Fifa 18 Ultimate Team, cosa sapere

(Firenze)ore 18:12:00 del 10/08/2017 - Categoria: , Videogames

Fifa 18 Ultimate Team, cosa sapere

Proprio per questo motivo, EA ha deciso di introdurre 3 carte diverse per ogni Icon presente nel gioco, ognuna rappresentante un momento diverso della carriera con statistiche uniche.

La storia di Fifa Ultimate Team non sembra volersi fermare, sbriciolando ogni anno record di giocatori e di incassi per EA. Nato nel 2009 come una costola a pagamento del gioco base, FUT ha saputo, nel corso degli anni, ritagliarsi sempre maggiore importanza all’inter di FIFA tanto da poter essere quasi considerato un gioco a parte, con molti giocatori che non provano neanche le altre modalità dello sportivo di punta targato EA. Non stupisce quindi la decisione di riservare a FUT18 un evento tutto per sè, rilegando gli annunci sulle altre modalità in un secondo momento, probabilmente alla Gamescom.
Storia delle Icons
La novità forse più grande di questo Fifa 18 Ultimate Team é l’arrivo delle Icons, le leggende un tempo esclusive delle versioni Xbox, su tutte le principali piattaforme (PS4, Xbox One, PC e Nintendo Switch). Quando parliamo però delle leggende che hanno fatto la storia del calcio, calciatori del calibro di Maradona, Pelé, Ronaldo, Ronaldinho e tanti altri tra quelli presenti in FUT, é difficile riuscire a dare una valutazione giusta del valore del giocatore: il Ronaldo dell’Inter, prima dei terribili infortuni, non era certo uguale a quello che giocò nel Real Madrid, Henry dell’Arsenal non era certo uguale a quello visto alla Juventus. Proprio per questo motivo, EA ha deciso di introdurre 3 carte diverse per ogni Icon presente nel gioco, ognuna rappresentante un momento diverso della carriera con statistiche uniche. Due di queste carte, le più “scarse, saranno disponibili sempre nei pacchetti e la terza, rappresentante il giocatore nel prime della sua carriera, sarà ottenibile solo in eventi speciali in determinati giovedì durante il corso dell’anno, con i costi che saranno nell’ordine di qualche milione di crediti se non oltre, cifra proibitiva per la maggior parte dei giocatori


Sfide creazioni rosa
Novità anche per le Squad Building Challenge, una delle novità più apprezzate introdotte nello scorso capitolo. L'idea di sfidare gli utenti a costruire rose seguendo determinati requisiti, come l'obbligo di avere un valore minimo di intesa o di utilizzare versioni speciali di particolari giocatori, ha portato grande freschezza al gioco, con i più esperti in grado di prevedere in anticipo i requisiti delle sfide successive guadagnando grandi quantità di crediti. Le SBC torneranno anche su FUT18 con una differenza sostanziale: se lo scorso anno si era abbastanza liberi di completare le varie sfide, in questo nuovo FUT alcuni giocatori saranno scelti dagli sviluppatori. Questa novità ha spaccato l'opinione pubblica, da chi ha apprezzato l'idea di renderle più difficili a chi sostiene invece che i costi per completarle si alzeranno in maniera considerevole vista la limitata scelta di giocatori da utilizzare.
Fut Champions TV
Il Fut Champions ha cambiato completamente il modo di giocare Ultimate Team, premiando i giocatori più con quantità di crediti inimmaginabili fino a qualche anno fa, permettendo di costruirsi squadre formidabili con i vari Messi e Ronaldo. Una delle richieste della community era la possibilità di vedere le partite dei migliori giocatori al mondo per guardare il loro stile di gioco e capire dove migliorare. Proprio per rispondere a questa esigenza gli sviluppatori hanno deciso di introdurre la Fut Champions TV, una sorta di modalità cinema in cui poter rivedere le partite dei migliori giocatori al mondo potendo saltare tra gli eventi salienti, controllando la telecamera e molto altro. Novità interessante ma che non accontenta la parte della community che chiedeva una vera modalità spettatore, particolarmente utile per vedere le partite in diretta. Nessuna novità invece per quanto riguarda il FUT Champions che probabilmente ritornerà con la stessa formula vista su Fifa 17: l'unica promessa degli sviluppatori è stata quella di aggiungere maggiori server per migliorare l'esperienza di gioco e ridurre al minimo le disconnessioni, vera spina nel fianco del precedente capitolo.


Squad Battle
Squad Battle è la modalità rivolta a tutti quei giocatori che non amano giocare online e preferiscono misurarsi contro la CPU. Gli sviluppatori hanno parlato della modalità più competitiva e difficile di tutto il gioco, con molte idee riprese dal FUT Champions. All’interno delle Squad Battle i giocatori potranno sfidare le squadre dei giocatori di tutto il mondo controllate dalla nuova IA di Fifa 18, rivoluzionata rispetto agli scorsi capitoli e ora molto più umana, capace di commettere errori anche ad alti livelli. Ogni vittoria premierà gli utenti con un certo numero di punti utili per scalare le classifiche e raggiungere diversi traguardi, con premi particolarmente interessanti per chi riuscirà a raggiungere i vertici della classifica. Una sorta dunque di FUT Champions offline, senza lo stress di affrontare 40 partite in 72 ore e senza doversi misurare contro altri giocatori online.
Carte Ones to Watch
Tra le carte introdotte su Fifa 17, le più apprezzate sono probabilmente le cosiddette Ones To Watch, speciali versioni dei giocatori che si sono trasferiti durante il calciomercato estivo in grado di aggiornarsi automaticamente durante la stagione. Anche su FUT18 saranno riproposte, con una leggera differenza: se lo scorso anno gli aggiornamenti riguardavano soltanto le versioni del TOTW, in questa edizione gli sviluppatori hanno promesso delle novitá, facendo intendere che gli aggiornamenti potrebbero arrivare anche in concomitanza con ottime prestazioni nelle coppe internazionali.
Web App
Chiudiamo infine parlando della Web App, pesantemente trascurata negli ultimi anni e ora pronta a tornare con una nuova veste grafica e nuove funzionalità. Particolarmente apprezzata la scelta di poter completare le diverse SBC, funzione particolarmente utile per gli utenti che non hanno sempre la console a portata di mano. Infine, per la prima volta in assoluto, arriverà anche l’applicazione per tablet, misteriosamente assente in passato.

Spaziogames

Autore: Alberto

Notizie di oggi
La prova di Unravel 2
La prova di Unravel 2
(Firenze)
-

Se in Unravel il filo di cui era composto Yarny era l’unico strumento con cui poter superare ostacoli ed enigmi, in questo secondo capitolo l’interessante aggiunta del multiplayer co-op in locale rende le fasi puzzle decisamente più frizzanti e soddisface
A due anni di distanza dall’uscita di Unravel, Coldwood Interactive torna a...

Overkill's The Walking Dead, cosa sapere
Overkill's The Walking Dead, cosa sapere
(Firenze)
-

La lacuna nella fase stealth è il game changer: se i ragazzi di Starbreeze riuscissero a risolvere questo aspetto il gioco farebbe un enorme salto in avanti e allora sarebbe un assoluto must have per gli appassionati del genere o della saga.
Otto stagioni e un successo mondiale da capogiro per The Walking Dead, la serie...

Anteprima Jurassic World Evolution
Anteprima Jurassic World Evolution
(Firenze)
-

Jurassic World Evolution, è un prodotto ricco non solo per i fan ma un grande gestionale del quale conosciamo solo la punta dell’iceberg, gli sviluppatori sono tutt’ora al lavoro per proporre nuovi contenuti in stretto collegamento a questa ip.
È vero, i videogiochi sono belli e ci fanno vivere storie incredibili... Ma...

Dead or Alive 6, cosa sapere
Dead or Alive 6, cosa sapere
(Firenze)
-

Tutto inizia con l'introduzione del Break Gauge meter, una barra che si riempie colpo dopo colpo e che una volta al massimo può essere usata per sferrare il Fatal Rush, una combo devastante formata da più "Break Blows", o contrattaccare quasi qualunque at
In un mondo di picchiaduro dove il genere, i giochi, i set di mosse e in...

PES 2019, cosa sapere
PES 2019, cosa sapere
(Firenze)
-

Potete immaginare la delusione quindi quando il provato ci ha mostrato invece un titolo che probabilmente si ritrova addirittura qualche passo indietro rispetto all'anno scorso.
Sembrano ormai secoli da quando nei primi anni 2000 non esisteva titolo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati