Gli americani hanno ucciso 200 000 civili, nel silenzio di TUTTI!

(Palermo)ore 13:16:00 del 29/05/2016 - Categoria: Cultura, Denunce, Editoria, Esteri

Gli americani hanno ucciso 200 000 civili, nel silenzio di TUTTI!

Il capo di stato maggiore di Truman, ammiraglio Leahy, criticò l’inutilità militare della bomba: “L’uso di questa barbarica arma a Hiroshima e Nagasaki non fu di nessun aiuto nella nostra guerra contro il Giappone.

Solo un governo nella storia si è spinto nel crimine dei crimini, l’utilizzo di una bomba atomica contro obiettivi civili: il regime degli Stati Uniti. Obama, alla guida della principale potenza nucleare al mondo, in visita ad Hiroshima è anche in vena di umorismo. “Costruiamo un mondo senza nucleare”.

Potenza della manipolazione mediatica: il trucco è dimostrare che il male, la forza, è necessaria per scongiurare un male maggiore. Si tratta di un meccanismo che gli Usa hanno sfruttato molte volte, anche in seguito, per giustificare uno sproporzionato uso della forza. L’ultimo esempio è quello dell’Iraq, un paese allo stremo delle forze, dopo un decennio di guerre e di embargo, e descritto pur tuttavia come una nuova Germania hitleriana in possesso, per di più, di pericolose armi di distruzione di massa, in effetti mai trovate. Oggi, mentre sulla testa dei civili afghani piovono bombe democratiche, è la volta dell’Iran essere messo sotto torchio perché starebbe preparando la bomba. Intanto gli Usa stipulano un accordo di assistenza nucleare con l’India, un paese che, oltre ad aver sviluppato un proprio arsenale atomico, non ha mai firmato il trattato di non proliferazione nucleare ed è perennemente in conflitto con il Pakistan, che, particolare non trascurabile, è un’altra potenza nucleare. Anche in questo caso quello che predomina nella strategia dei “portatori di democrazia” è la politica di potenza, visto che un’India più potente controbilancia la vera nuova bestia nera degli Usa, la Cina.

Quale fu allora la ragione della volontà Usa di andare fino in fondo? Sentiamo ancora Liddell Hart: “Ma il presidente Truman e la maggioranza dei suoi principali consiglieri erano intenzionati ad usare la bomba per accelerare il collasso giapponese dal momento che Stalin stava per entrare in guerra contro il Giappone e garantirsi così una posizione vantaggiosa nell’Estremo Oriente.” Aggiungerei che l’uso della bomba non si limitava a considerazioni di ordine geostrategico relative all’area estremo orientale, ma mirava a mostrare, sulla pelle di qualche centinaio di migliaia di civili giapponesi, all’Urss (e anche agli altri alleati) le potenzialità distruttive senza uguali dell’arma di cui gli Usa, da soli, erano in possesso.

Per tale ragione, dobbiamo capire quali furono le ragioni di tale scelta, quale fu il senso di una scelta senza senso. Da sempre gli Usa hanno giustificato l’uso della bomba atomica con lo scopo di costringere alla resa un irriducibile Giappone, deciso a combattere fino all’ultimo uomo, e risparmiare così la vita di decine di migliaia di soldati americani. Fu veramente così? La ricerca storica ci dice che non fu così. Nella sua Storia della seconda guerra mondiale, quello che è forse il più importante storico militare (e non certo uno storico di sinistra o marxista), B. H. Liddell Hart, ci dice il contrario. Lo storico inglese cita le parole dell’allora premier britannico Churchill, uomo tutt’altro che restio a impiegare qualunque mezzo per raggiungere i suoi obiettivi, come provano i terribili bombardamenti britannici sulla Germania: “Sarebbe un errore supporre che il destino del Giappone sia stato segnato dalla bomba atomica. La sua sconfitta era certa prima che la prima bomba cadesse, e fu determinata dalla distruzione del suo potere marittimo. Questo solo aveva reso possibile conquistare basi nell’oceano dalle quali lanciare l’attacco finale e forzare il suo esercito metropolitano a capitolare senza colpo ferire. La sua flotta era stata distrutta.”

Tacito, Agricola

Obama ad Hiroshima. Il primo presidente degli Stati Uniti che visita il luogo del più grande crimine di guerra nella storia dell’umanità.

Il capo di stato maggiore di Truman, ammiraglio Leahy, criticò l’inutilità militare della bomba: “L’uso di questa barbarica arma a Hiroshima e Nagasaki non fu di nessun aiuto nella nostra guerra contro il Giappone. I giapponesi erano già sconfitti e pronti ad arrendersi a causa del blocco marittimo e dei bombardamenti con armi convenzionali.”

La ragione del massacro fu, dunque, la determinazione di affermare un nuovo ordine mondiale che ruotasse intorno agli Usa come nuova potenza imperialista egemone, invece che attorno alla Gran Bretagna e all’Europa come era stato fino allora. Gli Usa, dunque, non hanno neanche la giustificazione (ammesso e non concesso che l’impiego della bomba atomica sia giustificabile) di aver usato la bomba perché in procinto di essere sopraffatti dall’avversario o perché colpiti sanguinosamente nella loro popolazione, visto che il loro territorio che è stato l’unico tra quelli dei belligeranti a non essere investito dalla guerra, bensì per pura politica di potenza. La cosa, quindi, che lascia più interdetti è che l’unico Stato nella Storia che abbia usato la bomba atomica, e per le suddette ragioni, si erga come autorità morale nei confronti degli altri Stati, continuando a portare la guerra e la distruzione, chiamandola, diversamente dagli imperialisti romani, democrazia invece che pace.

Il 6 agosto cade l’anniversario del primo bombardamento atomico della Storia. In un colpo solo 64 anni fa ad Hiroshima furono uccise 200mila persone. Il 9 agosto 1945 un’altra bomba fu sganciata su Nagasaki, provocando la morte di 80mila persone. Molti morirono tra atroci sofferenze e decine di migliaia continuarono a morire negli anni successivi a seguito delle lesioni riportate per l’esposizione alle radiazioni. Le conseguenze della scelta degli Stati Uniti di effettuare il bombardamento atomico hanno pesato e peseranno su di noi e sulle generazioni future per molto tempo. E pesano specialmente oggi, in una epoca di riarmo e di acutizzazione delle tensioni internazionali.

La propaganda occidentale è all’opera, sempre. Guardate la mistificazione, l’arroganza. In Italia lo chiamano giornalismo.

di Domenico Moro

Asserire il rifiuto giapponese di una pace senza condizioni (cioè che non mettesse in discussione la figura dell’imperatore), come gli americani continuavano a richiedere (contro il parere di Stalin), è soltanto una foglia di fico dietro alla quale si nasconde la volontà statunitense di usare comunque la bomba. Del resto, dopo la fine della guerra né Hirohito né la carica di imperatore vennero toccati. Persino il capo di stato maggiore di Truman, ammiraglio Leahy, criticò l’inutilità militare della bomba: “L’uso di questa barbarica arma a Hiroshima e Nagasaki non fu di nessun aiuto nella nostra guerra contro il Giappone. I giapponesi erano già sconfitti e pronti ad arrendersi a causa del blocco marittimo e dei bombardamenti con armi convenzionali.”

Hiroshima 6 agosto 1945: I perche’ di una strage

Infatti, da tempo il Giappone era sottoposto a imponenti bombardanti terroristici con l’uso di bombe al napalm che avevano distrutto diverse città giapponesi. A Tokio, il 9 marzo 1945, si registrarono 79mila morti nella più distruttrice singola azione della storia dei bombardamenti aerei, più di Dresda. I Giapponesi erano ormai decisi ad arrendersi. Tre settimane prima che la bomba fosse sganciata, alla conferenza di Potsdam, Stalin passò a Churchill un messaggio dell’ambasciatore giapponese a Mosca in cui si chiedeva la pace. Intanto, il governo Koiso era caduto ed era stato sostituito dal governo Suzuki, un esponente politico notoriamente favorevole alla pace. Fu lo stesso imperatore Hirohito a porre fine a qualunque residua esitazione giapponese, chiedendo ai suoi ministri di terminare le ostilità non appena possibile, e dando al negoziatore, principe Konoye, mandato di assicurare la pace ad ogni prezzo

 Dove fanno il deserto lo chiamano pace

Le TV ci dicono che gli attacchi nucleari americani posero fine al conflitto. NON E’ VERO!! Il Giappone aveva già perso e già trattava la resa! – Detto questo, come cazzo può andare un presidente americano ad Hiroshima e non chiedere scusa? HANNO ASSASSINATO DELIBERATAMENTE 200.000 CIVILI E NON GLIE NE PASSA NEANCHE PER IL CAZZO?????

Autore: Luca

Notizie di oggi
I multivitaminici? Inutili e dannosi
I multivitaminici? Inutili e dannosi
(Palermo)
-

A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia, una delle conseguenze è quella di andare incontro a carenze vitaminiche.
A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia,...

25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
(Palermo)
-

E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri, delinquenti, affamatori di popoli, di politici corrotti e arraffoni ingordi.
E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri,...

Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
(Palermo)
-

Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre ore al giorno per 15 anni e adesso l'Inail è stata condannata a pagare la rendita perpetua per il danno sul lavoro subito da un dipendente Telecom.  
Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre...

Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
(Palermo)
-

QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE COSTE LIBICHE ALLE COSTE ITALIANE, CAMPANE, SICILIANE E SOPRATTUTTO SARDE.
QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE...

LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
(Palermo)
-

I centri commerciali aperti con regolarità la domenica e i festivi sono certamente una comodità, ma a quale prezzo? Sicuramente, oltre alla crisi dei piccoli esercenti, a farne le spese sono i lavoratori delle grandi catene, costretti a rinunciare alla pr
E il settimo giorno si riposò, ma mai di  domenica o nei festivi I centri...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati