Evitare l'effetto YOYO nella dieta

(Milano)ore 13:16:00 del 15/03/2017 - Categoria: , Salute

Evitare l'effetto YOYO nella dieta

Secondo uno studio condotto dall’Università di Copenhagen, per evitare l’effetto yo-yo appena smessa la dieta bisognerebbe seguire il nuovo regime alimentare per almeno 12 mesi, ovvero il periodo di tempo che il nostro corpo necessita per abituarsi al cam

Perdere peso per sempre si può. Secondo uno studio condotto dall’Università di Copenhagen, per evitare l’effetto yo-yo appena smessa la dieta bisognerebbe seguire il nuovo regime alimentare per almeno 12 mesi, ovvero il periodo di tempo che il nostro corpo necessita per abituarsi al cambiamento e a stabilizzare il senso di fame. In questo modo i chili persi non si recuperano mai più. Tutto sta nel far tornare regolare la grelina, l’ormone che stimola il senso di fame, e che durante il periodo di dimagrimento tende a salire. Ecco perché, la famosa dieta di mantenimento può essere seguita per un periodo illimitato di tempo, visto che si tratta più che altro di una educazione alimentare.

In effetti stare a dieta un anno intero non è così semplice anche se, a conti fatti, vale la pena. Ci sono comunque delle accortezze da mettere in pratica per evitare di vanificare gli sforzi e le rinunce fatte day-by-day.

La prima cosa da fare è non arrivare alla prova costume sperando in una dieta lampo dai risultati miracolosi (gli approcci fanatici hanno il 5% di possibilità di avere successo) di quelle che promettono di farvi perdere tre chili in una settimana. Vanno bene per sgonfiarsi, ma si tratta di una variazione di peso fluttuante e soprattutto di una perdita di liquidi, non di massa grassa. Ecco perché, basta ritornare a mangiare normale la settimana successiva per fare di nuovo pendere l’ago della bilancia verso destra. Questo tipo di diete, infatti, variano il livello di glucosio nel sangue e potrebbero attivare la lipogenesi, ovvero lo stoccaggio degli zuccheri in forma di grasso e non di energia.

Secondo, evitate di mangiare i carboidrati da soli. Questa regola fa parte della dieta B Factor della nutrizionista Samantha Biale. Abbinarli a proteine e grassi consente di tenere sotto controllo l’indice glicemico, ovvero l’assorbimento del cibo sotto forma di energia. Con un indice glicemico basso, il corpo può usare gli zuccheri necessari senza trasformare quelli in eccesso in grasso di deposito. Insomma, mangiare una pasta al tonno con olio d’oliva è meglio di una pasta in bianco.

La colazione, è la prima cosa bella della giornata. Secondo il Wolfson Medical Center dell’Università di Tel Aviv, chi fa colazione dimagrisce del 28% in più di chi, a parità di calorie giornaliere, non la fa. Se mangiate entro 40 miminuti dal risveglio, tenete a bada la fame nelle ore successive.

Parola d’ordine: compensare. Mangiare regolare tutti i giorni senza nessuno strappo alla regola è pressoché impossibile. Se, quindi, per i prossimi 12 mesi, non volete dire di no ad apertivi, inviti a cena etc, basta riequilibrare l’eccesso calorico nelle giornate successive. Dopo una abbuffata, optate per pasti a base di proteine magre e verdure, senza farinacei né grassi. Un apporto calorico limitato per 1 o 2 giorni compensa il sovrappiù energetico.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
La contaminazione alimentare? A NORMA DI LEGGE!
La contaminazione alimentare? A NORMA DI LEGGE!
(Milano)
-

L’Italia è il terzo consumatore a livello comunitario di pesticidi (130mila tonnellate), preceduto solo da Spagna e Francia, mentre siamo il secondo consumatore di fungicidi (oltre 65mila tonnellate utilizzate in un anno).
L’Italia è il terzo consumatore a livello comunitario di pesticidi (130mila...

Vivere senza Denaro e' possibile: liberi e con una vita dignitosa
Vivere senza Denaro e' possibile: liberi e con una vita dignitosa
(Milano)
-

Purtroppo la società in cui viviamo oggi ci ha inglobati in un circolo vizioso dove il denaro e posto al centro di tutto.  Il denaro ci rende prudenti e la maggior parte delle volte ci annebbia la vista
Purtroppo la società in cui viviamo oggi ci ha inglobati in un circolo...

Dieta: dimagrire mangiando e' possibile! Ecco come
Dieta: dimagrire mangiando e' possibile! Ecco come
(Milano)
-

Per perdere peso, saltare la prima colazione, secondo gli esperti, sarebbe un’abitudine estremamente errata. Studi recenti, infatti, confermerebbero come invece aiuterebbe a dimagrire e a mantenere con maggiore facilità il proprio peso forma
Per perdere peso, saltare la prima colazione, secondo gli esperti, sarebbe...

Pesce nella dieta per dimagrire
Pesce nella dieta per dimagrire
(Milano)
-

Il pesce presenta un buon valore nutrizionale , la sua composizione biochimica varia in relazione alla specie e alle condizioni di vita.
Il pesce presenta un buon valore nutrizionale , la sua composizione biochimica...

Dieta: cosa mangiare nella Pausa pranzo
Dieta: cosa mangiare nella Pausa pranzo
(Milano)
-

Pausa pranzo per chi ha  poco tempo e segue una dieta, che mangiare? Hai 2 opzioni: l’insalata, sinonimo di leggerezza, e il panino, spesso considerato pesante e poco salutare.
Pausa pranzo per chi ha  poco tempo e segue una dieta, che mangiare? Hai 2...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati