Fai una foto ai vigili in DIVIETO DI SOSTA? Finisci a processo per oltraggio a PUBBLICO UFFICIALE!

BOLOGNA ore 18:41:00 del 20/04/2016 - Categoria: Denunce, Nuove Leggi, Sociale - Vigili in Divieto di Sosta

Fai una foto ai vigili in DIVIETO DI SOSTA? Finisci a processo per oltraggio a PUBBLICO UFFICIALE!

Succede al Forte Tiburtino: ”C’era una continua lite perché alle nostre auto facevano le multe mentre alle loro no, anche se erano sempre in divieto. Per questo le forze dell’ordine ci dissero che se volevamo portare avanti una denuncia dovevamo fare dell

FOTOGRAFARE VIGILI IN DIVIETO DI SOSTA E FINIRE A PROCESSO PER OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE: ECCO L’ULTIMA FOLLIA DELLA GIUSTIZIA ITALIANA

FOTOGRAFARE VIGILI IN DIVIETO DI SOSTA E FINIRE A PROCESSO PER OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE: BENVENUTI A ROMA! – UN GRUPPO DI IMPIEGATI IMMORTALAVA LE AUTO PRIVATE DELLA POLIZIA MUNICIPALE, CHE NON VENIVANO MAI MULTATE, MENTRE LE ALTRE VENIVANO RIMOSSE. NATURALMENTE A FINIRE NEI GUAI SONO STATI LORO

Succede al Forte Tiburtino: ”C’era una continua lite perché alle nostre auto facevano le multe mentre alle loro no, anche se erano sempre in divieto. Per questo le forze dell’ordine ci dissero che se volevamo portare avanti una denuncia dovevamo fare delle fotografie”. Un giorno un’impiegata è stata ‘arrestata’…

Lavorare accanto ad un comando dei vigili urbani può diventare un vero e proprio incubo quando si raggiunge l’ufficio in auto con la necessità di trovare ogni giorno un parcheggio.

Incubo che si è trasformato in realtà per un’impiegata di un’agenzia assicurativa finita ora a processo con l’accusa di aver ostacolato il lavoro della polizia municipale per il solo fatto di aver voluto fotografare le auto private dei vigili lasciate in divieto di sosta.Scenario dell’episodio è via del Forte Tiburtino dove ha sede il V Gruppo dei vigili urbani ed anche un’agenzia della Unipolsai.

Gli impiegati dell’agenzia assicurativa hanno raccontato in aula, davanti al giudice monocratico di Roma, che le loro autovetture parcheggiate in divieto lungo la via venivano continuamente multate mentre stessa sorte non riguardava le vetture private dei vigili lasciate ugualmente in sosta vietata.

«C’era una continua lite – ha detto uno degli impiegati sentito come testimone – perché alle nostre auto facevano le multe mentre alle loro no, anche se erano sempre in divieto. Per questo le forze dell’ordine ci dissero che se volevamo portare avanti una denuncia dovevamo fare delle fotografie».

È per questo che i dipendenti delle assicurazioni hanno iniziato a fotografare le vetture dei vigili lasciate in divieto di sosta fino ad arrivare all’episodio avvenuto il primo ottobre del 2012 che ha portato alla denuncia di una delle impiegate. La donna, difesa dall’avvocato Debora Giordani, è a processo per interruzione di pubblico servizio, resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e ingiurie.

Tutto è accaduto intorno alle nove del mattino: l’impiegata delle assicurazioni ha fotografato alcune vetture in divieto di sosta, mentre da una di queste due vigili stavano scaricando della merce sequestrata a dei venditori ambulanti. Ne è nata una discussione e la donna è stata portata negli uffici dei vigili per l’identificazione e per fornire spiegazioni. Secondo quanto denunciato dai vigili l’impiegata avrebbe avuto un atteggiamento oltraggioso e li avrebbe anche insultati. La donna ha avuto poi anche un malore tanto da esser stato richiesto l’intervento di un’ambulanza.

L’accusa l’interruzione di pubblico servizio si sarebbe concretizzata nell’aver intralciato le operazioni di scarico della merce sequestrata dalla vettura di servizio.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Vivere per lavorare: pensione a 70 anni sempre piu' vicina
Vivere per lavorare: pensione a 70 anni sempre piu' vicina

-

Perchè non allunghiamo la vita lavorativa fino a 90 anni, così risolviamo il problema? Ridicoli.
Perchè non allunghiamo la vita lavorativa fino a 90 anni, così risolviamo il...



-


Questo è un motivo "più che ottimo" per votare, alle prossime elezioni...

Voi continuate a chattare alla guida: SOSPENSIONE PATENTE ALLA PRIMA INFRAZIONE, 1280 EURO DI MULTA
Voi continuate a chattare alla guida: SOSPENSIONE PATENTE ALLA PRIMA INFRAZIONE, 1280 EURO DI MULTA

-

CHATTA SU STA MULTA - SOSPENSIONE DELLA PATENTE GIÀ ALLA PRIMA INFRAZIONE E RADDOPPIO DELLE SANZIONI PER CHI SARA’ SORPRESO ALLA GUIDA CON IL CELLULARE: L'INIZIALE 'AMMORBIDIMENTO' E' STATO SUBITO IRRIGIDITO - PER I RECIDIVI STOP FINO A 6 MESI, SANZIONI A
CHATTA SU STA MULTA - SOSPENSIONE DELLA PATENTE GIÀ ALLA PRIMA INFRAZIONE E...

Strage Borsellino 25 anni dopo: l'Italia e' una Repubblica fondata sulle...MAFIE
Strage Borsellino 25 anni dopo: l'Italia e' una Repubblica fondata sulle...MAFIE

-

Falcone e borsellino erano l' effettivo antibiotico contro il malaffare ... inutili e superflue altre parole ... chi ha omesso, chi CONTINUA ad omettere, coprire ed insabbiare, è tutt' ora complice se non gli effettivi mandanti dell' assassinio (ricordo a
Falcone e borsellino erano l' effettivo antibiotico contro il malaffare ......

Auto non chiusa a chiave? 170 Euro di multa, 41 per finestrino aperto!
Auto non chiusa a chiave? 170 Euro di multa, 41 per finestrino aperto!

-

TI FREGANO LA MACCHINA E TI MULTANO PURE! – PER L’AUTO NON CHIUSA A CHIAVE SI RISCHIA FINO A 168 € - PER IL FINESTRINO APERTO 41 € - SIMILI DIMENTICANZE POSSONO RAPPRESENTARE UNA SORTA DI “INDUZIONE A COMMETTERE REATO”...
TI FREGANO LA MACCHINA E TI MULTANO PURE! – PER L’AUTO NON CHIUSA A CHIAVE SI...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati