Evado l'Iva perche' i soldi mi servono per pagare i miei dipendenti: imprenditore eroe!

(Treviso)ore 20:20:00 del 16/10/2016 - Categoria: Cronaca, Lavoro

Evado l'Iva perche' i soldi mi servono per pagare i miei dipendenti: imprenditore eroe!

Signori giudici, quando condannerete lo Stato e varie amministrazioni pubbliche a pagare I debiti contratti verso I loro fornitori privati nei tempi previsti dal contratto di fornitura ?????

Signori giudici, quando condannerete lo Stato e varie amministrazioni pubbliche a pagare I debiti contratti verso I loro fornitori privati nei tempi previsti dal contratto di fornitura ?????

Quello dei giudici è rimasto l’unico posto fisso in Italia che non si può perdere. Solo loro non possono essere licenziati. Tutti gli altri sì. Che si cominci a licenziare anche loro. Che si faccia conoscere il morso della disoccupazione anche a questa gente. Così capiranno sulla propria pelle che la perdita del lavoro, oltre ad essere un grave danno alla persona, è anche un danno per la collettività. Ma come si fa a far capire a questa gente, a cui tutto è dovuto e a cui mai nessuno presenterà il conto dei propri errori, che la perdita del lavoro è un dramma umano. Una morte civile che, a volte, neppure un nuovo lavoro riesce a sanare il trauma che la parola licenziamento ha scavato dentro la psiche del licenziato.

EVADO L’IVA PERCHE’ I SOLDI MI SERVONO PER GLI STIPENDI”: L’IMPRENDITORE SUL LASTRICO HA TROVATO FINALMENTE UN GIUDICE DOTATO DI BUONSENSO. ECCO COSA HA DECISO

Protagonista di questa storia, riportata dal quotidiano locale La Tribuna di Treviso, è l’amministratore della Mobil Record di Fontanelle.

All’uomo era contestato il mancato versamento di ben 911mila euro di Iva per l’anno 2013, quando l’azienda, poi fallita nel dicembre 2014, si trovava in gravi difficoltà finanziarie. Secondo i magistrati la Mobil record “non ha voluto evadere l’imposta, ma ha dovuto farlo perché non c’era più un euro in cassa”. Rebuli ha infatti preferito impiegare la liquidità rimasta per pagare gli stipendi dei dipendenti piuttosto che risolvere i conti con il Fisco.

A consultare la sentenza di secondo grado infatti si apprende che “ha prevalso la linea giurisprudenziale secondo cui nelle aziende in grave crisi di liquidità viene meno il dolo“. Non si tratta infatti del primo caso del genere. In aprile ad Arezzo il giudice aveva assolto un imprenditore attivo nel ramo degli infissi che non aveva pagato settecentomila euro di imposta sul valore aggiunto pur di assicurare lo stipendio ai propri dipendenti. A marzo del 2015 invece era stata la volta del legale rappresentante di una cooperativa siciliana, ritenuto non punibile per il mancato pagamento di 850mila euro per “cause di forza maggiore.”

Questo era quello che era successo qualche tempo prima: Un imprenditore è finito alla sbarra per omesso versamento dell’Iva (con riguardo all’anno di imposta 2006) per quasi 258 mila euro. Davanti ai giudici si era giustificato dicendo che l’azienda, un’impresa di Fossano, specializzatata nella costruzione di prefabricati, era in crisi. L’azienda ha attraversato una fase di scarsa liquidità e così aveva preferito continuare nel pagamento degli stipendi almeno per un anno, evitando di pagare l’Iva. L’imputato, dunque, aveva invocato il cosiddetto “stato di necessità”, che in base al codice esclude la punibilità di chi ha commesso un fatto per “salvare sé o altri dal pericolo di un danno grave alla persona”. Ma i giudici della Corte d’appello di Torino prima, e quelli della Cassazione poi, lo hanno condannato a quattro mesi di reclusione.

Autore: Luca

Notizie di oggi

(Treviso)
-


Ma questa civiltà ti toglie il tempo di capire se quello che stai facendo è...

STAGE SCOLASTICI: ACCORDO TRA SCUOLA E AZIENDE PER SFRUTTARE I GIOVANI
STAGE SCOLASTICI: ACCORDO TRA SCUOLA E AZIENDE PER SFRUTTARE I GIOVANI
(Treviso)
-

Manodopera a costo basso, bassissimo e per la quale – certificano le Fiamme gialle – «i mediatori si facevano pagare 60 euro alla settimana per ogni studente impiegato in cucine, bar e alberghi»
In teoria rientrava tutto nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro. In...

JOBS ACT: OPERAIO COSTRETTO AD URINARSI ADDOSSO PER NON 'RALLENTARE LA PRODUZIONE'
JOBS ACT: OPERAIO COSTRETTO AD URINARSI ADDOSSO PER NON 'RALLENTARE LA PRODUZIONE'
(Treviso)
-

Operaio Fiat costretto a farsi la pipì addosso. Usb: “Per non rallentare la produzione”
Un lavoratore dello stabilimento Sevel di Atessa, in Abruzzo, non è potuto...

LA GRANDE TRUFFA DELLA MONETA: E' GIUSTO PAGARE LE TASSE?
LA GRANDE TRUFFA DELLA MONETA: E' GIUSTO PAGARE LE TASSE?
(Treviso)
-

Le tasse sono certamente uno degli argomenti più ricorrenti nelle lamentele di chi le deve pagare, e in particolare degli italiani.
Le tasse sono certamente uno degli argomenti più ricorrenti nelle lamentele di...

PREFETTURA SHOCK: VIETATO DENUNCIARE DEGRADO E CRIMINI DEI MIGRANTI
PREFETTURA SHOCK: VIETATO DENUNCIARE DEGRADO E CRIMINI DEI MIGRANTI
(Treviso)
-

PROIBITE LE FOTO DENUNCIA DEI RESIDENTI CONTRO IL DEGRADO E I PICCOLI CRIMINI DEGLI IMMIGRATI: LA PREFETTURA DI PESARO PROIBISCE AI CITTADINI DI FOTOGRAFARE I RICHIEDENTI ASILO E I CLANDESTINI. VISTO CHE NON RIESCONO A FERMARE I DELINQUENTI PROIBISCONO LE
PROIBITE LE FOTO DENUNCIA DEI RESIDENTI CONTRO IL DEGRADO E I PICCOLI CRIMINI...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati