Euro Intelligence: perchè non ne nasce una?

(Roma)ore 17:40:00 del 05/08/2016 - Categoria: Denunce, Economia

Euro Intelligence: perchè non ne nasce una?

L’ultima di una lunga serie di norme atte a danneggiare la nostra economia prevede che a partire da questo mese l’Ue ha “chiesto” all’Italia di aumentare il suo contributo all’Europa versando ulteriori 340 milioni di euro, che vanno ad aggiungersi ai 17 m

Nonostante i numerosi provvedimenti che penalizzano troppo le nostre aziende, come se non bastasse l’ Ue ci chiede sempre più soldi. Vogliono vederci fallire?

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Ecco perché sorge il sospetto che le leggi Ue per ridurre le emissioni di Co2 delle auto nuove non siano servite ad abbassare gli inquinanti ma solo ad aumentare i prezzi, cosa che ha di fatto favorito il già imponente mercato tedesco. Così come sorge il dubbio sull’imposizione fatta a Barroso di ritirare la proposta sull’obbligo di utilizzare bottiglie di vetro per l’olio nei ristoranti. Con la scusa di non sprecare vetro, fu fatto un clamoroso assist ai produttori di bassa qualità. Senza parlare del Regolamento Ue 653/2014 che modifica “l’identificazione elettronica dei bovini e l’etichettatura delle carni» che non prevede nessun tipo di informazione ne sul tipo di alimentazione utilizzata dagli animali in questione. Regolamento, guarda caso già utilizzato dai tedeschi e dagli americani.

Infine ci sono le sanzioni alla Russia che hanno recato un danno economico all’Italia di oltre 2.4 miliardi di euro solo nel biennio 2014-2015, mentre la Germania, come abbiamo scritto in un nostro articolo continua a fare affari con Mosca nonostante il divieto.

Insomma, i soldi italiani continuano ad uscire contribuendo a quell’Unione sempre più invisa. Con un bilancio di 140 miliardi l’Italia è il terzo contribuente dopo Francia e Germania nonostante nelle classifiche del Pil siamo solo al dodicesimo posto. Basterebbe solo questo per spiegare il vertiginoso aumento degli euroscettici, non solo in Italia, ma anche in tutta Europa. Senza parlare poi del made in Italy, marchio che da solo vale 1.3 trilioni di dollari e che tutti ci invidiano ma che l’Europa non vuole riconoscerci.

La precedente invece introduceva il regolamento 1169, in vigore da Dicembre, che ha di fatto eliminato l’obbligo di riportare sui prodotti alimentari lo stabilimento di produzione in modo tale da assestare l’ennesimo duro colpo alla nostra economia che finirà dunque schiacciata dalle multinazionali e da quelle aziende che inizieranno ad importare prodotti da chissà dove spacciandoli per italiani. Come scrive il Giornale.it “con il risultato che una gran quantità di mozzarelle vendute come italiane sono fatte con latte tedesco e in arrivo dai Paesi dell’Est, mentre due prosciutti su tre venduti come locali provengono da maiali allevati all’estero, soprattutto in Germania. Senza trascurare che, in attesa di imbarcarla nel gran carrozzone, alla Turchia solo nel 2013 di euro ne sono stati assegnati 935 milioni”.

L’ultima di una lunga serie di norme atte a danneggiare la nostra economia prevede che a partire da questo mese l’Ue ha “chiesto” all’Italia di aumentare il suo contributo all’Europa versando ulteriori 340 milioni di euro, che vanno ad aggiungersi ai 17 miliardi che ogni anno dobbiamo versare in nome di non si sa bene cosa.

Come si legge su “il Giornale.it Gravoso per i produttori italiani il fatto che la Commissione europea abbia sostituito i governi nazionali nel Wto, l’organizzazione che supervisiona gli accordi commerciali. Qui uno dei grimaldelli è lo Strumento generalizzato preferenziale, grazie al quale i Paesi in via di sviluppo esportano i loro prodotti a condizioni daziarie più favorevoli. Il risultato è che il riso di Cambogia e Myanmar sta uccidendo i produttori italiani. Così come il tessile in arrivo dal Pakistan e per il pescato (specialmente tonno) delle Filippine. Senza parlare dell’accordo di libero scambio con il Marocco che ha di fatto distrutto i prodotti ortofruttiferi del Sud Italia.

Per Coldiretti la perdita del Made in Italy ci costa solo nel campo alimentare 60 miliardi di euro. Inoltre ci sono tutte quelle leggi e leggine che incitano le aziende a cambiare Paese, inseguendo condizioni fiscali più vantaggiose ed infatti sono sempre più frequenti le finte delocalizzazioni. Ma l’accanimento non finisce qui, perché con la direttiva 1307/2013 si impone agli agricoltori italiani di lasciare sul campo il 7% dei contributi al fine di “livellare gli importi con gli altri Paesi”.

http://misteri.newsbella.it/l-ue-che-boicotta-litalia-ecco-tutte-le-leggi-anti-italiane-di-questa-europa-che-si-diverte-a-penalizzarci/

Autore: Luca

Notizie di oggi
In pensione a 67 anni dal 2019: SENZA VERGOGNA!
In pensione a 67 anni dal 2019: SENZA VERGOGNA!
(Roma)
-

Prima di innalzare l età pensionistica ...dobbiamo tagliare gli sprechi, vitalizi e le super Pensioni (es Ventola 10000 mese ) e di chi ha versato pochi Contributi Perché non si fa un calcolo matematico inserendo la comparazione con Giudici, Generali dell
Prima di innalzare l età pensionistica ...dobbiamo tagliare gli sprechi,...

I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...
I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...
(Roma)
-

La Camera stanzia 32 milioni l’anno (50 mila euro a deputato), il Senato 21,3 milioni (67 mila euro a senatore). A ogni gruppo è assicurata una somma minima, che cresce in proporzione alla consistenza numerica.
Ogni giorno, sette giorni su sette, i gruppi parlamentari percepiscono 160 mila...

Il disastro delle FONDAZIONI BANCARIE finanziate dal GOVERNO LADRO
Il disastro delle FONDAZIONI BANCARIE finanziate dal GOVERNO LADRO
(Roma)
-

Crisi e affari 
discutibili hanno indebolito il patrimonio degli enti che ora hanno meno risorse in cassa da distribuire sul territorio. E adesso devono anche affrontare il buco del fondo Atlante, voluto da Renzi
Crisi e affari 
discutibili hanno indebolito il patrimonio degli enti che...

Abbiamo quasi 150000 centenari: CHI PENSERA' A LORO?
Abbiamo quasi 150000 centenari: CHI PENSERA' A LORO?
(Roma)
-

I dati dell’Istat sui centenari in Italia sono a dir poco sconcertanti: erano meno di mille negli anni Ottanta, oggi sono 17mila, saranno 150mila nel 2050.
I dati dell’Istat sui centenari in Italia sono a dir poco sconcertanti: erano...

Consumo di suolo: ecco le citta' piu' cementificate
Consumo di suolo: ecco le citta' piu' cementificate
(Roma)
-

La provincia di Napoli è la più cementificata d’Italia, 11 città del territorio partenopeo figurano tra i primi venti comuni italiani a maggiore concentrazione edilizia.
La provincia di Napoli è la più cementificata d’Italia, 11 città del territorio...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati