Guerra in atto!

(Roma)ore 19:44:00 del 02/09/2016 - Categoria: Denunce, Economia

Guerra in atto!

Cosa rimane dunque del patto politico che richiede che il consenso alle imposte abbia come contropartita il controllo sovrano della rappresentazione del popolo sul bilancio del Paese?

Questo è ciò che ha istituzionalizzato il TSGT, o trattato sulla stabilità, coordinamento e governance, adottato nel settembre 2012. Se il processo di bilancio sfugge al controllo del governo, avverrà la stessa cosa per il processo fiscale. Ora, il fondamento di QUALUNQUE democrazia risiede nel fatto che la rappresentazione del popolo, il parlamento – e solo lui-, deve avere l’ ultima parola in fatto di bilancio e fiscalità. Siamo quindi tornati alla situazione precedente al 1789. Il collegamento tra il cittadino e il contribuente è stato interrotto.

L’euro prima dell’euro – L’ indipendenza delle Banche Nazionali, instaurata dopo il trattato di Maastricht, è stato un passo decisivo nella perdita della sovranità monetaria. Tuttavia, l’ indipendenza delle banche centrali deriva in realtà dalla sua attuazione. Ora, le conseguenze alle quali porta questo primo abbandono della sovranità sono sono ancora più importanti dell’ abbandono stesso. Una volta che avete lasciato ad altri la scelta della politica monetaria, dovete ammettere che questi “altri” determineranno con le loro azioni le regole fiscali che dovrete seguire. Privato della libertà di far variare i parametri della politica monetaria, il governo perde uno degli strumenti principali di politica economica. Ma in parte perde anche il controllo delle sue risorse fiscali… Più il tasso di inflazione è alto, più le risorse fiscali saranno grandi… Non potendo più allineare la politica monetaria con i bisogni dell’ economia, il governo scopre che deve piegarsi a norme rigorose in materia di bilancio e in materia fiscale. Se oramai è un potere esterno che stabilisce la politica monetaria, bisognerà, a termine, che lo stesso potere fissi le regole di bilancio e fiscali.

Jacques Sapir
Economista francese
Direttore del centro studi sui modelli d’ industrializzazione

La questione della compatibilità tra l’ euro e un sistema democratico si pone oggi con particolare acutezza. Questa moneta ha imposto alla Francia di cedere la propria sovranità monetaria ad un’ istituzione non eletta, la Banca Centrale europea. Quest’ utlma le impone ora di cedere alla Commissione europea, anch’ essa non eletta, intere fasce di politica fiscale e di bilancio. Cosa rimane dunque del patto politico che richiede che il consenso alle imposte abbia come contropartita il controllo sovrano della rappresentazione del popolo sul bilancio del Paese?

PREPARATEVI, L’EURO CI PORTERA’ ALLA GUERRA”: LA PREVISIONE CATASTROFICA DEL GRANDE ECONOMISTA FRANCESE

Questo processo era già iniziato nel periodo precedente (dal 1993 al 1999) con l’ istituzione di uno status di indipendenza della Banca di Francia. Ma esso aveva senso solo in ragione dell’ imminente attuazione dell’ euro. Possiamo comunque costatare che questo primo abbandono della sovranità fu decisivo. La perdita della sostanza democratica generata dall’ euro ha conseguenze drammatiche per il nostro Paese. Questa perdita provoca la corrosione del patto repubblicano e, a causa delle sue conseguenze, rischia di portarci verso la guerra civile.

L’euro e la crisi politica – È la causa della crisi della democrazia. Si manifesta prima come grande astensione alle varie elezioni. Si manifesta anche con il ripiegarsi verso diverse comunità e l’ ascesa del “comunitarismo”. Ora, questo aumento del comunitarismo prende una piega tragica con gli attentati degli “jihadisti” sul territorio nazionale… Si deve imperativamente porre fine a queste pratiche. La politica di abbandono della politica da parte dei politici non può che condurre il Paese alla tirannia o alla guerra civile. Ma questo impone di rendere ai politici i mezzi per agire in tutti i campi. I francesi, sentendosi ormai sempre meno cittadini, soprattutto perché si continua a sprecare questa parola in lavori che sono anch’ essi contro-sensi, si piegano su ciò che sembra offir loro protezione: comunità religiose, comunità di origine… In tal modo si precipitano verso la guerra civile. Questa è la critica più radicale che possiamo fare all’ euro: di strappare in modo decisivo il tessuto sociale e di montare i francesi gli uni contro gli altri.

Nella logica dell’ euro, l’ unico futuro possibile è quello descritto da Hobbes: la guerra di tutti contro tutti. Se prendiamo quindi in considerazione tutti gli aspetti, sia economici, che sociali, fiscali, ma anche politici, l’ Euro ha avuto, da quasi 17 anni a questa parte, un ruolo estremamente negativo. Levando ai governi i mezzi per agire, accredita l’ idea della loro impotenza. Non abbiamo ancora finito di pagarne il prezzo.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
(Roma)
-

Sono un po' tutti cascati dal pero. Ma come, davvero? Davvero ve la siete presa? Eh, pare di sì, accidenti
GIUSTIZIA ALL’ITALIANA – BONIFAZI, TESORIERE PD, INDAGHERA’ SUL MANCATO SUOCERO:...


(Roma)
-


Un gruppo di scienziati statunitensi ha dato il via a un progetto per "riportare...

Che Guevara: LA VERITA' SUL SANGUINARIO EROE DELLA SINISTRA
Che Guevara: LA VERITA' SUL SANGUINARIO EROE DELLA SINISTRA
(Roma)
-

Propagandava l'odio come fattore di lotta per trasformare l'uomo in una reale, violenta, selettiva e fredda macchina per uccidere
Propagandava l'odio come fattore di lotta per trasformare l'uomo in una reale,...

L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
(Roma)
-

NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA “RIVOLUZIONE SILENZIOSA” DELL’ ISLANDA CHE HA PERMESSO AGLI ISLANDESI DI RIAPPROPRIARSI DEI PROPRI DIRITTI.
NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA...

LEGGE ELETTORALE: errare Renzianum est, perseverare Gentilonicum
LEGGE ELETTORALE: errare Renzianum est, perseverare Gentilonicum
(Roma)
-

Nella storia d'Italia, solo tre volte si è posta la fiducia sulla legge elettorale. La prima volta sotto il Fascismo (legge Acerbo) e la seconda e la terza sotto il governo Renzi-Gentiloni.
Nella storia d'Italia, solo tre volte si è posta la fiducia sulla legge...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati