Governo: arriva addirittura la tassa sui contanti! Svegliati!

LUCCA ore 17:09:00 del 28/02/2015 - Categoria: Economia, Politica

Governo: arriva addirittura la tassa sui contanti! Svegliati!

Governo: arriva addirittura la tassa sui contanti! Svegliati! Italiano ti devi svegliare!

Ed eccola la genialata per stroncare l’uso di uno dei pochissimi presidi di libertà che ancora esiste in Italia: il denaro contante. Si tratta di questo, una bella tassa sui depositi in banca del contante sopra i 200€. Un pizzo da pagare allo stato il cui target principale sono i commercianti e i professionisti i quali sarebbero incentivati a costringere i propri clienti a “passare” alla moneta elettronica tracciabile. E tutti voi volete in grande maggioranza essere tracciati, anzi in particolare che siano tracciati i vostri vicini. E ve lo meriterete! Avrete esattamente quello che chiedete. Non mi stupirei poi se oltre ad una tassa sui depositi, venisse istituita anche una tassa sui ritiri in contante dai bancomat. Perchè no.

Lotta dura senza paura al contante.Noi su RC tutto quello che avevamo da dire sul Denaro Contante lo abbiamo fatto con: Contante Libero  raccogliendo in oltre un anno la miseria di 14.673 firme, e dunque prendiamo atto della volontà degli italiani di passare alla moneta tracciata e “trasparente” Quindi, preparatevi, siate consapevoli, siate preparati e fate le valige. p.s. in GerMania, siccome sono stupidi, non ci pensano neppure a eliminare il contante. Addio allo scontrino di carta e massima tracciabilità dei mezzi di pagamento: per dare la caccia ai furbetti arriva l’imposta di bollo sui versamenti superiori a 200 euro. (p.s. i furbetti più furbetti sono già emigrati… n.d. fk) Guerra ai contanti: lo giura il Governo che sta per introdurre un’imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri in banca superiori ai 200 euro. Così, per esempio, il commerciante che depositerà, sul proprio conto corrente, il denaro derivante dalle vendite del giorno, e questo supererà la soglia di 200 euro, sarà “super tassato” dallo Stato. Una misura che, insieme all’introduzione degli scontrini e ricevute digitali e alla fatturazione elettronica tra privati, mira a garantire la massima tracciabilità dei pagamenti e a favorire l’addio definitivo al contante.Una misura che “farà bene” non solo allo Stato, ma anche alle casse delle banche, che potranno così vedere crescere i propri utili sulle operazioni di accredito elettronico e allo stesso tempo vedranno ridursi i costi di gestione del contante, ad oggi di circa 5 miliardi.

Le altre misure. Entro il 2017, commercianti, artigiani e professionisti saranno tenuti alla memorizzazione e alla trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri. In questo modo si abbandonerà per sempre lo storio “scontrino di carta”. L’obbligo riguarderà anche i supermercati, ipermercati, discount, tutti i soggetti che oggi sono sul mercato con i distributori automatici.

La trasmissione telematica potrà avvenire tanto con nuovi registratori di cassa, quanto con strumenti più “leggeri” come smartphone e tablet. Verrà rafforzato l’uso del Pos (il dispositivo elettronico per i pagamenti con bancomat e carta di credito). Chi sosterrà le spese relative all’ammodernamento tecnologico dei propri sistemi di pagamento potrà usufruire di un credito di imposta (soprattutto i soggetti più piccoli come i commercianti al minuto). Tutti i dati finiranno nel cassetto fiscale del contribuente il quale potrà rendersi conto in ogni momento della sua posizione nei confronti del fisco. Professionisti inclusi nella riforma. L’obbligo della comunicazione telematica delle vendite riguarderà anche le fatture emesse dai professionisti.Difatti, il secondo pilastro della riforma per stanare gli evasori riguarderà l’obbligo – anch’esso a partire dal 2017 – di trasmettere i dati delle fatture emesse e di quelle rettificative, nonché delle fatture ricevute direttamente alle Entrate. Il tutto mantenendo nella propria contabilità tutte le transazioni finanziarie con soggetti non residenti di importi pari o superiori a mille euro. Insomma, esisteranno solo fatture digitali o, come sono state ribattezzate, “e-fatture”.Una lotta all’evasione senza quartiere, quindi, che consentirà di incrociare i dati derivanti dalla fatturazione elettronica con le informazioni già disponibili nell’anagrafe tributaria e in quella dei conti correnti così da poter effettuare analisi di rischio mirate sugli evasori.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi

-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Saviano, Volo, Litizzetto, Hunziker: come i VIP manipolano il POPOLINO
Saviano, Volo, Litizzetto, Hunziker: come i VIP manipolano il POPOLINO

-

Silenzio, retorica e complicità: i VIP italiani e la guerra in Siria
Da settimane, sui social è diventata virale la campagna di...

M5S nuovo grande partito di CENTROSINISTRA?
M5S nuovo grande partito di CENTROSINISTRA?

-

Dalle battaglie sociali alla partecipazione. Il Movimento Cinque Stelle, con tutti i suoi difetti e le sue contraddizioni interne, si è impadronito di un'eredità. Per adesso o per sempre?
Essere di sinistra può assumere tante connotazioni: estetiche, industriali,...

Elettori BEFFATI: Di Maio cambia programma su Euro, Russia e Nato
Elettori BEFFATI: Di Maio cambia programma su Euro, Russia e Nato

-

Due cattivoni assoluti – la guerra e l’euro – sono letteralmente spariti dalla fiaba “flessibile” dei 5 Stelle: prima delle elezioni funzionavano per ottenere voti, ma ora sono stati “sbianchettati” in funzione governativa. Della serie: perché nulla cambi
Due cattivoni assoluti – la guerra e l’euro – sono letteralmente spariti dalla...

Tasse su sigarette elettroniche da CAPOGIRO: ecco cosa non ti dicono
Tasse su sigarette elettroniche da CAPOGIRO: ecco cosa non ti dicono

-

Proprio non trovate che c’è qualcosa che non va? Lo stesso Stato che rende obbligatori 10 vaccini “per il bene della gente” stronca le sigarette elettroniche (che riducono del 95% i danni rispetto a una normale sigaretta) con imposte da capogiro…
Proprio non trovate che c’è qualcosa che non va? Lo stesso Stato che rende...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati