Gioco d'azzardo, il male che rovina le famiglie

AREZZO ore 15:33:00 del 28/07/2014 - Categoria: Cronaca, Denunce

Gioco d'azzardo, il male che rovina le famiglie

In Italia sono 2 milioni gli scommettitori incalliti, ovvero quelli per i quali una schedina rappresenta una malattia e non un'occasione

C'è un male invisibile che attanaglia l'Italia intera, distrugge famiglie, mette in ginocchio, mariti e papà. Una volta erano le droghe e l'alcol, oggi la patologia ha il nome di ludopatia. Concetto difficile a spiegarsi se non fosse che basta entrare in un qualunque bar o ricevitoria per rendersene conto. Il male del Terzo Millennio, l'ennesimo registrano all'interno di una società senza più identità e valori, è quello del gioco d'azzardo. L'impossibilità di smetterla con le puntate nella speranza (quasi sempre vana) di azzeccare la schedina vincente che possa cambiare la vita o magari far trascorrere con maggior serenità uno o due mesi. Proprio qui si annida il male oscuro. L'incapacità di fermarsi, di dire basta.

I malati di gioco d'azzardo scommettono su tutto: dal calcio ai cavalli, dalle freccette al vincitore del Festival di Sanremo. L'importante, per loro, è avere davanti l'ipotetica cifra della vittoria. Scommettono sempre e comunque, anche quando non hanno soldi. Ricorrendo a prestiti, facendosi finanziare dagli amici. Ma a quel punto, hanno già perso tutto. Chi sono i malati d'azzardo in Italia? La diagnosi purtroppo è chiara. Sono i più insospettabili, quelli che hanno un lavoro magari da dipendente e una famiglia con tanto di figli. Sono soprattutto uomini e hanno un’età media intorno ai 45 anni. Insomma, dovrebbero essere fra i più responsabili, ed invece troppo spesso cadono in una terribile trappola che rovina loro e le rispettive famiglie. Ecco perchè il dramma sociale ancora una volta si riflette sui bambini e sulle mogli, il più delle volte estranee e persino inconsapevoli di tutto questo. Tra i fattori in gioco non c'è solo l'età, ma anche l'istruzione. Sul totale, la metà ha conseguito la licenza media inferiore, sono il 56,8%, il 31,8% ha anche quella superiore. Ma tra i giocatori patologici ci sono anche i laureati.

Secondo i dati rilevati in un anno e mezzo dalla Asl 8 di Arezzo che si è occupata di condurre un'inchiesta capillare sul territorio, il gioco d’azzardo riguarda persone con le più diverse posizioni occupazionali. Dal collega di scrivania al disoccupato passando per il manager o l'ambulante. Anche se la maggior parte dei giocatori presi in carico dal Sert aretino nella vita fanno un lavoro da dipendenti, oltre il 60%. Ma nella statistica rientrano anche i disoccupati, per cui il gioco diventa in modo sbagliato l’unica risorsa, l’11,7%. E il 10% dei giocatori d’azzardo aretini sono pensionati. Nonnini insospettabili che arrivano a giocarsi in Gratta e vinci e macchinette anche tutta la pensione. Più basse le cifre che riguardano i lavoratori autonomi: oltre l’8% dei giocatori, quelli che lavorano solo saltuariamente sono il 5,4% e gli studenti: sono il 3,6%.

Ma il dramma rimane il 56% di giocatori coniugati che rischia di mandare in rovina un'intera famiglia. Il boom delle varie forme di gioco d’azzardo nel nostro Paese è un fenomeno non recentissimo, ma negli anni ha assunto una dimensione massiccia e, soprattutto, si sono sviluppate forme assai diffuse di vera e propria patologia sociale. Con un fatturato di 90 miliardi di euro, l’azzardo è uno dei pochi settori che non ha risentito della Crisi economica. In Italia sono quasi due milioni i giocatori sociali, ossia quelli a basso rischio dipendenza, mentre sono più di 800mila le persone che si avviano verso la patologia.

Autore: Albertone

Notizie di oggi
I multivitaminici? Inutili e dannosi
I multivitaminici? Inutili e dannosi

-

A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia, una delle conseguenze è quella di andare incontro a carenze vitaminiche.
A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia,...

25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI

-

E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri, delinquenti, affamatori di popoli, di politici corrotti e arraffoni ingordi.
E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri,...

Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza

-

Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre ore al giorno per 15 anni e adesso l'Inail è stata condannata a pagare la rendita perpetua per il danno sul lavoro subito da un dipendente Telecom.  
Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre...

Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK

-

QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE COSTE LIBICHE ALLE COSTE ITALIANE, CAMPANE, SICILIANE E SOPRATTUTTO SARDE.
QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE...

LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI

-

I centri commerciali aperti con regolarità la domenica e i festivi sono certamente una comodità, ma a quale prezzo? Sicuramente, oltre alla crisi dei piccoli esercenti, a farne le spese sono i lavoratori delle grandi catene, costretti a rinunciare alla pr
E il settimo giorno si riposò, ma mai di  domenica o nei festivi I centri...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati