Forza Motorsport 7, cosa sapere

(Torino)ore 17:42:00 del 01/10/2017 - Categoria: , Videogames

Forza Motorsport 7, cosa sapere

Anche quest'anno, infatti, il lavoro di Turn 10 sembra avere tutti i crismi per migliorare ulteriormente la fama della serie, perfezionando il modello di guida ma soprattutto impostando nuovi standard sotto il profilo estetico e tecnico.

Poche sono le certezze nella vita: tra queste abbiamo le tasse e che in autunno arriverà un nuovo Forza ad alzare l'asticella dei simulatori di corse su console. Anche quest'anno, infatti, il lavoro di Turn 10 sembra avere tutti i crismi per migliorare ulteriormente la fama della serie, perfezionando il modello di guida ma soprattutto impostando nuovi standard sotto il profilo estetico e tecnico.

Forza 7, infatti, sarà l'esempio più fulgido, perlomeno al lancio, della potenza di Xbox One X, una console che ha un disperato bisogno di dimostrare di che pasta è fatta per allontanare gli scetticismi che la stanno circondando. E da questo punto di vista, nonostante sia fenomenale anche su One "liscia", Forza 7 su One X garantisce una fedeltà visiva incredibile, pari a quella ottenibile con PC non propriamente a buon mercato.

Oltre agli sbandierati 4K e alle meraviglie possibili grazie all'HDR, Forza Motorsport 7 si fregia infatti di un'ottimizzazione praticamente perfetta per quanto riguarda il frame rate, ancorato sui 60 fotogrammi al secondo, non importa quali condizioni di guida incontriate o il numero di avversari presenti sullo schermo.

Fin da subito ci vengono portate all’attenzione tutte le dinamiche di progressione del gioco. Rimane anche in questo capitolo il classico livello, che raccoglie numericamente le attività svolte in Forza Motorsport 7, e ogni volta che si passa al successivo lascia al giocatore la possibilità di scegliere tra tre premi: denaro, un auto scontata (non per forza gratis) e un nuovo set d’abbigliamento. Parallelamente, man mano che entriamo in possesso delle auto (comprandole, trovandole nei forzieri oppure vincendole salendo di livello) andiamo ad accrescere il grado del catalogo, concedendoci di accedere ad auto sempre più rare, dal livello 1 fino ad arrivare al 5. 

Pensate che fin da subito il giocatore deve scegliere tra quattro diverse categorie di competizioni, ma ne sono presenti anche altre, per il momento bloccate se non si è ancora del grado a cui appartengono le auto necessarie per competere: a dimostrazione di come, anche una volta avanti nella carriera, ci sarà spazio per tornare indietro e completare quanto abbiamo dovuto lasciare per strada precedentemente.

Nell’enorme listino di auto (che conta più di 700 veicoli), si trovano sia auto da comprare sia auto da sbloccare con gli eventi speciali di cui sopra, oppure salendo di livello. C’è un ulteriore modo per trovare nuove auto, ovvero aprire le casse premio con i crediti di gioco, le quali però possono contenere anche equipaggiamento e carte mod. Queste ultime donano un ulteriore livello di profondità al gioco, perché prima della gara possiamo selezionarne tre e accedere ai loro modificatori di crediti. Per esempio con tre modificatori del +100% attivi, si ottengono il 300% in più di crediti in-game, pur consapevoli che al quinto utilizzo la carta si distrugge.

Tutte queste attività possono essere effettuate a gara conclusa dal menù principale, oppure a cavallo delle partite, direttamente dal menù della gara, così da non rallentare il ritmo e permettere al giocatore di svolgere il tutto, sfruttando il tempo altrimenti da dedicare ai caricamenti.

 

Stiamo giocando il titolo su Windows 10 per provare un ventaglio più elevato di periferiche e verificarne la scabilità su diversi sistemi. Per il momento non ci addentreremo nei dettagli tecnici, se non confermando il buon colpo d’occhio avuto nelle diverse prove relativo a circuiti e veicoli, ma invece consigliamo fin da subito di armarvi di un buon HDD o meglio un SSD, perché la dimensione degli ASSETS e questa gestioni dei caricamenti potrebbero mettere in ginocchio la vostra configurazione.



Per quanto riguarda Drivatar e IA, finalmente ci sentiamo a casa, con un comportamento degli avversari degno di nota e che fin da subito ci ha dato la sensazione di aver a che con una vera gara automobilistica.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
La prova di Unravel 2
La prova di Unravel 2
(Torino)
-

Se in Unravel il filo di cui era composto Yarny era l’unico strumento con cui poter superare ostacoli ed enigmi, in questo secondo capitolo l’interessante aggiunta del multiplayer co-op in locale rende le fasi puzzle decisamente più frizzanti e soddisface
A due anni di distanza dall’uscita di Unravel, Coldwood Interactive torna a...

Overkill's The Walking Dead, cosa sapere
Overkill's The Walking Dead, cosa sapere
(Torino)
-

La lacuna nella fase stealth è il game changer: se i ragazzi di Starbreeze riuscissero a risolvere questo aspetto il gioco farebbe un enorme salto in avanti e allora sarebbe un assoluto must have per gli appassionati del genere o della saga.
Otto stagioni e un successo mondiale da capogiro per The Walking Dead, la serie...

Anteprima Jurassic World Evolution
Anteprima Jurassic World Evolution
(Torino)
-

Jurassic World Evolution, è un prodotto ricco non solo per i fan ma un grande gestionale del quale conosciamo solo la punta dell’iceberg, gli sviluppatori sono tutt’ora al lavoro per proporre nuovi contenuti in stretto collegamento a questa ip.
È vero, i videogiochi sono belli e ci fanno vivere storie incredibili... Ma...

Dead or Alive 6, cosa sapere
Dead or Alive 6, cosa sapere
(Torino)
-

Tutto inizia con l'introduzione del Break Gauge meter, una barra che si riempie colpo dopo colpo e che una volta al massimo può essere usata per sferrare il Fatal Rush, una combo devastante formata da più "Break Blows", o contrattaccare quasi qualunque at
In un mondo di picchiaduro dove il genere, i giochi, i set di mosse e in...

PES 2019, cosa sapere
PES 2019, cosa sapere
(Torino)
-

Potete immaginare la delusione quindi quando il provato ci ha mostrato invece un titolo che probabilmente si ritrova addirittura qualche passo indietro rispetto all'anno scorso.
Sembrano ormai secoli da quando nei primi anni 2000 non esisteva titolo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati