Fichi d'India: guida

(Bologna)ore 13:29:00 del 06/07/2019 - Categoria: , Cucina

Fichi d'India: guida

Quando portò questi frutti, che gli Aztechi chiamavano nopali, alla corte reale furono soprannominati fichi d'India.

 

FICHI D'INDIA IN CUCINA - Il frutto delle contraddizioni con la sua origine esotica ma al tempo stesso nostrana, un sapore estremamente dolce celato da una scorza dura e spinosa: i fichi d’India contengono una così vasta gamma di caratteristiche da rivelarsi ogni volta una scoperta inaspettata.
Appartenente alla famiglia delle Cactaceae, proveniente dal Messico, l’Opuntia ficus – così il suo nome scientifico – già ampiamente utilizzato ai tempi degli atzechi, non tardò a diffondersi nelle regioni meridionali dello stivale approdando soprattutto nei territori aridi e soleggiati della Sicilia.

FICHI D'INDIA IN CUCINA - Tanto che oggi non c’è strada che si attraversi senza trovarsi di fronte ad un paesaggio da cartolina punteggiato da fitte composizioni di fichi d’India che svettano verso i raggi solari.

I fichi d'India si chiamano così perché furono portati nel Vecchio Continente da Cristoforo Colombo. Era il 1943. Il celebre navigatore approdato nelle Americhe, credeva di esser sbarcato invece sulle coste dell'India. Quando portò questi frutti, che gli Aztechi chiamavano nopali, alla corte reale furono soprannominati fichi d'India.

FICHI D'INDIA IN CUCINA - La pianta del fico d'India è composta da pale, fusti modificati dalla forma appiattita e ovale, della lunghezza di circa 30-40 cm, che le assicurano la fotosintesi e la riserva d'acqua. Le foglie di questa pianta hanno invece una forma conica e sono lunghe appena qualche millimetro.

Sulle pale nascono dapprima i fiori che lasciano poi il posto a una bacca carnosa con numerosi semi(fino a 300 per unità): il fico d'India frutto.

Il peso di questo frutto può variare da 150 a 400 grammi. Il colore del fico varia a seconda delle varietà: è giallo-arancione se appartiene alla sulfarina, rosso porpora nella varietà sanguigna, mentre è bianco se appartiene alla muscaredda. A seconda del periodo in cui nascono, varia anche la forma. I primi fichi d'India sono tondeggianti, quelli più tardivi hanno una forma allungata e peduncolata.

Non tutti sanno che le parti commestibili del fico d'India pianta sono in realtà tre: le pale (che possono essere cucinate come una comune verdura), i petali dei fiori (che possono essere mescolati con gli ingredienti di un'insalata), e i frutti. Le pale hanno più o meno la stessa consistenza delle taccole, basta tagliarle a listarelle e bollirle fino a che non si ammorbidiscono. Possono essere però consumate anche grigliate.

Tra le varietà preservate dal marchio DOP c'è il Fico d'india di San Cono. Questa varietà cresce nei comuni di San Cono e San Michele di Ganzaria in provincia di Catania; a Piazza Armerina in provincia di Enna e a Mazzarino in provincia di Caltanissetta. Vengono ricavati dalle cultivar Surfarina o Nostrale, Sanguigna, Muscaredda o Sciannarina. Si tratta di una varietà il cui frutto ha grandi dimensioni, un alto contenuto zuccherino e un acceso colore di buccia e polpa.

 

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Paella Italiana: guida
Paella Italiana: guida
(Bologna)
-

Per fare la paella alla italiana, dopo aver spazzolato le cozze per liberarle dalle eventuali barbe e dal bisso, fatele aprire a fuoco vivo, quindi sgusciatele nelle mezze valve e filtrate il liquido di cottura.
  COME FARE LA PAELLA ITALIANA - La paella è un piatto che si presta...

Come usare il Mango
Come usare il Mango
(Bologna)
-

Il mango possiede un nocciolo molto grosso, duro e difficile da eliminare perché bene attaccato alla polpa ma niente paura, esiste un trucchetto per rendere le cose più facili, il cosiddetto “taglio a porcospino“: basta tagliare il mango in tre parti per
  COME USARE IL MANGO IN CUCINA - Uno dei più tipici frutti esotici insieme...

Cosa mangiare a Ferragosto
Cosa mangiare a Ferragosto
(Bologna)
-

COSA MANGIARE A FERRAGOSTO - Per 8 donne napoletane su 10, il pranzo di Ferragosto, con amici e parenti, si potrebbe trasformare in una fonte di ansia e stress.
COSA MANGIARE A FERRAGOSTO - Per 8 donne napoletane su 10, il pranzo di...

Carta da cucina: alternative ecologiche e sostenibili
Carta da cucina: alternative ecologiche e sostenibili
(Bologna)
-

ALTERNATIVE ECOLOGICHE CARTA DA CUCINA - Si calcola che per produrre tutta questa carta da cucina sia necessario abbattere circa 110 milioni di alberi per anno, consumando in fase di produzione quasi 50 miliardi di litri di acqua.
ALTERNATIVE ECOLOGICHE CARTA DA CUCINA - Si calcola che per produrre tutta...

Salse in cucina: guida passo passo
Salse in cucina: guida passo passo
(Bologna)
-

Per esempio, la vinaigrette è formata da olio e aceto: si tratta di micro gocce di aceto disperse nell’olio, per regalarci una salsa che sembra liscia ma, dopo qualche minuto, si separa.
  COME PREPARARE SALSE IN CUCINA - Sensuali, aromatiche, sfiziose e capaci di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati