FREGARE il tutor: guida

BARI ore 09:11:00 del 20/04/2016 - Categoria: Curiosità, Guide, Motori - Tutor

FREGARE il tutor: guida

Sembrerà banale, ma insomma dovete tenere d’occhio il tachimetro della vostra auto, ricordandovi che approssima sempre per eccesso la velocità della vettura

COME “FREGARE” IL TUTOR: COSI’ POTETE EVITARE MULTE RIMANENDO NELLA LEGALITA’

Sembrerà banale, ma insomma dovete tenere d’occhio il tachimetro della vostra auto, ricordandovi che approssima sempre per eccesso la velocità della vettura. Tenete inoltre d’occhio la velocità indicata sul navigatore: viene rilevata con sistemi satellitari, ed è dunque molto più vicina a quella reale della vostra auto in movimento. Inoltre tenete conto del fatto che i sistemi di rilevazione non considerano le curve e le decelerazioni per le frenate.

Fate insomma attenzione ai limiti: in autostrada il tutor scatta da 137 km/h in poi; sulle strade extraurbane principali solo a partire da 116 km/h; sulle strade extraurbane ordinarie dai 96 km/h in su; nei centri abitati si può essere multati da 56 km/h a salire (66 o 76 sulle strade urbane di scorrimento, cioè su quei viali a doppia carreggiata dove sono stati apposti cartelli che impongono rispettivamente i 60 o i 70).

Tartassati dal Tutor in autostrada? Un modo per evitare le multe, anzi più di uno, a vostro rischio e pericolo c’è. Ci sono delle falle da tenere d’occhio, sulle quali punta i riflettori il sito leggepertutti.it. Per esempio il tutor rivela la velocità dell’auto che supera almeno del 5% il limite fissato dalla segnaletica o dal codice.

Ma se comunque riceverete una multa dal tutor, probabilmente, c’è un fattore che non avete considerato: il tutor, spesso, viene utilizzato per rilevare la velocità dell’auto in modo istantaneo, ovvero al momento del loro passaggio,proprio come un comune autovelox. In quest’ultimo caso la multa potrebbe comunque essere impugnata davanti al giudice di pace per la mancata indicazione, da parte della segnaletica stradale, del rilevatore di velocità istantanea.

Autore: Luca

Notizie di oggi
S'innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
S'innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo

-

S’innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
S’innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni...



-


PER mettere il "cappotto" alla casa o per affrontare condizioni climatiche...

La natura ci ha fatto un dono: il LIMONE! ABUSANE!!
La natura ci ha fatto un dono: il LIMONE! ABUSANE!!

-

Uno di questi doni della natura è proprio il limone.Ma perchè fa bene? Scopriamolo insieme.
PER SECOLI IL LIMONE È STATO CONSIDERATO UNA VERA E PROPRIA MEDICINA IN GRADO DI...

DigiTaxi: ecco la risposta napoletana a UBER!
DigiTaxi: ecco la risposta napoletana a UBER!

-

Sbracciarsi in strada per chiamare un taxi o telefonare al centralino non serve più, basta un clik sul proprio smartphone.
Sbracciarsi in strada per chiamare un taxi o telefonare al centralino non serve...

Come mai l'auto ELETTRICA della FIAT scomparse DOPO LA PRESENTAZIONE?
Come mai l'auto ELETTRICA della FIAT scomparse DOPO LA PRESENTAZIONE?

-

Negli ultimi anni, soprattutto nei grandi centri urbani, stiamo assistendo ad un modesto e lento sviluppo della mobilità con auto elettriche, uno sviluppo che, data la tecnologia dei giorni di oggi, potrebbe prendere un trend positivo fino a sostituire qu
ERA IL 1976 QUANDO LA FIAT PRESENTÒ LA PRIMA AUTO ELETTRICA, LA X1/23 CONCEPT...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati