circolazione stradale – qualora altri test abbiano già dato un esito positivo.

Attualmente, il primo controllo per cercare tracce di droghe nei liquidi biologici spesso consiste in un test della saliva o dell'urina. In quest'ultimo liquido, i prodotti della decomposizione della canapa si riscontrano per un periodo molto lungo, fino a tre mesi, mentre nella saliva la permanenza delle tracce non supera le 24 ore. L'unico test in cui il periodo per dimostrare il consumo di canapa è più lungo rispetto a quello dell'urina è l'analisi dei capelli. Più i capelli sono lunghi, maggiore è la possibilità di riscontrare tracce di canapa: per ogni centimetro di capello è possibile risalire di un mese in più nel consumo di droga. Recentemente, la polizia svizzera ha adottato anche il test del sudore, perché anche in tale sostanza si trovano tracce della droga. In questo caso, gli specialisti valutano la permanenza delle tracce a poche ore e questo test permette solo di stabilire se la persona ha consumato canapa o meno.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
George Soros, il business della droga CHE NON TI DICONO
George Soros, il business della droga CHE NON TI DICONO

-

George Soros è uno degli influencer comportamentali dei nostri tempi. Se i “valori” propugnati dai movimenti anarchici e libertari degli anni 60′ e 70′, infatti, trovano continuità nell’attuale espressione del sistema capitalistico, abitano an
George Soros è uno degli influencer comportamentali dei nostri tempi. Se i...



-


E ora Salvini dice che Sala deve restare al suo posto. Evidentemente, con il...



-


Non é stato sufficiente l'alibi dell'ostentato grido: onestà, onestà per...

Stato DOVE SEI? Terremoto, pensioni, iva, servizi: L'ITALIA SOFFRE
Stato DOVE SEI? Terremoto, pensioni, iva, servizi: L'ITALIA SOFFRE

-

La manovra di bilancio di Aprile scorso, avviata come decreto, diventa legge in seguito alla sua approvazione al Senato. In soli due mesi è riuscita a superare tutto l’iter parlamentare per diventare legge effettiva alla velocità della luce.
La manovra di bilancio di Aprile scorso, avviata come decreto, diventa legge in...

Italia a secco: allarme SICCITA'
Italia a secco: allarme SICCITA'

-

Tra la provincia di Parma e quella di Piacenza si coltiva 1/4 del pomodoro da conserva Made in Italy duramente colpito dalla siccità, ma a soffrire è l’intero bacino idrografico del Po, sotto del 65% rispetto alla media stagionale, dal quale dipende il 35
Tra la provincia di Parma e quella di Piacenza si coltiva 1/4 del pomodoro da...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati