Guerra in atto!

(Roma)ore 19:44:00 del 02/09/2016 - Categoria: Denunce, Economia

Guerra in atto!

Cosa rimane dunque del patto politico che richiede che il consenso alle imposte abbia come contropartita il controllo sovrano della rappresentazione del popolo sul bilancio del Paese?

Questo è ciò che ha istituzionalizzato il TSGT, o trattato sulla stabilità, coordinamento e governance, adottato nel settembre 2012. Se il processo di bilancio sfugge al controllo del governo, avverrà la stessa cosa per il processo fiscale. Ora, il fondamento di QUALUNQUE democrazia risiede nel fatto che la rappresentazione del popolo, il parlamento – e solo lui-, deve avere l’ ultima parola in fatto di bilancio e fiscalità. Siamo quindi tornati alla situazione precedente al 1789. Il collegamento tra il cittadino e il contribuente è stato interrotto.

L’euro prima dell’euro – L’ indipendenza delle Banche Nazionali, instaurata dopo il trattato di Maastricht, è stato un passo decisivo nella perdita della sovranità monetaria. Tuttavia, l’ indipendenza delle banche centrali deriva in realtà dalla sua attuazione. Ora, le conseguenze alle quali porta questo primo abbandono della sovranità sono sono ancora più importanti dell’ abbandono stesso. Una volta che avete lasciato ad altri la scelta della politica monetaria, dovete ammettere che questi “altri” determineranno con le loro azioni le regole fiscali che dovrete seguire. Privato della libertà di far variare i parametri della politica monetaria, il governo perde uno degli strumenti principali di politica economica. Ma in parte perde anche il controllo delle sue risorse fiscali… Più il tasso di inflazione è alto, più le risorse fiscali saranno grandi… Non potendo più allineare la politica monetaria con i bisogni dell’ economia, il governo scopre che deve piegarsi a norme rigorose in materia di bilancio e in materia fiscale. Se oramai è un potere esterno che stabilisce la politica monetaria, bisognerà, a termine, che lo stesso potere fissi le regole di bilancio e fiscali.

Jacques Sapir
Economista francese
Direttore del centro studi sui modelli d’ industrializzazione

La questione della compatibilità tra l’ euro e un sistema democratico si pone oggi con particolare acutezza. Questa moneta ha imposto alla Francia di cedere la propria sovranità monetaria ad un’ istituzione non eletta, la Banca Centrale europea. Quest’ utlma le impone ora di cedere alla Commissione europea, anch’ essa non eletta, intere fasce di politica fiscale e di bilancio. Cosa rimane dunque del patto politico che richiede che il consenso alle imposte abbia come contropartita il controllo sovrano della rappresentazione del popolo sul bilancio del Paese?

PREPARATEVI, L’EURO CI PORTERA’ ALLA GUERRA”: LA PREVISIONE CATASTROFICA DEL GRANDE ECONOMISTA FRANCESE

Questo processo era già iniziato nel periodo precedente (dal 1993 al 1999) con l’ istituzione di uno status di indipendenza della Banca di Francia. Ma esso aveva senso solo in ragione dell’ imminente attuazione dell’ euro. Possiamo comunque costatare che questo primo abbandono della sovranità fu decisivo. La perdita della sostanza democratica generata dall’ euro ha conseguenze drammatiche per il nostro Paese. Questa perdita provoca la corrosione del patto repubblicano e, a causa delle sue conseguenze, rischia di portarci verso la guerra civile.

L’euro e la crisi politica – È la causa della crisi della democrazia. Si manifesta prima come grande astensione alle varie elezioni. Si manifesta anche con il ripiegarsi verso diverse comunità e l’ ascesa del “comunitarismo”. Ora, questo aumento del comunitarismo prende una piega tragica con gli attentati degli “jihadisti” sul territorio nazionale… Si deve imperativamente porre fine a queste pratiche. La politica di abbandono della politica da parte dei politici non può che condurre il Paese alla tirannia o alla guerra civile. Ma questo impone di rendere ai politici i mezzi per agire in tutti i campi. I francesi, sentendosi ormai sempre meno cittadini, soprattutto perché si continua a sprecare questa parola in lavori che sono anch’ essi contro-sensi, si piegano su ciò che sembra offir loro protezione: comunità religiose, comunità di origine… In tal modo si precipitano verso la guerra civile. Questa è la critica più radicale che possiamo fare all’ euro: di strappare in modo decisivo il tessuto sociale e di montare i francesi gli uni contro gli altri.

Nella logica dell’ euro, l’ unico futuro possibile è quello descritto da Hobbes: la guerra di tutti contro tutti. Se prendiamo quindi in considerazione tutti gli aspetti, sia economici, che sociali, fiscali, ma anche politici, l’ Euro ha avuto, da quasi 17 anni a questa parte, un ruolo estremamente negativo. Levando ai governi i mezzi per agire, accredita l’ idea della loro impotenza. Non abbiamo ancora finito di pagarne il prezzo.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
(Roma)
-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
(Roma)
-

Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un 51enne di Isola Capo Rizzuto, e Kiriac Dragos Petru, un romeno di 35 anni, residente a Rocca di Neto, sono rimasti uccisi dal crollo di un vecchio muro di contenimento in un ca
Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un...

Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
(Roma)
-

Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e su questo non c’è alcun dubbio. Ma la sua destituzione nasconde interessi che vanno molto oltre a ciò che vuole farci credere l’informazione occidentale.
Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e...

Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
(Roma)
-

La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera nello stesso circondario, quello di Cosenza.
La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera...

Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
(Roma)
-

Alcuni giorni fa USA, Francia e l’Inghilterra hanno lanciato un attacco missilistico contro alcuni obiettivi in Siria sganciando ben 105 missili tra cui missili Tomahawk lanciati dal mare e bombe Jassm lanciate dai caccia bombardieri.
L’ OPAC (Organizzazione per la proibizione delle Armi Chimiche) aveva...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati