Faccine di Facebook: ecco cosa non ti dicono

(Milano)ore 13:37:00 del 22/05/2016 - Categoria: Curiosità, Denunce, Internet - Faccine Facebook

Faccine di Facebook: ecco cosa non ti dicono

In pratica, secondo la Polizia belga, i gestori del social network hanno la possibilità di crearsi un quadro più preciso di noi e delle nostre vite. Questo osservando le nostre reazioni (oltre che le nostre foto e tutto ciò che sul social pubblichiamo).

La Polizia ha anche emesso un comunicato stampa che ha poi pubblicato sul proprio sito dove si legge: ‘’Facebook non perde mai l’opportunità di raccogliere informazioni sui propri utenti’’. In pratica, secondo la Polizia belga, i gestori del social network hanno la possibilità di crearsi un quadro più preciso di noi e delle nostre vite. Questo osservando le nostre reazioni (oltre che le nostre foto e tutto ciò che sul social pubblichiamo).

Dopo anni di lamentele e di richieste, Facebook ha cercato di accontentare i suoi utenti. Dopo la questione sul fatto che il ‘’Mi piace’’ fosse troppo poco, è stata data la possibilità a tutti quelli che sono iscritti al social di poter esprimere di più. Da qualche tempo, infatti, il social network più famoso del mondo, oltre classico like, ha introdotto anche altre reazioni: oltre a dire ‘’mi piace’’, gli utenti possono manifestare amore, stupore, tristezza, rabbia, choc. Beh, non vi dovremo certo dire noi cosa sono le reazioni di Facebook, siamo certi che lo sapete già. In compenso, però, possiamo dirvi altro, che probabilmente non sapete. Per esempio che la Polizia ne sconsiglia l’uso. Il motivo? Preoccupante.

’Facebook è anche un campione per il marketing: limitando il numero di reazioni a 6, Facebook sta contando su di voi affinché esprimiate i vostri pensieri più facilmente così che l’algoritmo sia più efficiente. Con i vostri click, sarà possibile determinare il tipo di contenuti da far comparire sulle vostre bacheche’’. 

Si mette a rischio la privacy. Come si legge sul Mirror, in Belgio, la Polizia sta mettendo in guardia la gente: ‘’Se ci tenete alla vostra privacy, evitate di utilizzare i pulsanti reazione su Facebook’’. 

La Polizia belga aggiunge anche che in questo modo Facebook può piazzare annunci pubblicitari mirati in base alla conoscenza di ognuno. Non solo può proporre annunci mirati a noi, ma anche vendere più spazi pubblicitari. Tutto per merito delle nostre reazioni. 

Autore: Luca

Notizie di oggi
Migliori APP per vendere
Migliori APP per vendere
(Milano)
-

Se siete amanti del vintage queste applicazioni potrebbero essere un'occasione unica per fare shopping e trovare il capo dallo stile retrò che cercate da tempo!
MIGLIORI APP PER VENDERE - Sono lì da mesi, se non anni, a prendere polvere e...

I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
(Milano)
-

I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo stesso)
I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo...

FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
(Milano)
-

Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a Tenerife e alle Canarie: connazionali che non sempre si comportano nel migliore dei modi e vivono onestamente. E l’aumento di episodi di truffe o microcriminalità commessi da i
Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a...

250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
(Milano)
-

In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si emigra come negli anni del dopoguerra: nel 2016 sono 250mila gli italiani scappati all’estero. La cifra ha superato i flussi degli immigrati in Italia.
In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si...

SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
(Milano)
-

La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale in Italia, superando l’eccesso di velocità, e la guida in stato di ebbrezza. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza.
La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati