Frosinone, guida

(Frosinone)ore 08:21:00 del 04/12/2016 - Categoria: , Cultura, Luoghi da visitare, Viaggi

Frosinone, guida

Gradevole il Santuario della Madonna della Neve, custodisce tesori artistici ed è collocato in un luogo mistico, dove fatti miracolosi si svolsero, tali da invogliarne la costruzione.

Cosa vedere a Frosinone - Benvenuti in Ciociaria, terra di sapori, bellezze naturali e uomini. Un ventaglio di tradizioni e testimonianze, di grandi artisti, di bellezze naturali, borghi medievali ai piedi delle montagne, chiese, dialetti, leggende, canti, balli e profumi

Cosa vedere a Frosinone - La Ciociaria è un territorio a sud di Roma che comprende 91 comuni del Lazio, identificato con la provincia di Frosinone, ma senza effettivi limiti geografici. Il nome deriva dalle ciocie, tipiche calzature laziali usate dai pastori e dai contadini.

Cosa vedere a Frosinone - Non si potrà certo dire che in Frosinone mancano attrazioni capaci di incantare il turista. Sia che il nostro occhio sia affascinato più dalla natura, sia che si cerchi una vacanza culturale o un soggiorno in una funzionale cittadina, la Frosinone moderna sa dare giuste risposte.

Segnaliamo  da visitare la Cattedrale di Santa Maria Assunta, fortemente rimaneggiata nel XVIII secolo conserva al proprio interno opere sacre di rilievo artistico, come la  Madonna con Sant’Anna, San Gavino e angeli. Gradevole il Santuario della Madonna della Neve, custodisce tesori artistici ed è collocato in un luogo mistico, dove fatti miracolosi si svolsero, tali da invogliarne la costruzione. Ancora la Chiesa di San Magno, quella di Santa Lucia e la Chiesa di San Benedetto, a testimoniare visto il copioso numero di luoghi di culto, il mai interrotto rapporto con il papato.

[foto3]

Di fascino la Fontana de Carolis, la sua costruzione risale al 1711 per opera dell’architetto Alessandro Specchi. Ai lati della vasca sono erette due colonne che sorreggono marmoree sfere. Ancora in piedi pur dopo il terremoto del 1915, l’incendio del 1927, e i bombardamenti della seconda guerra modniale, il Palazzo del Governo, collocato nel luogo dell’antica Rocca di Frusino, attualmente sede della prefettura. Della rocca mantiene il portale, ma l’aspetto moderno che possiede è stato voluto dopo la ricostruzione successiva ai bombardamenti.

Ancora dovremmo ricordare dell’Anfiteatro Romano edificato alla fine del I sec d.C. La parte lasciata libera dal palazzo novecentesco soprastante  è oggi visitabile, ma un plastico ricostruttivo dell’antica struttura è visitabile oggi al Museo Archeologico di Frosinone. Nei dintorni non mancano parchi e riserve naturali che abbracciano il territorio impreziosendolo.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Luoghi da visitare Algeri
Luoghi da visitare Algeri
(Frosinone)
-

COSA VEDERE ALGERI - La città ha quasi 3 milioni di abitanti e questo ne fa capire la grandezza e l’importanza nel contesto nazionale.
COSA VEDERE ALGERI - Iniziamo con il dire che Algeri è la capitale dell’Algeria....

Luoghi da visitare Meknes
Luoghi da visitare Meknes
(Frosinone)
-

La città di Meknes, alle pendici delle montagne del Medio Atlante, è circondata da pianure fertili e colline verdeggianti punteggiate di oliveti, palme e frutteti.
COSA VEDERE MEKNES - Se avete sempre pensato che il Marocco sia solo deserto,...

Posti da vedere Algeria
Posti da vedere Algeria
(Frosinone)
-

Ci sono numerosi parchi nazionali dove si trovano in particolare i fenec, simpaticissime volpi del deserto, e numerose specie ornitologiche.
COSA VEDERE ALGERIA - Questo grande paese mediterraneo e desertico al contempo...

Luoghi da visitare Casablanca
Luoghi da visitare Casablanca
(Frosinone)
-

Merito della rinascita della città fu del governatore Lyautey che convocò un famoso architetto, Henri Prost, affinché si preoccupasse di definire un assetto urbanistico più ambizioso e vicino ai gusti europei.
COSA VEDERE CASABLANCA - Casablanca, la più grande città del Marocco, è la...

Mussolini doveva sparire e morire come Matteotti...e cosi' e' stato..
Mussolini doveva sparire e morire come Matteotti...e cosi' e' stato..
(Frosinone)
-

Così parlò il generale Vittorio Ambrosio, capo di stato maggiore, nelle primissime ore del mattino del fatidico 25 luglio del 1943, giornata che poi si concluderà con la sconfitta del Duce alla riunione d’emergenza del Gran Consiglio del Fascismo.
«Posdomani Mussolini andrà dal Re, al Quirinale, per la solita udienza. Quando...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati