Governo Gentiloni: ennesima vergogna

(Roma)ore 21:02:00 del 13/12/2016 - Categoria: , Denunce, Politica

Governo Gentiloni: ennesima vergogna

Insomma, la linea decisa dai vertici e condivisa con i gruppi parlamentari: «Qualunque nuovo governo ancora una volta calato dall’alto – spiegano Grillo e Gaetti – non avrebbe la legittimazione popolare».

Finalmente il nuovo voluto da Renzi. Fra i nomi dei nuovo ministri ci sono quelli di Pierferdinando Casini, Giuliano Urbani, Marcello Pera, Piero Fassino; un gruppetto di gerontosauri della vecchia Repubblica, riesumati per l'occasione. Io li conosco perchè sono vecchio come loro, molti giovani per conoscerli devono consultare i libri di storia. 

++ULTIM’ORA++ I 5 Stelle pronti a dimissioni di massa e a manifestare davanti la Consulta

I 5 Stelle sono spiazzati, spaesati perché si sentono addosso l’odore del governo, ma vedono allontanarsi il voto. Scelgono la piazza, pensano a una protesta davanti alla Corte Costituzionale e minacciano dimissioni di massa se alle urne non si arriverà entro l’estate. Eppure, usciti dopo 40 minuti di colloquio con Sergio Mattarella, i 5 Stelle sembravano molto soddisfatti. Illusione o incomprensione? La cronaca della giornata pentastellata spiega meglio l’altalena emotiva vissuta nel M5S.

«Mattarella ci ha rassicurati. Siamo molto contenti. Ha un atteggiamento completamente diverso da Giorgio Napolitano». All’uscita dal Quirinale i capigruppo di Camera e Senato Giulia Grillo e Luigi Gaetti non vogliono aggiungere nulla al comunicato letto e poi pubblicato sul blog, in cui confermano l’opposizione totale del M5S a qualsiasi governo che non sia quello dimissionario per gestire la fase di transizione, permettere di riscrivere la legge elettorale e andare al voto. Insomma, la linea decisa dai vertici e condivisa con i gruppi parlamentari: «Qualunque nuovo governo ancora una volta calato dall’alto – spiegano Grillo e Gaetti – non avrebbe la legittimazione popolare». «Abbiamo ribadito al presidente Mattarella la nostra assoluta contrarietà al conferimento di un nuovo incarico di governo. E – continuano – gli abbiamo chiesto di garantire il percorso istituzionale più rapido per andare al voto, con la legge elettorale certificata dalla Consulta».

Dopo la consultazione al Quirinale, i grillini, scortati dai responsabili della comunicazione Rocco Casalino e Ilaria Loquenzi, anche loro presenti al colloquio, gironzolano per mezz’ora in cerca di uno sfondo dove registrare il video per il blog. Bocche cucite, come da ordini ricevuti. Coincidenza vuole che Giulia Grillo sia medico legale e Luigi Gaetti anatomopatologo. È sua la migliore battuta, per giustificare il silenzio insistito: «Sono abituato a parlare con i morti». Neanche il tempo di gioire, però, che i 5 Stelle vengono freddati dalla notizia di Mattarella che tira dritto sull’ipotesi di un governo in continuità. Il M5S organizza un’assemblea con i senatori e i deputati rimasti a Roma. C’è da reagire a una bocciatura di fatto da parte del presidente Mattarella alla proposta grillina di andare al voto subito con la legge ratificata dalla Consulta e allargata al Senato, senza un nuovo esecutivo. La piazza, invocata già nell’assemblea di venerdì e rimasta congelata in attesa di capire le intenzioni di Mattarella, diventa la strada obbligata: dopo l’insediamento del nuovo esecutivo scatteranno le barricate in strada. Il consenso è unanime, e lo è anche per la decisione di disertare il voto di fiducia in Aula: «Qualunque governo per noi non è legittimo».

Intanto, si stanno valutando due ulteriori forme ulteriori di protesta, da declinare ancora nei dettagli, e suggerite venerdì sera tra gli altri da Roberto Fico e Carlo Sibilia, entrambi ex membri del direttorio, e animatori dell’ala più movimentista del gruppo: una manifestazione davanti alla Corte Costituzionale (e quindi accanto al Quirinale che è di lato) se si dovessero allungare ancora i tempi della sentenza sull’Italicum. E una lettera di dimissioni dei deputati e dei senatori da inviare ai presidenti di Camera e Senato Laura Boldrini e Piero Grasso se il governo si protrarrà oltre giugno: «Dobbiamo dimostrare che siamo diversi, e che non ce ne frega nulla della pensione come vuole far credere Renzi» spiega Alessandro Di Battista. A settembre infatti scatteranno i termini di legge con i quali i parlamentari di prima nomina maturano la pensione di cui poi godranno a 65 anni compiuti. Essendo tutti di prima nomina, sui 5 Stelle negli ultimi giorni si sono ricamate polemiche e sospetti: «Basta con questa storia che nel M5S siamo tutti fancazzisti – si sfoga Gaetti -. Io sono un medico, il mio stipendio è di 120 mila euro, se torno a lavorare prendo più che da senatore».

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
(Roma)
-

CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI QUOTIDIANI ITALIANI?INCHIESTA SULLA”LONGA MANUS”DELLE BANCHE E DELL’INDUSTRIA NELLA STAMPA ITALIANA.
CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI...

SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
(Roma)
-

Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra, torcendosi le mani coperte di tatuaggi. Ci prega di non rivelare il suo nome: «Altrimenti mi licenziano», spiega.
Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra,...

Bonus mamma 800 Euro, cosa conoscere
Bonus mamma 800 Euro, cosa conoscere
(Roma)
-

Le mamme lo aspettavano da gennaio, ma l’Inps non ha ancora attivato la piattaforma per presentare domanda. 
BONUS MAMMA 800 EURO ANNUNCIATO E SCOMPARSO: CODE ALL’INPS Le mamme lo...

Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
(Roma)
-

Basta leggere alcune delle testimonianze drammatiche dei 600 professori universitari che in pochi giorni hanno sottoscritto un accorato appello al governo e al Parlamento per mettere in campo un piano di emergenza che rilanci lo studio della lingua italia
Possibile ritrovarsi a correggere una tesi di laurea dovendo usare la matita...

Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
(Roma)
-

«Un anno dopo Bruxelles, c'è Londra, e la lista degli obiettivi non è esaurita - commenta da Washington Edward Luttwak, esperto di strategia militare e consulente della Casa Bianca - L'attentatore di Westminster era noto ai servizi di sua Maestà, il che e
Il terrore arriva fin sotto il Big Ben, e porta il nome di Khalid Masood. «Un...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati